CO­NO­SCEN­ZA E AMO­RE»

Vanity Fair (Italy) - - O Rinascerò -

pa­zien­ti. Quan­do la scien­za sa­rà in gra­do di riac­cen­de­re la vi­ta, cia­scu­no di noi po­trà de­ci­de­re quan­do vi­ve­re in mo­da­li­tà on op­pu­re off, in ogni mo­men­to e per sem­pre», so­stie­ne Hil­la­ry, la ra­gaz­za che nell’isti­tu­to si oc­cu­pa del­le ma­ca­bre ope­ra­zio­ni di con­ge­la­men­to. Ven­ti­quat­tro an­ni, oc­chi blu e aria an­ge­li­ca che stri­de nel­lo spa­zio ge­li­do del­la sua sala ope­ra­to­ria. Si è lau­rea­ta in Fu­ne­ral Ma­na­ge­ment do­po aver per­so la ma­dre in un in­ci­den­te, e da al­lo­ra il suo sguar­do sci­vo­la nel vuo­to a ogni si­len­zio. «Pur­trop­po al­lo­ra non co­no­sce­vo la pos­si­bi­li­tà di at­ten­de­re per una se­con­da vi­ta, al­tri­men­ti avrei po­tu­to so­gna­re di ri­ve­der­la e, can­cel­lan­do l’idea di mor­te, avrei can­cel­la­to an­che il do­lo­re», mi spie­ga. ug­gi­re è la fan­ta­sia che ha av­vi­ci­na­to an­che Elai­ne al­la crio­con­ser­va­zio­ne. Era­no gli an­ni del­la pre­si­den­za Ni­xon, in una pic­co­la cit­tà del­la pro­vin­cia ame­ri­ca­na che ve­de­va tor­na­re i ve­te­ra­ni dal Viet­nam, re­ci­ta­re le pre­ghie­re pri­ma del­la ce­na e i bam­bi­ni ab­bas­sa­re lo sguar­do da­van­ti ai pa­dri. Elai­ne ave­va già de­ci­so che que­sto mon­do non le pia­ce­va e per­de­va le sue gior­na­te a rin­cor­re­re le im­ma­gi­ni di ci­ne­ma e Tv che tra­smet­te­va­no i successi del­le mis­sio­ni spa­zia­li, il pri­mo Shut­tle e Guer­re stel­la­ri. Una do­me­ni­ca all’al­ba del­la sua

Fa­do­le­scen­za, ascol­tò l’in­ter­vi­sta di un uo­mo che pro­met­te­va la vi­ta eter­na. Era Ro­bert Et­tin­ger, il pa­dre del­la crio­ni­ca, e le sue pa­ro­le con­vin­se­ro Elai­ne che an­che lei avreb­be po­tu­to ri­na­sce­re. ’im­mor­ta­li­tà ha re­so que­sta mia vi­ta più se­re­na», di­ce, e sen­za esi­ta­re im­ma­gi­na il tem­po eter­no che l’at­ten­de e che riem­pi­rà di viag­gi, li­bri, me­stie­ri di­ver­si e di ogni al­tra co­sa que­sta vi­ta non le ab­bia da­to il tem­po di fa­re. «Nes­su­no sa co­me sa­rà il fu­tu­ro, ma io di que­sto pas­sa­to vor­rò sal­va­re so­lo co­no­scen­za e amo­re. Per que­sto ho chie­sto che ven­ga con­ge­la­ta sol­tan­to la mia te­sta e che il cer­vel­lo ven­ga reim­pian­ta­to su un cor­po ar­ti­fi­cia­le», spie­ga, men­tre Ali­ce fa vo­la­re una na­vi­cel­la spa­zia­le si­mu­lan­do con le lab­bra il suo­no vuo­to del­lo spa­zio. Ma­dre e fi­glia scher­za­no spes­so in­sie­me sul fat­to che un gior­no vi­vran­no su un al­tro pia­ne­ta, sen­za età e sen­za pau­re, cre­scen­do in­sie­me un or­to mar­zia­no e gio­can­do con un ca­ne ro­bot. Di­se­gna­no con la fan­ta­sia i lo­ro cor­pi ar­ti­fi­cia­li, «i ba­ci, pe­rò, quel­li sa­ran­no sem­pre ve­ri», si di­co­no poi sot­to­vo­ce. Pas­sa­no in­sie­me ogni mo­men­to del­la lo­ro gior­na­ta, lon­ta­ne dai non­ni e dal pa­dre, che vi­ve dal­la par­te op­po­sta del Pae­se e vi­si­ta Ali­ce ap­pe­na un pa­io di vol­te

Ll’an­no. At­tra­ver­sa­no que­sta vi­ta co­me alie­ni pron­ti a viag­gia­re nel tem­po, chie­den­do­si di ogni co­sa se gli piac­cia o me­no, se la por­te­reb­be­ro nel fu­tu­ro op­pu­re no. «L’idea dell’eter­ni­tà ren­de tut­to leg­ge­ro, co­me un gio­co nel qua­le ogni de­si­de­rio smet­te di es­se­re va­no», spie­ga Elai­ne. «E se poi qual­co­sa do­ves­se an­da­re stor­to, mi sa­rò co­mun­que di­ver­ti­ta», con­clu­de con una smor­fia di an­go­scia, per­ché in fon­do le in­co­gni­te non so­no po­che. Da più di dieci an­ni, con sa­cri­fi­cio, la don­na met­te da par­te i sol­di ne­ces­sa­ri per co­pri­re le spe­se di crio­con­ser­va­zio­ne. No­van­ta­mi­la dol­la­ri a te­sta, per scom­met­te­re su una nuo­va vi­ta e sui pro­gres­si del­la scien­za. Non so­no pe­rò le con­qui­ste me­di­che che met­te in di­scus­sio­ne, ma il fat­to che ci si im­pie­ghi più del pre­vi­sto e, nel buio dei ghiac­ci chi­mi­ci, lei e sua fi­glia ven­ga­no se­pa­ra­te. «Sa­re­mo tut­ti gio­va­ni e bel­li, ma io sem­pli­ce­men­te non pos­so im­ma­gi­na­re un’eter­ni­tà sen­za mia fi­glia», di­ce chiu­den­do gli oc­chi sul­le la­cri­me. Po­co più in là, dall’an­go­lo dei gio­chi stret­to tra la lu­ce del­la fi­ne­stra e la li­bre­ria pie­na di ti­to­li spa­zia­li, Ali­ce la os­ser­va con lo sguar­do dell’amo­re. «Te­so­ro, tu mi aspet­ti ve­ro?». «Ti scon­ge­lo io mam­ma».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.