SA­PE­RE CHI È IL CA­PO»

«MIO PA­DRE CRE­DE­VA NEL­LA DI­SCI­PLI­NA, E IO HO PRE­SO DA LUI: CRE­DO CHE I FI­GLI DEB­BA­NO

Vanity Fair (Italy) - - Vanity -

di ren­de­re omag­gio a chi è ve­nu­to pri­ma di me. So­prat­tut­to mio pa­dre: an­che se lui non c’è più, mi sen­to sem­pre suo fi­glio e se fac­cio qual­che stu­pi­dag­gi­ne o qual­che scel­ta sba­glia­ta le con­se­guen­ze ri­ca­do­no an­che sul suo no­me. Per­ciò, cer­co di sce­glie­re co­se che lo avreb­be­ro re­so or­go­glio­so». È ve­ro che la par­te di Mar­tin Lu­ther King l’ave­va ri­fiu­ta­ta più vol­te in pas­sa­to? «Non vo­le­vo far­la. Il pro­ble­ma quan­do si ha a che fa­re con un per­so­nag­gio co­sì enor­me e co­no­sciu­to è che ognu­no ha su di lui una pro­pria idea ben pre­ci­sa. Io ho la mia, ma in tut­ti i co­pio­ni che leg­ge­vo l’uo­mo che ave­vo in men­te non c’era, era una per­so­na di­ver­sa. So­lo quan­do ho let­to la sce­neg­gia­tu­ra di All the Way ( an­drà in on­da ne­gli Usa a mag­gio, ndr) ho pen­sa­to: ec­co, ci sia­mo, è il MIO Mar­tin Lu­ther King». Agli Oscar que­st’an­no c’è sta­ta la polemica sull’as­sen­za di pro­ta­go­ni­sti afroa­me­ri­ca­ni. «Suc­ce­de lo stes­so con le re­gi­ste don­ne, che so­no po­che e po­co rap­pre­sen­ta­te, men­tre una del­le mie espe­rien­ze più bel­le è sta­ta pro­prio con Ka­th­ryn Bi­ge­low ( in The Hurt Loc­ker, ndr). Que­sto per di­re che bi­so­gne­reb­be guar­da­re al ta­len­to, non al ses­so o al­la raz­za: con­ta so­lo la bra­vu­ra. Cer­to, ci so­no me­no can­di­da­ti di colore, ma il pro­ble­ma non so­no i pre­mi, per­ché quel­li so­no so­lo con­se­guen­za dei ruo­li che ven­go­no as­se­gna­ti. Se non ci so­no ab­ba­stan­za par­ti per at­to­ri che non sia­no so­lo bian­chi, al­lo­ra bi­so­gna crear­le. Scri­ver­le noi, non aspet­ta­re che ce le of­fra­no. Se c’è una co­sa che ti in­se­gna­no al­la Juil­liard School è pro­prio que­sta: sii crea­ti­vo, non pas­si­vo». A 37 an­ni ha già tre fi­gli. Che pa­dre è? «Mio pa­dre cre­de­va nel­la di­sci­pli­na e io ho pre­so da lui: cre­do che i fi­gli ab­bia­no bi­so­gno di sa­pe­re chi è il ca­po, e se lo di­men­ti­ca­no bi­so­gna ri­cor­dar­glie­lo, far ca­pi­re da che par­te sta l’au­to­ri­tà. Al­lo stes­so tem­po pe­rò, so­no il pri­mo a lo­dar­li e a pre­miar­li quan­do fan­no qual­co­sa di buo­no». Si par­la da tem­po di un Ja­mes Bond ne­ro. Nel ca­so, lei sa­reb­be pron­to? «So­no co­sì pron­to che se mi chia­mas­se­ro sa­li­rei sul pri­mo ae­reo per Lon­dra do­mat­ti­na». Guar­di che poi le toc­ca di­ven­ta­re un sex sym­bol, am­mes­so che non lo sia già. «Non cre­do di es­ser­lo. La gen­te che mi fer­ma per stra­da mi dà le pac­che sul­le spal­le, non mi trat­ta da sex sym­bol. E se an­che un gior­no do­ves­si mon­tar­mi la te­sta, ci pen­se­reb­be la mia fa­mi­glia ( An­tho­ny è spo­sa­to con She­let­ta Cha­pi­tal, da cui ha avu­to i 3 fi­gli, ndr) a met­ter­mi in ri­ga. Già ades­so tut­te le vol­te che me la ti­ro un po’ mi di­co­no: ma smet­ti­la! Pren­di il martello e va’ ad ag­giu­sta­re la li­bre­ria, piut­to­sto». In que­sta pa­gi­na: ca­mi­cia, Cap­pel­lo, Ca­mi­cia, Pag. 73: ca­mi­cia, Cra­vat­ta, Groo­ming Dia­na Sch­mid­t­ke. Si rin­gra­zia Eu­ge­nio Ló­pez per la lo­ca­tion.

Er­me­ne­gil­do Ze­gna. Er­me­ne­gil­do Ze­gna. Avro­ne. Er­me­ne­gil­do Ze­gna.

abi­to, Oc­chia­li,

Dol­ce & Gab­ba­na. Bor­sa­li­no. Cal­vin Klein. Bur­ber­ry.

Pan­ta­lo­ni, Pagg. 70-71:

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.