BRAVE MAM­ME PENTITE

Di Non è fa­ci­le di­re: «Odio es­se­re ma­dre». Ma Selene ha tro­va­to il co­rag­gio di far­lo, co­me le don­ne Re­gret­ting Mo­the­rhood. Un li­bro che sta fa­cen­do scan­da­lo: met­te in di­scus­sio­ne la «gran­de cer­tez­za»

Vanity Fair (Italy) - - Week - Di GR E TA P R I V I T ER A

Selene par­la a vo­ce mol­to bas­sa. Sa che se le due si­gno­re sul­la ses­san­ti­na al ta­vo­lo ac­can­to sen­tis­se­ro le sue pa­ro­le ne ri­mar­reb­be­ro scon­vol­te. Non è fa­ci­le di­re: «Odio es­se­re ma­dre». Ma lei ha tro­va­to il co­rag­gio di far­lo per la pri­ma vol­ta in un bar dal­le pa­re­ti scro­sta­te del­la Brian­za, do­po aver ri­spo­sto a un mes­sag­gio che ave­vo la­scia­to su un fo­rum on­li­ne. Fa par­te di quel­le don­ne pentite di es­se­re ma­dri che la so­cio­lo­ga israe­lia­na Or­na Do­na­th ha rac­con­ta­to nel suo sag­gio ac­ca­de­mi­co, di­ven­ta­to li­bro, Re­gret­ting Mo­the­rhood ( Ma­dri pentite): don­ne di età e con­di­zio­ni fa­mi­lia­ri di­ver­se, che se so­lo po­tes­se­ro tor­na­re in­die­tro lo fa­reb­be­ro «in un bat­ti­to di ci­glia». Tut­te han­no in co­mu­ne l’amo­re che pro­va­no per i fi­gli, ma de­te­sta­no il ruo­lo di ma­dre. «Per la no­stra so­cie­tà una don­na rag­giun­ge l’api­ce del­la vi­ta e si rea­liz­za di­ven­tan­do mam­ma. La ve­ri­tà è che per al­cu­ne la ma­ter­ni­tà è una con­dan­na. La mia ri­cer­ca na­sce per da­re at­ten­zio­ne a que­sto di­sa­gio di cui non si co­no­sco­no i nu­me­ri per­ché met­te in di­scus­sio­ne una gran­de cer­tez­za: la di­vi­niz­za­zio­ne del­la ma­dre», mi spie­ga la so­cio­lo­ga. Ho scrit­to di­ver­si mes­sag­gi on­li­ne al­la ri­cer­ca di mam­me ita­lia­ne pentite. Fo­rum, pa­gi­ne Fa­ce­book, si­ti sul­la ma­ter­ni­tà. Pen­sa­vo fos­se una mis­sio­ne im­pos­si­bi­le, vi­sto che noi sia­mo il «Pae­se del­la mam­ma». A sor­pre­sa mi han­no ri­spo­sto cin­que don­ne, ma Selene è l’uni­ca che vuo­le in­con­trar­mi. Mi scri­ve: «Lo sta­vo per di­re a mio ma­ri­to, me­glio che pri­ma lo di­ca a voi». Ha 43 an­ni e la­vo­ra per una mul­ti­na­zio­na­le far­ma­ceu­ti­ca. Mi dà ap­pun­ta­men­to in un bar di un pae­se vi­ci­no al suo. Non il suo. La pri­ma co­sa che pen­so quan­do ci strin­gia­mo la ma­no è che ha pro­prio la fac­cia del­la bra­va mam­ma fuo­ri dal can­cel­lo del­la scuo­la. Pri­ma di rac­con­tar­si mi chie­de se può leg­ge­re le te­sti­mo­nian­ze di Re­gret­ting Mo­the­rhood. Men­tre col di­to scor­re le ri­ghe del te­sto an­nui­sce e sor­ri­de, co­me se si ri­tro­vas­se in ogni pa­ro­la. Poi a un cer­to pun­to si fer­ma e di­ce: «An­che io l’ho ca­pi­to su­bi­to. Da quan­do mi han­no mes­so Pie­tro sul pet­to, ap­pe­na do­po aver­lo par­to­ri­to. Mi so­no sen­ti­ta sof­fo­ca­re da quel pic­co­lo es­se­ri­no che di­pen­de­va da me. L’ho ama­to all’istan­te ma mi ri­pe­te­vo: “Non puoi più tor­na­re in­die­tro”». Selene pen­sa­va fos­se­ro sen­sa­zio­ni tran­si­to­rie da­te dall’ine­spe­rien­za. Ma quei sen­ti­men­ti so­no an­co­ra tut­ti lì e la riem­pio­no di ver­go­gna. «L’ho al­lat­ta­to, pas­sa­to not­ti in­son­ni quan­do ave­va la feb­bre, com­pi­ti su com­pi­ti in­sie­me: fac­cio quel­lo che fan­no gli al­tri ge­ni­to­ri, ma con un pe­so den­tro». Ne­gli ul­ti­mi me­si ha pen­sa­to di par­lar­ne con suo ma­ri­to che ama mol­to, «ma mi pren­de­reb­be per mat­ta. Una vol­ta ho pro­va­to a scri­ve­re del mio di­sa­gio in un si­to di mam­me, e so­no sta­ta in­sul­ta­ta dal­le al­tre che han­no scam­bia­to quel­lo che pro­vo per po­co sen­so di re­spon­sa­bi­li­tà. Una mi ha chie­sto per­ché ho fat­to un fi­glio, lei non po­te­va aver­ne». Selene am­met­te di non es­ser­si mai do­man­da­ta se si po­tes­se non fa­re fi­gli. Ha se­gui­to più o me­no il per­cor­so di tut­te le sue ami­che, del­le due so­rel­le e di sua ma­dre. Sen­za nes­sun dub­bio ha spo­sa­to il fi­dan­za­to dell’uni­ver­si­tà, ha com­pra­to ca­sa e a 34 an­ni ha avu­to Pie­tro. «Mio fi­glio è un bra­vo bam­bi­no, va be­ne a scuo­la, è dol­ce ed è mol­to at­tac­ca­to a me. Pe­rò io non vor­rei es­se­re la sua mam­ma, né la mam­ma di nes­sun al­tro. Vo­glio il me­glio per lui ma non vor­rei di­pen­des­se da me». Selene sta be­ne quan­do viaggia per la­vo­ro. «Ero a Ro­ma per un mee­ting e mi so­no di­men­ti­ca­ta di es­se­re ge­ni­to­re: mi sen­ti­vo li­be­ra, cam­mi­na­vo leg­ge­ra per le stra­de del­la cit­tà. In­ve­ce a ca­sa pro­vo un for­te sen­so di op­pres­sio­ne e Pie­tro non ne ha col­pa. Ho sen­ti­to al­tre don­ne am­met­te­re di aver fat­to fi­gli per cen­ti­na­ia di mo­ti­vi sba­glia­ti, ma og­gi non pos­so­no im­ma­gi­nar­si sen­za i lo­ro bam­bi­ni. Io sì». C’è una co­sa che pe­sa a Selene più dell’es­se­re mam­ma: il sen­so di ver­go­gna e di so­li­tu­di­ne cui è co­stret­ta. Pri­ma di que­sto mo­men­to non ave­va mai sen­ti­to né let­to di al­tre don­ne co­me lei e sa­pe­re di non es­se­re so­la, mi di­ce pri­ma di an­da­re a pren­de­re suo fi­glio, la fa sta­re un po’ me­glio. Quan­do ar­ri­vo a ca­sa, tro­vo una sua email: «Scri­va che Pie­tro non sa­prà mai del mio se­gre­to, per­ché lui me­ri­te­reb­be una mam­ma fe­li­ce di es­ser­lo».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.