UNO TI­PO THOR, NON THOR”»

Vanity Fair (Italy) - - Copertina Vanity -

con Hem­swor­th, Whe­don ave­va pen­sa­to: Cap­tain Ame­ri­ca. «Ave­vo in men­te un su­pe­re­roe, ma dal fi­si­co me­no im­po­nen­te». 3. Po­co do­po es­se­re sta­to rim­piaz­za­to dal fra­tel­lo, Liam ot­tie­ne un ruo­lo in un oscu­ro pro­get­to low bud­get, di quel­li che esco­no di­ret­ta­men­te in dvd e di cui con ogni pro­ba­bi­li­tà non ave­te mai sen­ti­to par­la­re. Ti­to­lo: The Hun­ger Ga­mes. «Sì, Liam se l’è ca­va­ta piut­to­sto be­ne», ri­de Ch­ris. An­che se non vi piac­cio­no i film i cui pro­ta­go­ni­sti sono gio­va­ni in­cap­puc­cia­ti con idee hip­pie e fi­lan­tro­pi­che su co­me sal­va­re il mon­do, do­vre­te am­met­te­re che Ch­ris Hem­swor­th è per­fet­to nei pan­ni di Thor. Dal pun­to di vi­sta fi­si­co la scel­ta è inec­ce­pi­bi­le (nel fin­to spot del Sa­tur­day Night Li­ve scher­za­va: «Al pro­vi­no per Thor mi han­no det­to: “Umm, sta­va­mo cer­can­do uno ti­po Thor, non Thor”), an­che se si è sot­to­po­sto a una die­ta su­per-pro­tei­ca e a este­nuan­ti al­le­na­men­ti in pa­le­stra per met­te­re su no­ve chi­li di mu­sco­li. Nel­le sce­ne di com­bat­ti­men­to ra­sen­ta la poe­sia, men­tre nei dia­lo­ghi è asciut­to, mo­no­sil­la­bi­co, ma so­prat­tut­to non sem­bra mai pren­der­si trop­po sul se­rio. Con Na­ta­lie Port­man, che in­ter­pre­ta l’astro­fi­si­ca Ja­ne Fo­ster di cui è in­na­mo­ra­to, sono la ver­sio­ne mo­der­na del­la cop­pia John­ny Weiss­mul­ler-Mau­reen O’Sul­li­van in Tar­zan: lui mu­gu­gna, lei ca­pi­sce al vo­lo. Hem­swor­th ha l’aria ri­las­sa­ta in quel ruo­lo, ma am­met­te che la real­tà è sta­ta mol­to di­ver­sa. Du­ran­te la la­vo­ra­zio­ne di Thor, di­ce, la pres­sio­ne era for­tis­si­ma, e non si fa­ti­ca a cre­der­gli. Le sa­ghe del­la Mar­vel coin­vol­go­no un fir­ma­men­to di stel­le, di­vi co­me Ro­bert Do­w­ney Jr., Scar­lett Jo­hans­son, Mark Ruf­fa­lo, Sa­muel L. Jack­son, Gw­y­ne­th Pal­trow, Ro­bert Re­d­ford, An­tho­ny Ho­p­kins e via no­mi­nan­do. Il fat­to che sia­no ispi­ra­ti ai ce­le­bri fu­met­ti po­treb­be far pen­sa­re che si trat­ti di ro­ba per ra­gaz­zi­ni, ma sono film che ga­ran­ti­sco­no un’espo­si­zio­ne pla­ne­ta­ria e un as­se­gno al­tret­tan­to so­stan­zio­so. Sono tut­ti pro­fes­sio­ni­sti af­fer­ma­ti con cur­ri­cu­lum da bri­vi­do e stuo­li di fan, al­cu­ni han­no vin­to pu­re un Oscar. Se il lo­ro film o spin‑off non fa gua­da­gna­re agli stu­dios una ci­fra con una se­rie in­fi­ni­ta di ze­ri, le lo­ro car­rie­re non ne­ces­sa­ria­men­te va­cil­le­ran­no. Ma per Hem­swor­th, l’uni­co tra «i più po­ten­ti eroi del­la Ter­ra» che è – an­zi, era – un per­fet­to sco­no­sciu­to, l’espe­rien­za è sta­ta mol­to me­no ri­las­san­te. «Quan­do il bud­get è di 150 mi­lio­ni di dol­la­ri e il film non fun­zio­na, tu ci hai mes­so la fac­cia e pen­si che un po’ sia col­pa tua. E vi­sto che ogni per­so­nag­gio ha i suoi fan, ti chie­di an­che se a cau­sa tua mol­le­ran­no il fu­met­to». Ch­ris, pe­rò, non è ti­po da cro­gio­lar­si nei dub­bi da ar­ti­sta tor­men­ta­to. Non che non sia un ar­ti­sta, e nem­me­no che non sia as­sil­la­to dal­le pre­oc­cu­pa­zio­ni, ma rie­sce a far sem­bra­re tut­to sem­pli­ce. Ama in­te­rio­riz­za­re il per­so­nag­gio che gli vie­ne af­fi­da­to, e il suo cor­po ri­spec­chia sem­pre la par­te che de­ve im­per­so­na­re: Thor si muo­ve co­me un pe­so mas­si­mo dal pas­so agi­le e fel­pa­to, il cac­cia­to­re (nel Cac­cia‑ to­re e la re­gi­na di ghiac­cio) cam­mi­na con la gra­zia im­pe­rio­sa di uno spac­co­ne. Dal vi­vo è so­la­re, ri­las­sa­to, gar­ba­to e sen­za pre­te­se. La­vo­ra in un’in­du­stria che mi­ra, pa­ro­le sue, «a trasformarti in un to­ta­le narcisista». Non che lui ab­bia in­ten­zio­ne di ac­cet­tar­lo. Con El­sa Pa­ta­ky, sua mo­glie, ha avu­to tre fi­gli: In­dia Ro­se, tre an­ni, e i ge­mel­li Tri­stan e Sa­sha, due. Sono lo­ro l’antidoto al nar­ci­si­smo. Di re­cen­te si è tra­sfe­ri­to con tut­ta la fa­mi­glia da Ma­li­bu a By­ron Bay, in Au­stra­lia, per li­be­rar­si dall’eser­ci­to di pa­pa­raz­zi e dal­lo stress di una cit­tà co­me Los An­ge­les. «Quan­do sto qui mi pa­re di La pri­ma vol­ta che Hem­swor­th di­ven­tò Thor fu nel 2011. Ades­so, lo in­ter­pre­te­rà per la quin­ta vol­ta in Thor: Ra­gna­rok, che usci­rà al ci­ne­ma l’an­no pros­si­mo. per­de­re il con­tat­to con la real­tà: do­vun­que tu va­da c’è qual­co­sa che ti ri­cor­da pro­get­ti in cui sei o me­no coin­vol­to. È este­nuan­te». Fi­no­ra ha uti­liz­za­to be­nis­si­mo i su­per­po­te­ri di­vi­ni: «Es­se­re pro­ta­go­ni­sta di una sa­ga co­me quel­la de­gli Aven­gers è la si­tua­zio­ne idea­le: mi as­si­cu­ra vi­si­bi­li­tà e mi dà la pos­si­bi­li­tà di esplo­ra­re al­tre co­se». Per «al­tre co­se» in­ten­de il re­boot di Ghost­bu­sters do­ve nei pan­ni di Ke­vin, il se­gre­ta­rio del­le ac­chiap­pa­fan­ta­smi, è uno dei po­chi ma­schi in un ca­st tut­to al fem­mi­ni­le («Ch­ris è co­sì di­ver­ten­te», di­ce la co­pro­ta­go­ni­sta Kristen Wiig. «È una gio­ia guar­dar­lo... Vo­le­vo di­re, la­vo­rar­ci in­sie­me»). O il non par­ti­co­lar­men­te riu­sci­to Co­me ti ro­vi­no le va­can­ze, do­ve di me­mo­ra­bi­le c’è so­lo il fin­to pe­ne che Ch­ris sfog­gia sot­to i bo­xer. O il pros­si­mo adat­ta­men­to di Non usci­rò vi­vo da que­sto mon­do, il ro­man­zo del can­tau­to­re Ste­ve Ear­le sull’abu­so di dro­ga nel mon­do del coun­try, do­ve non so­lo re­ci­ta ma è an­che il pro­dut­to­re. Il sem­pli­ce fat­to che Ch­ris sia riu­sci­to a di­ven­ta­re una star è no­te­vo­le vi­sto che, nell’era de­gli iP­ho­ne, dei so­cial me­dia e del­le news 24 ore su 24, è un’im­pre­sa sem­pre più dif­fi­ci­le. Una stel­la è per sua na­tu­ra un’en­ti­tà re­mo­ta, bel­la e ir­rag­giun­gi­bi­le, da guar­da­re ma non toc­ca­re né ca­pi­re. Og­gi, pe­rò, le star sono trop­po uma­ne e trop­po si­mi­li a tut­ti noi. Ve­ni­re sor­pre­si da una Tv o un gior­na­le di gos­sip a vo­mi­ta­re fuo­ri da un lo­ca­le not­tur­no po­treb­be non co­sta­re nes­sun fol­lo­wer di Twit­ter, ma di si­cu­ro in­tac­ca l’au­ra, il ve­lo di mi­ste­ro, la for­za ico­no­gra­fi­ca. Pro­ba­bil­men­te Ch­ris, che mal­gra­do la sua ama­bi­li­tà tra­smet­te un sen­so di ri­ser­va­tez­za ca­pa­ce di sco­rag­gia­re l’in­va­den­za, ha ca­pi­to tut­to. Man­tie­ni le di­stan­ze, sia fi­si­che (al­lon­ta­nan­do­ti da Hol­ly­wood, me­glio an­co­ra se cam­bian­do con­ti­nen­te) che emo­ti­ve (la gen­ti­lez­za può es­se­re usa­ta co­me bar­rie­ra). E in po­chi an­ni sa­rai l’uni­ca stel­la che non si è spen­ta. Avrai il pa­ra­di­so tut­to per te. (tra­du­zio­ne di Sau­lo Bian­co) Pagg. 74-75: Pag. 76: coat,

Ac­ne Stu­dios. Cal­vin Klein Un­der­wear. Rag & Bo­ne.

ca­mi­cia, ca­not­ta, Jeans, Pag. 77: Pag. 73: ca­not­ta, Groo­ming Re­gi­ne Thor­re using Tom Ford. Hair Jim­my Paul using Bum­ble & Bum­ble. Set de­si­gn Di­mi­tri Le­vas.

Bur­ber­ry. Cal­vin Klein Un­der­wear.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.