CHI CU­RE­RÀ I NO­STRI FI­GLI?

I di­sa­bi­li in­tel­let­ti­vi e le fa­mi­glie la­scia­te so­le: VIT­TO­RIO SIN­DO­NI co­no­sce il pro­ble­ma e lo rac­con­ta in Ab­brac­cia­lo per me. Per­ché cam­bi qual­co­sa

Vanity Fair (Italy) - - Week - Di MAT­TEO GAM­BA

CS­te­fa­nia Roc­ca, 45 an­ni, e Moi­sé Cu­ria, 25, pro­ta­go­ni­sti di Ab­brac­cia­lo per me, nei ci­ne­ma dal 21 apri­le. A de­stra, il re­gi­sta Vit­to­rio Sin­do­ni, 76 an­ni. i so­no un sor­ri­so e un ur­lo nel film su mi­no­ri e di­sa­bi­li­tà in­tel­let­ti­va, Ab­brac­cia­lo per me. Il sor­ri­so è quel­lo che il re­gi­sta Vit­to­rio Sin­do­ni chie­de «per chi sof­fre di pro­ble­mi men­ta­li, quan­do lo in­con­tria­mo. È gra­tis ma va­le tan­tis­si­mo, an­che per chi lo ac­com­pa­gna. Far fin­ta di nien­te o guar­da­re al­tro­ve so­no ge­sti che fe­ri­sco­no, esclu­do­no». Il gri­do, in­ve­ce, è ri­vol­to al­la politica, ed è una ri­chie­sta d’aiu­to. «Per­ché do­po la leg­ge Ba­sa­glia (la 180 del 1978, ndr), che ha svuo­ta­to i ma­ni­co­mi, non ci so­no fon­di per crea­re ab­ba­stan­za “strut­tu­re in­ter­me­die”, che aiu­ti­no le fa­mi­glie. Che poi, ab­ban­do­na­te, si chie­do­no: chi si oc­cu­pe­rà dei no­stri fi­gli do­po di noi? In trop­pi so­no “te­nu­ti in ca­sa” e im­bot­ti­ti di far­ma­ci, a vol­te inu­ti­li se non dan­no­si». Sin­do­ni, 76 an­ni, uno dei mae­stri del­la com­me­dia e del ci­ne­ma im­pe­gna­to, ne par­la con la pas­sio­ne di un ra­gaz­zo, a Ro­ma nel ri­sto­ran­te to­sca­no «do­ve por­tai So­phia Lo­ren». Per lui ora c’è so­lo Ab­brac­cia­lo per me. Ab­bia­mo se­gui­to su Va­ni­ty­Fair.it il film, pa­tro­ci­na­to dal Ga­ran­te per l’In­fan­zia Vin­cen­zo Spa­da­fo­ra, tifando per­ché ve­nis­se di­stri­bui­to. Sin­do­ni, quan­do ne ha avu­to la cer­tez­za, ci ha ci­ta­to an­che nel trai­ler. Co­me ha de­ci­so di af­fron­ta­re un te­ma co­sì de­li­ca­to? «Mi ha spin­to il co­rag­gio di An­to­nel­la Giar­di­nie­ri, del mio pae­se, Ca­po d’Or­lan­do in Si­ci­lia. Nell’ago­sto 2014 mi por­tò un te­sto di 80 pa­gi­ne che ave­va scrit­to sul dram­ma del fra­tel­lo, bi­po­la­re. Mi col­pì, mi dis­si: “Non me lo fa­ran­no mai fa­re”». Poi pe­rò… «Ci ho pro­va­to lo stes­so, pro­du­cen­do­lo e rie­la­bo­ran­do­lo». An­che per­ché quel dram­ma lo co­no­sce be­ne. «Mio fi­glio Da­nie­le, di 38 an­ni, è af­fet­to da au­ti­smo e ab­bia­mo una splen­di­da co­mu­ni­tà che ci ha ac­com­pa­gna­to e ci ac­com­pa­gna. So che co­sa suc­ce­de quan­do la di­sa­bi­li­tà in­tel­let­ti­va esplo­de in una fa­mi­glia. Nel film si par­la di di­stur­bo bi­po­la­re: l’au­ti­smo di Da­nie­le l’ho ci­ta­to so­lo in una sce­na, am­bien­ta­ta in chie­sa, do­ve fa “scan­da­lo” la sua abi­tu­di­ne di to­glie­re gli oc­chia­li al­le ra­gaz­ze. Ma non è per lui che ho fat­to il film, an­zi, una se­ra mia mo­glie Ri­ta ha pro­va­to a fer­mar­mi: “Lo de­vi pro­prio fa­re que­sto film?”». Che co­sa ha ri­spo­sto? «Che po­te­va es­se­re uti­le, a tut­ti. Co­no­scia­mo be­ne la sof­fe­ren­za, fin da quel 1976, quan­do il no­stro pic­co­lo Fa­bio ven­ne fal­cia­to via da una mac­chi­na a 9 an­ni men­tre an­da­va a pren­de­re un ge­la­to in bi­ci­clet­ta». An­che Cic­cio, il pro­ta­go­ni­sta, è «fi­glio di un dio mi­no­re». «Il film rac­con­ta la sua sto­ria, di ra­gaz­zo bi­po­la­re ap­pun­to, che vede, cre­scen­do, ag­gra­var­si i sin­to­mi e l’esclu­sio­ne so­cia­le. Al cen­tro c’è il suo rap­por­to con la ma­dre, Ca­te­ri­na, esclu­si­vo, on­ni­vo­ro, che por­te­rà al­la di­sgre­ga­zio­ne di un’in­te­ra fa­mi­glia». In­ten­de di­re che un rap­por­to di que­sto ti­po può ag­gra­va­re la si­tua­zio­ne? «No, ma cer­to non aiu­ta Cic­cio a sta­re me­glio. Ca­te­ri­na stes­sa, co­me spes­so ac­ca­de, non am­met­te fi­no in fon­do la ma­lat­tia del fi­glio. A que­sto ser­vo­no le strut­tu­re in­ter­me­die, co­mu­ni­tà che aiu­ti­no a vo­lar via dal ni­do, cer­can­do un in­se­ri­men­to pro­tet­to nel­la so­cie­tà e per­met­ten­do il con­fron­to con al­tri af­fet­ti da­gli stessi di­stur­bi». Co­me nel fi­na­le del film. «Sì, sen­za sve­la­re trop­po, la pre­go. Ci ten­go tan­tis­si­mo ad Ab­brac­cia­lo per me, ho cu­ra­to ogni par­ti­co­la­re e non ho mai la­vo­ra­to co­sì tan­to. An­che per­ché pen­so che sa­rà il mio ul­ti­mo film». Si­cu­ro di ab­ban­do­na­re? Nes­sun’al­tra «co­sa che non le fa­ran­no mai fa­re»? «Qua­si si­cu­ro, vo­le­vo chiu­de­re con un ri­tor­no al ci­ne­ma di im­pe­gno: per que­sto, do­po tan­ta fic­tion Tv, ho de­ci­so di tor­na­re al ci­ne­ma do­po 26 an­ni. E pen­sa­re che per me tut­to è ini­zia­to a 19 an­ni, con 8 mi­la li­re pre­sta­te dal­la dro­ghe­ria del pae­se. Le ho spese per pren­de­re un tre­no in ter­za clas­se, va­go­ne di le­gno, e iscri­ver­mi a un cor­so di re­gia a Ro­ma del­la Pro Deo, og­gi Luiss. Al­tri so­gni do­po uno co­sì? For­se uno». Qua­le? «È un pro­get­to di Ele­na Fa­va, fi­glia di Pip­po Fa­va uc­ci­so dal­la ma­fia nel 1984: pur­trop­po an­che lei ci ha la­scia­to in di­cem­bre. Vor­rei rea­liz­zar­lo, co­me un re­ga­lo a lei, agli im­mi­gra­ti, al­la Si­ci­lia, a tut­ti. Un ci­mi­te­ro dei mi­gran­ti, da­van­ti al ma­re, de­gno del­la lo­ro tra­ge­dia che si con­su­ma ogni gior­no in quel­le ac­que».

IL FILM

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.