Don­ne, c’è po­sto per tut­te

Nel­la nuo­va se­rie è una mam­ma in una fa­mi­glia di­sfun­zio­na­le e sin­da­co di una pic­co­la cit­ta­di­na. JOAN AL­LEN ha tro­va­to il ruo­lo per­fet­to a qua­si 60 an­ni. Un ca­so? Og­gi non più

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - The Fa­mi­ly di PAO­LA JACOBBI

opo la Clai­re Un­der­wood di Hou­se of Cards, c’è una nuo­va Clai­re da ama­re e odia­re nell’uni­ver­so te­le­vi­si­vo: si chia­ma Clai­re War­ren, la in­ter­pre­ta Joan Al­len ed è il per­so­nag­gio at­tor­no a cui ruo­ta The Fa­mi­ly, in on­da su Fox dal 9 mag­gio. Co­no­scia­mo i War­ren die­ci an­ni do­po la tra­ge­dia che li ha col­pi­ti: il fi­glio mi­no­re è scom­par­so e da­to per mor­to. In se­gui­to, il pa­dre è di­ven­ta­to au­to­re di li­bri di au­to-aiu­to, il fi­glio mag­gio­re, che si sen­te col­pe­vo­le per la mor­te del fra­tel­lo, è un al­co­liz­za­to, men­tre la fi­glia è il brac­cio de­stro del­la ma­dre, che è ap­pun­to Clai­re, già sin­da­co del­la cit­ta­di­na del Mai­ne in cui vi­vo­no, du­ra e con­ser­va­tri­ce, di­vo­ra­ta da gran­di am­bi­zio­ni po­li­ti­che. Nel­la pri­ma pun­ta­ta del­la se­rie, il ra­gaz­zo che si pen­sa­va mor­to riap­pa­re, e il maz­zo di car­te che il de­sti­no ha mes­so in ma­no a ognu­no dei War­ren si scom­pi­glia. Autrice e pro­dut­tri­ce del­la se­rie è Jen­na Bans, che ha la­vo­ra­to per Shon­da Rhi­mes in se­rie co­me GreyÕs Ana­to­my e Scan­dal (e si sen­te). Ab­bia­mo par­la­to al te­le­fo­no con Joan Al­len, at­tri­ce so­praf­fi­na, tre vol­te can­di­da­ta all’Oscar e, in­giu­sta­men­te, mai pre­mia­ta.

DC­lai­re War­ren è una don­na po­li­ti­ca, or­mai non più una ra­ri­tà. A chi si è ispi­ra­ta per in­ter­pre­tar­la? «Ho guar­da­to su You­Tu­be mol­ti di­scor­si di don­ne sin­da­co di pic­co­le cit­ta­di­ne ame­ri­ca­ne e me li so­no stu­dia­ti. Si tro­va di tut­to, dal­la si­gno­ra su­per­pet­ti­na­ta al­la gio­va­ne in ca­mi­cia a scac­chi. Al­cu­ne so­no at­ti­vi­ste ac­ce­se, al­tre più com­po­ste nel par­la­re e nel muoversi. Ho os­ser­va­to mol­to an­che Hil­la­ry Clin­ton e, all’op­po­sto, Sa­rah Pa­lin. Clai­re è re­pub­bli­ca­na e, quan­do mi han­no pro­po­sto il ruo­lo, con­ti­nua­vo a chie­der­mi: ma sa­rò in gra­do di es­se­re una re­pub­bli­ca­na cre­di­bi­le, vi­sto che la pen­so in mo­do di­ver­so?». La ri­spo­sta è sì. E poi, scu­si, lei è già sta­ta Pat Ni­xon al ci­ne­ma.. «An­che que­sto è ve­ro, non ci ave­vo pen­sa­to! ( ri­de). Ma, al di là del­lo schie­ra­men­to, è in­te­res­san­te ve­de­re co­me le don­ne con­qui­sta­no e ge­sti­sco­no la lea­der­ship. Ogni don­na fa po­li­ti­ca a mo­do suo ma qua­si tut­te, co­mun­que la pen­si­no, han­no un fon­do di sag­gez­za, vo­glio­no che il mon­do di­ven­ti un po­sto mi­glio­re». Lei ha de­but­ta­to in una del­le com­pa­gnie più fa­mo­se d’Ame­ri­ca, la Step­pe­n­wolf Thea­tre Com­pa­ny di Chi­ca­go. Che co­sa le ha in­se­gna­to il tea­tro? «Tut­to. Fu John Mal­ko­vi­ch a far­mi en­tra­re, io ave­vo 20 an­ni. Sen­za quell’espe­rien­za non so do­ve sa­rei og­gi. Il mi­glior mo­do di im­pa­ra­re a re­ci­ta­re è far­lo, e far­lo tut­te le se­re a tea­tro ti met­te nel­le con­di­zio­ni di af­fron­ta­re ogni sfi­da». In ago­sto com­pi­rà 60 an­ni. Che ne pen­sa dei di­scor­si sul­la dif­fi­col­tà del­le at­tri­ci «ma­tu­re» di tro­va­re ruo­li in­te­res­san­ti? «Ci so­no co­sì tan­te pos­si­bi­li­tà og­gi, gra­zie all’espan­sio­ne dei ca­na­li e a que­sto sta­to di gra­zia del­la nar­ra­ti­va te­le­vi­si­va. C’è bi­so­gno di don­ne di ogni età, raz­za, ti­po fi­si­co per riem­pi­re i pa­lin­se­sti. Mai co­me ora, c’è po­sto per tut­te».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.