Ec­co a voi Mrs Brid­ge

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem -

Chi ha let­to e ama­to Sto­ner di John Wil­liams (ca­so let­te­ra­rio del 2012, pub­bli­ca­to da Fa­zi), si tro­ve­rà ora di fron­te a un al­tro pic­co­lo ca­po­la­vo­ro, Mrs Brid­ge, usci­to nel 1959 e re­cu­pe­ra­to an­ch’es­so da un re­la­ti­vo oblio (nel 1990 ne è sta­to trat­to un film con Paul New­man e Joan­ne Wood­ward). È an­ch’es­so gio­ca­to su una vi­ta sen­za even­ti, sul mi­ste­rio­so aspet­to ro­man­ze­sco del­le per­so­ne co­mu­ni. Mrs Brid­ge, che di no­me fa In­dia («i miei pro­ba­bil­men­te pen­sa­va­no a una don­na di­ver­sa quan­do mi han­no chia­ma­to co­sì»), è una bel­la si­gno­ra, rap­pre­sen­tan­te ti­pi­ca dell’al­ta bor­ghe­sia ame­ri­ca­na. Lei e il ma­ri­to av­vo­ca­to han­no una bel­lis­si­ma ca­sa, tre fi­gli, una do­me­sti­ca, un gi­ro di ami­ci­zie, del­le fer­ree re­go­le so­cia­li da ri­spet­ta­re. Co­sì, sul­lo sfon­do di Kan­sas Ci­ty, leg­gia­mo una se­rie di bre­vi ca­pi­to­li che sem­bre­reb­be­ro una le­zio­ne di bon ton, se Mrs Brid­ge non in­ter­ca­las­se il dia­rio del­la per­fet­ta ca­sa­lin­ga con i dub­bi di una co­scien­za in­quie­ta la­scia­ta a se stes­sa e ten­ta­ta di dar ra­gio­ne a tut­ti. Una sto­ria che si svi­lup­pa nel­la dia­let­ti­ca tra eti­ca ed eti­chet­ta, e che fi­ni­sce nell’im­mo­bi­li­tà.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.