O A MO­RI­RE?

Vanity Fair (Italy) - - Week -

la fra­gi­li­tà stes­sa di un cor­po in­di­fe­so a in­co­rag­gia­re le se­vi­zie. Chi ne abu­sa sen­te di po­ter­lo fa­re, o di do­ver­lo fa­re, e dun­que lo fa. Il pri­gio­nie­ro, l’ostag­gio, la ra­gaz­za se­que­stra­ta, la ca­via at­ti­ra­no su di sé una pu­ni­zio­ne che non han­no me­ri­ta­to, se non per il fat­to in sé di es­se­re de­bo­li, iner­mi. È la lo­ro de­bo­lez­za che va san­zio­na­ta in quan­to ta­le, da chi in que­sto mo­do riesce ad af­fer­ma­re il pro­prio ruo­lo do­mi­nan­te. Si trat­ta di evi­den­ze an­ti­che co­me il mon­do a cui le ri­cer­che condotte già qua­ran­ta o cin­quant’an­ni fa (Stan­ley Mil­gram e Phi­lip Zim­bar­do: an­da­te a pe­sca­re que­sti no­mi on-li­ne e vi ver­ran­no i bri­vi­di a leggere le sto­rie e i ri­sul­ta­ti dei lo­ro stu­pe­fa­cen­ti espe­ri­men­ti) han­no da­to un de­fi­ni­ti­vo fon­da­men­to scien­ti­fi­co. i tro­va qui il sot­ti­le, for­se l’uni­co col­le­ga­men­to tra il co­sid­det­to de­lit­to del Cir­ceo (1975) – che è lo spun­to, o piut­to­sto il cuo­re di te­ne­bra del mio ro­man­zo La scuo­la cat­to­li­ca – e quel­lo di re­cen­te av­ve­nu­to a Ro­ma nel quar­tie­re Col­la­ti­no, do­ve un ra­gaz­zo, Lu­ca Va­ra­ni, è sta­to uc­ci­so al cul­mi­ne di ore e ore di se­vi­zie du­ran­te un fe­sti­no a ba­se di co­cai­na. Con qua­le mo­ven­te? In ap­pa­ren­za so­lo il de­si­de­rio di «ca­pi­re co­sa si pro­va a uc­ci­de­re». L’estra­zio­ne bor­ghe­se dei due as­sas­si­ni e la coin­ci­den­za che uno di lo­ro, Ma­nuel Fof­fo, aves­se fre­quen­ta­to il San Leo­ne Ma­gno (la «scuo­la cat­to­li­ca» del mio li­bro) pro­prio co­me An­ge­lo Iz­zo e Gian­ni Gui­do, i «mo­stri» del Cir­ceo, so­no a mio av­vi­so se­con­da­ri ri­spet­to all’al­tro ele­men­to de­ci­si­vo che ac­co­mu­na quei de­lit­ti, e cioè la lo­ro gra­tui­tà: ol­tre che odio­si, sem­bra ren­der­li in­com­pren­si­bi­li. nfie­ri­re sen­za ra­gio­ne sui cor­pi di Ro­sa­ria Lo­pez e Do­na­tel­la Co­la­san­ti, o di Va­ra­ni, do­po aver­li con­su­ma­ti ses­sual­men­te, in­di­ca for­se la ri­cer­ca spa­smo­di­ca di qual­co­sa che si ce­la nel cor­po stes­so, nel suo fon­do im­mor­ta­le, nel suo fon­do, vor­rei di­re, «ce­le­ste», sul se­rio spi­ri­tua­le, in­som­ma ciò che un tem­po si chia­ma­va «ani­ma» e che coin­ci­de con la vi­ta stes­sa. Gli as­sas­si­ni han­no fru­ga­to co­me la­dri ine­sper­ti, de­va­stan­do ciò di cui si im­pa­dro­ni­va­no, e stiz­zi­ti dal fat­to di non riu­sci­re a tro­va­re su­bi­to il na­scon­di­glio se­gre­to del­la vi­ta­li­tà. È ca­rat­te­ri­sti­co del­la vio­len­za il fat­to di mol­ti­pli­car­si e ac­ca­nir­si in un cre­scen­do che bru­cia all’istan­te la sua esca ini­zia­le: il ses­so era so­lo un pre­te­sto, la dro­ga un boo­ster che ser­ve ad aver via li­be­ra, ma da un cer­to pun­to in poi la vio­len­za si pu­ri­fi­ca e amplifica, e va avan­ti da so­la… E per­ché, que­sto? re­do di aver ca­pi­to ap­pe­na un mil­li­me­tro in più di que­ste sto­rie pro­prio men­tre scri­ve­vo il li­bro, nel suo evol­ver­si: ero par­ti­to dal­la con­vin­zio­ne, ab­ba­stan­za co­mu­ne e an­che sen­sa­ta, che as­sas­si­ni di que­sto ti­po sia­no pri­vi di qual­sia­si em­pa­tia con le lo­ro vit­ti­me. Rie­sco­no a uc­ci­de­re fe­ro­ce­men­te pro­prio per­ché su­pre­ma­men­te in­dif­fe­ren­ti, ge­li­di, anaf­fet­ti­vi. Gen­te che ha bi­so­gno di fa­re il ma­le per sen­tir­si vi­va. Al­tri­men­ti mo­ri­reb­be di no­ia, pre­ci­pi­tan­do nell’apa­tia. An­ge­lo Iz­zo sem­bra cor­ri­spon­de­re in pie­no a que­sto pro­fi­lo mo­ra­le, e le in­da­gi­ni ve­ri­fi­che­ran­no se vi cor­ri­spon­do­no an­che i tor­tu­ra­to­ri del Col­la­ti­no. Ma pro­prio qui po­treb­be es­se­re na­sco­sto il fat­to­re ca­pa­ce di ro­ve­scia­re l’in­te­ro pun­to di vi­sta, di­mo­stran­do ve­ro l’esat­to con­tra­rio: e cioè che il go­di­men­to de­gli as­sas­si­ni con­si­ste in un’em­pa­tia to­ta­le, mor­bo­sa, con le lo­ro vit­ti­me. So­lo iden­ti­fi­can­do­si nel­la lo­ro sof­fe­ren­za, nel lo­ro pa­ti­men­to, fi­nal­men­te pro­va­no qual­co­sa. Non so­no sa­di­ci pu­ri, ma pri­ma di tut­to ma­so­chi­sti. Odia­no se stessi, dun­que cro­ci­fig­go­no gli al­tri. E co­sì go­do­no per in­ter­po­sta per­so­na del do­lo­re pro­vo­ca­to, fa­cen­do­lo pro­prio. Sen­ten­do quel­lo che si pro­va a uc­ci­de­re, in ve­ri­tà stan­no as­sag­gian­do in anticipo co­sa si pro­va a mo­ri­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.