A CAIVANO

LO STA­TO NON SI È FER­MA­TO

Vanity Fair (Italy) - - Week -

li adul­ti na­scon­do­no la ve­ri­tà ai bam­bi­ni, in­se­gna­no lo­ro a men­ti­re, rac­con­ta­no co­me si cu­sto­di­sco­no i se­gre­ti. In­som­ma spie­ga­no co­me si fa a es­se­re me­no ci­vi­li; la ci­vil­tà non è so­lo buo­na edu­ca­zio­ne, ma se­gna la dif­fe­ren­za che c’è fra noi e le be­stie. Gli adul­ti di Caivano, in Cam­pa­nia, do­ve due an­ni fa scom­par­ve For­tu­na – una bim­ba di sei an­ni che pri­ma di mo­ri­re è sta­ta ri­pe­tu­ta­men­te vio­len­ta­ta, pre­ci­pi­ta­ta dall’ot­ta­vo pia­no – in­se­gna­no che al­lo Sta­to, al­le for­ze dell’or­di­ne e agli in­ve­sti­ga­to­ri non bi­so­gna pre­sta­re ascol­to, non so­no de­gni di fi­du­cia, lo Sta­to non è ami­co ma è l’av­ver­sa­rio da bat­te­re. Da due an­ni gli adul­ti di quel pa­laz­zo nel qua­le ha tro­va­to la mor­te la pic­co­la For­tu­na ce­la­no la ve­ri­tà, na­scon­den­do l’au­to­re di quel­le atro­ci­tà. Ma che dif­fe­ren­za c’è fra il quar­tie­re bel­ga di Mo­len­beek che ha na­sco­sto il ter­ro­ri­sta Sa­lah agli in­qui­ren­ti per me­si e que­sto quar­tie­re cam­pa­no che in­se­gna ai pro­pri fi­gli l’omer­tà? I pm so­sten­go­no ades­so, gra­zie al­le ri­ve­la­zio­ni di al­cu­ne bam­bi­ne che non han­no fat­to in tem­po ad ap­pren­de­re la le­zio­ne di chi im­par­ti­sce si­len­zio e vio­len­za, che c’è un pre­sun­to col­pe­vo­le, si chia­ma Rai­mon­do Ca­pu­to, plu­ri­pre­giu­di­ca­to, già in car­ce­re per abu­si ses­sua­li ai dan­ni di un’al­tra bim­ba di tre an­ni, fi­glia del­la sua com­pa­gna, che è ai do­mi­ci­lia­ri per­ché ac­cu­sa­ta di aver la­scia­to che il com­pa­gno vio­len­tas­se le sue fi­glie. Do­me­ni­ca è sta­to ag­gre­di­to nel car­ce­re di Pog­gio­rea­le da al­tri de­te­nu­ti ed è sta­to tra­sfe­ri­to in una cel­la sin­go­la (ma lo Sta­to esi­ste pro­prio per evi­ta­re la giu­sti­zia som­ma­ria e per­so­na­le). Gli adul­ti han­no in­se­gna­to ai bam­bi­ni di Caivano co­me si evi­ta­no pro­ble­mi. Da bam­bi­ni ci in­se­gna­no a chie­de­re aiu­to ai po­li­ziot­ti o a qual­cu­no con la di­vi­sa, qui ac­ca­de il con­tra­rio. Non­na An­ge­la ha det­to al­la ni­po­te che «tu per te­le­fo­no non de­vi di­re il fat­to». E il fat­to è che fi­no a po­chi mi­nu­ti pri­ma di es­se­re uc­ci­sa, For­tu­na era sta­ta a ca­sa di una sua ami­chet­ta, fi­glia del­la con­vi­ven­te di Ca­pu­to. «Qua teniamo i te­le­fo­ni sot­to con­trol­lo tut­ti quan­ti», ha det­to an­co­ra la non­na, che ave­va an­che un’al­tra ni­po­te da ca­te­chiz­za­re, in pro­cin­to di es­se­re ascol­ta­ta dai ma­gi­stra­ti: «A tut­te le do­man­de de­vi di­re io non so nien­te…». E an­co­ra, sem­pre al­la ni­po­te: «Che se­gre­to tie­ni tu? Quel­li per­ciò ti man­da­no a chia­ma­re sem­pre, ’sti sce­mi. Ve­di? Non te li le­vi mai di dos­so». C’è un’al­tra don­na, Ra­che­le, che ha mes­so a ver­ba­le di non aver vi­sto nes­su­no sa­li­re all’ot­ta­vo pia­no, da do­ve For­tu­na è vo­la­ta, e lei lo sa­pe­va be­ne, ha spie­ga­to, per­ché sta sem­pre sul pia­ne­rot­to­lo. So­lo che un te­sti­mo­ne as­si­cu­ra di non aver­la mai vi­sta se­du­ta a ve­de­re la gen­te che pas­sa.

Quel­lo del 2014 non è sta­to nean­che il pri­mo epi­so­dio di vio­len­za nel quar­tie­re, do­ve si spac­cia e ci si ven­de per po­co. Tra la fi­ne del 2014 e l’ini­zio del 2015 un’al­tra cop­pia di in­qui­li­ni era fi­ni­ta agli ar­re­sti per pe­do­fi­lia. E pri­ma di For­tu­na, nel 2013, un al­tro bam­bi­no, di tre an­ni, An­to­nio Gi­glio, fi­glio del­la com­pa­gna dell’ar­re­sta­to, era mor­to do­po es­se­re pre­ci­pi­ta­to dal­lo stes­so pa­laz­zo. Quan­do ac­ca­do­no cer­ti fat­ti, su­bi­to s’al­za la­men­to­so il gri­do di chi di­ce che lo Sta­to non c’è, lo Sta­to non vi­ve in Cam­pa­nia, non è pre­sen­te, non cu­sto­di­sce, non cul­la, non pro­teg­ge, in­som­ma non ser­ve a nul­la. Lo dis­se an­che due an­ni fa don Mau­ri­zio Pa­tri­ciel­lo, no­to per le sue bat­ta­glie nel­la Ter­ra dei Fuo­chi. «Lo Sta­to ci ha ab­ban­do­na­to, se chiu­de la chie­sa è fi­ni­ta per tut­ti. Ma io non mol­lo e con­ti­nuo a lot­ta­re in di­fe­sa del­la le­ga­li­tà». Per il Mez­zo­gior­no non c’è nien­te di peg­gio del­la re­to­ri­ca del­lo Sta­to che non c’è. C’è una cat­ti­va idea se­con­do cui lo Sta­to è un al­tro; è quel qual­cu­no che de­ve pen­sa­re e agi­re al po­sto tuo, men­tre tu puoi pen­sa­re a ta­ce­re. Ma in cer­ti luo­ghi, pur­trop­po, non è lo Sta­to che ab­ban­do­na: è lo Sta­to a es­se­re ab­ban­do­na­to. Lo Sta­to non è un al­tro: lo Sta­to sia­mo tut­ti noi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.