So­no un ra­gaz­zo for­tu­na­to

Vanity Fair (Italy) - - Beauty Parole Famose - Di MAR­CO DE MAR­TI­NO

Per Nar­ci­so Ro­dri­guez ve­sti­re le don­ne è (an­che) la pas­sio­ne più gran­de. Co­sì co­me crea­re profumi. Im­ma­gi­na­ti per le sue mu­se fa­mo­se e tra­dot­ti in no­te pen­san­do al­la pel­le nu­da, al­le ro­se e a un’iso­la più so­gna­ta che vis­su­ta Quan­do era un tee­na­ger Nar­ci­so Ro­dri­guez ama­va an­da­re con i suoi ami­ci per ne­go­zi sull’Ot­ta­va stra­da nel Vil­la­ge di New York. An­co­ra ades­so, ma di più al­lo­ra, quel­la era la stra­da do­ve si tro­va­va­no le scar­pe con le bor­chie, i kilt punk, le giac­che an­ni Set­tan­ta: «C’era­no an­che in­fu­si e in­cen­si, e il mio amo­re per il mu­schio è na­to lì: com­pra­vo una bot­ti­gliet­ta, lo an­nu­sa­vo, lo me­sco­la­vo ad al­tre es­sen­ze». Sin da quan­do ha co­min­cia­to a crear­le, le sue fra­gran­ze in­cor­po­ra­no sem­pre un cuo­re di mu­schio, e co­sì an­che la sua ul­ti­ma crea­zio­ne, Nar­ci­so Eau de Par­fum Pou­drée, ma Ro­dri­guez la con­si­de­ra uno stac­co ri­spet­to ai suoi profumi pre­ce­den­ti: «Qui ho la­vo­ra­to mol­to sul nu­do, sul co­lo­re del­la pel­le e del­le ro­se, un mon­do astrat­to che per for­tu­na di­ven­ta real­tà gra­zie al­la gen­te straor­di­na­ria che la­vo­ra con me». Sia­mo nel suo uf­fi­cio, che pren­de tut­to il pia­no di un pa­laz­zo vi­ci­no a Gra­mer­cy Park. Na­to in New Jer­sey da ge­ni­to­ri di ori­gi­ne cu­ba­na, Nar­ci­so Ro­dri­guez og­gi ha un golf blu so­pra a una T-shirt e quan­do mi in­con­tra si scu­sa per es­se­re in ri­tar­do, di un mi­nu­to esat­to. Mi rac­con­ta che sta­va lot­tan­do col cel­lu­la­re, te­men­do di ave­re per­so le sue fo­to: «Ne scat­to in con­ti­nua­zio­ne, an­che sta­mat­ti­na in me­trò che ho pre­so per an­da­re a un ap­pun­ta­men­to: l’ener­gia di New York, la sua gen­te, fi­ni­sco­no sem­pre in una col­le­zio­ne, dan­no sem­pre vi­ta a una nuo­va idea. So­lo Tokyo mi sti­mo­la quan­to que­sta cit­tà». Pen­sa che ci sia con­ti­nui­tà tra le sue fra­gran­ze e la sua mo­da? «Sì, per­ché le fra­gran­ze so­no il ri­fles­so più gran­de di quel­lo che faccio: rag­giun­go­no più per­so­ne, fan­no da am­ba­scia­to­ri al brand. La pub­bli­ci­tà del pri­mo pro­fu­mo For Her con Car­men Kass è an­co­ra do­po an­ni l’em­ble­ma di quel che vo­glia­mo tra­smet­te­re: un’im­ma­gi­ne mol­to fem­mi­ni­le, ro­man­ti­ca, pie­na di bel­lez­za e di gra­zia. Le fra­gran­ze so­no una par­te del mio la­vo­ro, che amo, da sem­pre, sin dal pri­mo mee­ting in cui sor­pren­den­do tut­ti mi so­no pre­sen­ta­to con bot­ti­glie, di­se­gni, aro­mi a cui an­co­ra ades­so tor­nia­mo spes­so». Per­ché le sue crea­zio­ni so­no co­sì mi­ni­ma­li­ste? «Da ra­gaz­zo vi­ve­vo con i miei, che era­no emi­gra­ti da Cu­ba ventenni, in una ca­sa mol­to ro­co­cò, e for­se la mia ca­me­ret­ta era ul­tra­mi­ni­mal per rea­zio­ne: so­lo bian­co e ne­ro, com­pre­sa la tap­pez­ze­ria, e

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.