Full im­mer­sion

Ti­noz­ze, pi­sci­ne, va­sche: per JA­CO­PO FOGGINI l’im­por­tan­te è co­min­cia­re la gior­na­ta con un lun­go, pro­dut­ti­vo am­mol­lo. Per­ché in ac­qua na­sco­no i pro­get­ti mi­glio­ri

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di AN­NA­MA­RIA SBI­SÀ

L’Ja­co­po Foggini, 49 an­ni. Il de­si­gner di ori­gi­ni to­ri­ne­si col­la­bo­ra, tra gli al­tri, con Edra. ul­ti­ma, del­le in­ven­zio­ni bat­tez­za­te con un no­me di don­na, si chia­ma Ines. Sot­ti­le, in­quie­ta e co­sì di­ver­sa dal so­li­to, la lam­pa­da in po­li­car­bo­na­to pre­sen­ta­ta al Sa­lo­ne del Mo­bi­le per Edra si slan­cia verso l’al­to, con un an­tro­po­mor­fo fuo­ri sca­la che im­me­dia­ta­men­te ri­por­ta all’im­ma­gi­na­rio di Ja­co­po Foggini. A quel­la re­si­na ter­mo­pla­sti­ca, il me­ta­cri­la­to de­sti­na­to ai fa­ri del­le au­to­mo­bi­li, con­ver­ti­ta in ar­te: co­me in­gre­dien­te ba­se di un ten­ta­co­la­re e cro­ma­ti­co de­si­gn. Enor­mi lam­pa­da­ri, se­du­te lu­mi­ne­scen­ti, sce­no­gra­fie, ta­vo­li e si­pa­ri com­pon­go­no un mon­do fun­zio­na­le ma al­tret­tan­to emo­zio­na­le, che non si con­ce­de in mo­do de­fi­ni­ti­vo al­lo sguar­do, co­me quan­do si osservano le nu­vo­le. C’è un la­vo­ro di ma­ni, die­tro le ca­sca­te di lu­ce, tra i no­di del­le se­du­te e nei mo­du­li in­ter­se­ca­ti, che sa crea­re un mo­vi­men­to inaf­fer­ra­bi­le, co­me può es­ser­lo quel­lo di una goc­cia d’ac­qua. In­fat­ti. È sta­ta pro­prio una goc­cia di me­ta­cri­la­to che ha ip­no­tiz­za­to lo sguar­do di Foggini bam­bi­no, in­tru­fo­la­to nel ca­pan­no­ne in­du­stria­le e pa­ra­liz­za­to da­van­ti al­le mac­chi­ne che fa­ce­va­no pau­ra, con quell’aria da mo­stri mec­ca­ni­ci, e pe­rò quel­la goc­cia che sem­bra­va ca­de­re da un enor­me na­so im­ma­gi­na­rio: la sce­na ma­dre in cui c’è già tut­to, fan­ta­sia e fuo­ri sca­la, il me­ta­cri­la­to e la sua con­ver­sio­ne. Nel­le mo­bi­li – pur se im­mo­bi­li – sce­no­gra­fie pla­sti­che che fan­no ve­ni­re in men­te il mi­to gre­co di Pro­teo, l’ora­co­lo ca­pa­ce di cam­bia­re for­ma in ogni mo­men­to. Foggini ama il pol­po, ani­ma­le a cui il mo­vi­men­to non man­ca, e so­prat­tut­to quel Pro­teo che ci vie­ne in men­te era fi­glio di Ocea­no: il de­si­gner con­si­de­ra l’ac­qua, se non del ma­re quan­to­me­no di una va­sca, il suo al­ta­re di pen­sie­ro. Ovun­que si tro­vi, la sua gior­na­ta co­min­cia im­mer­sa, nei pro­get­ti e nel li­qui­do che li cul­la: «Spes­so le idee ar­ri­va­no in quel mo­men­to». Il mo­men­to è com­pre­so di agen­da, li­bri e fo­glie d’in­sa­la­ta su cui tor­ne­re­mo, la­bo­ra­to­rio de­ci­sio­na­le con ba­gno­schiu­ma Vi­dal che du­ra an­che più di un’ora: «Nel­la va­sca pen­so al­la gior­na­ta, a co­sa de­vo fa­re. I po­st-it sul bor­do a vol­te vo­la­no in ac­qua e i de­si­de­ri sva­ni­sco­no». Non è gra­ve, la ti­noz­za per Foggini è un luo­go crea­ti­vo e spi­ri­tua­le, in cui re­ci­ta­re una pre­ghie­ra man­tra, in­ven­ta­ta da lui, che si ri­vol­ge al­la mam­ma di tut­te le mam­me: «Ci chiac­chie­ro, aiu­ta». Ha già fat­to la pri­ma co­la­zio­ne, il de­si­gner in im­mer­sio­ne? «Man­gio so­prat­tut­to di not­te e a me­ren­da». Pro­tei­for­me an­che l’ap­proc­cio al­la quo­ti­dia­ni­tà, tra­mu­ta­ta in un per­so­na­le jet lag, so­prat­tut­to alimentare. Ja­co­po si nu­tre, non so­la­men­te ma mol­to vo­len­tie­ri, nei due pa­sti che in­ter­rom­po­no il suo son­no: «Mi sve­glio con un de­si­de­rio ir­re­fre­na­bi­le, co­me un au­to­ma rag­giun­go il ci­co­ri­no in cucina e il mio con­di­men­to se­gre­to, che pia­ce a tut­ti». Si sa so­lo che l’olio ar­ri­va dall’Um­bria e che l’ace­to è fat­to da lui, con una ma­dre che ha pa­rec­chi an­ni. Il re­sto è mi­ste­ro, co­me il suo tor­na­re tra i so­gni, che s’in­ter­rom­pe­ran­no per un se­con­do pa­sto ve­ge­ta­le, poi una nuo­va gior­na­ta, che co­min­cia in ac­qua. Al ma­re ci si tuf­fa, in cam­pa­gna ci si but­ta nel ge­lo del­la pi­sci­na e ci si ri­scal­da per un’ora nel­la va­sca da bagno all’in­ter­no, in cit­tà va­sca e ba­sta. In ca­so di doc­cia? «Tut­to il gior­no so­no più ner­vo­so». Il pas­sag­gio dal­lo sta­to li­qui­do a quel­lo rea­le co­me fun­zio­na? «M’im­bo­sco il più pos­si­bi­le dal­le in­ter­fe­ren­ze. Non ho nem­me­no il com­pu­ter, so­lo quel­lo d’uf­fi­cio». In tra­sfer­ta, im­ma­gi­nia­mo ci sia in­ve­ce so­prat­tut­to la spe­ran­za di una va­sca: «Por­to an­che il con­di­men­to per l’in­sa­la­ta e a vol­te le pa­del­le, non mi fi­do di quel­le al­trui».

GOC­CIA A GOC­CIA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.