LÕa­nar­chia del fal­do­ne

Da pic­co­la di­se­gna­va i suoi so­gni a pen­na­rel­lo, og­gi UBERTA ZAMBELETTI li tra­sfor­ma in real­tà. Fa­cen­do (e non è po­co) quel­lo che le pa­re all’ora che di­ce lei. Gnocchi com­pre­si

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di AN­NA­MA­RIA SBISÀ

ULa con­su­len­te di mo­da e de­si­gn Uberta Zambeletti ha fon­da­to il con­cept sto­re Wait and See nel cen­tro di Mi­la­no, e ne pro­get­ta un al­tro a Lon­dra. n buon mo­do di af­fron­ta­re la par­ti­ta del­la vi­ta po­treb­be es­se­re quel­lo di scri­ver­ne le re­go­le, ac­co­mo­dan­do le co­se più su mi­su­ra che mai. Vi­sta da vi­ci­no, so­prat­tut­to con un oc­chio al­le lan­cet­te, la vi­ta di Uberta Zambeletti, con­su­len­te di mo­da e de­si­gn e fon­da­tri­ce di Wait and See, il con­cept sto­re mi­la­ne­se che pro­po­ne ve­tri­ne d’ele­gan­za glo­ba­le con mar­chi e ten­den­ze se­le­zio­na­ti nel mon­do, sem­bra as­se­con­da­re que­sta ipo­te­si. Si par­la del­la lo­gi­sti­ca e del­la tem­pi­sti­ca di gior­na­te piut­to­sto den­se, di­cia­mo vis­su­te 19 ore su 24, pe­rò be­ne: su mi­su­ra del­la sua abi­tan­te. Che è que­sta: «Fa­cen­do quel­lo che mi pa­re, quan­do mi pa­re, co­me mi pa­re». Il ma­ni­fe­sto suo­na anar­chi­co e in­fat­ti lo è, pu­re ozio­so e in­ve­ce pro­prio non lo è: di Wait and See, Uberta sta pia­ni­fi­can­do la nuo­va se­de a Lon­dra, sen­za nul­la to­glie­re al fi­glio Leo­ne, agli ami­ci e agli af­fet­ti, il suo si­ste­ma ope­ra­ti­vo esi­sten­zia­le tro­va po­sto per tut­to. Sem­pli­ce­men­te, all’ora che de­ci­de lei. Sap­pia­mo che le re­go­le aiu­ta­no, a mag­gior ra­gio­ne se fat­te da noi, de­ve aver pen­sa­to l’ado­le­scen­te Uberta in col­le­gio, quan­do sal­ta­va la men­sa per­ché ave­va già di­vo­ra­to cioc­co­la­to e ar­ri­va­va in clas­se per ul­ti­ma per­ché ave­va pas­sa­to la not­te a leg­ge­re, in­som­ma ri­ta­glia­va i suoi tem­pi di­sar­cio­nan­do le re­go­le ge­ne­ra­li e se­guen­do le pro­prie: non si per­de un mi­nu­to di vi­ta. L’uni­co tem­po che ha mai per­so è sta­to il più pre­zio­so, quel­lo da bam­bi­na chiu­sa in ca­me­ra a di­se­gna­re, av­vol­ta da una bol­la di fe­li­ci­tà. Sul fo­glio com­pa­ri­va­no i co­lo­ri e le tra­me del­le ra­gaz­zi­ne ve­sti­te da lei: pettinature e ac­co­sta­men­ti mol­to com­pli­ca­ti, si­mi­li al mon­do ri­go­ro­sa­men­te sre­go­la­to che ave­va in men­te. Di­se­gna­va i suoi so­gni, dall’es­se­re bion­da all’ac­co­sta­re qua­dret­ti­fio­ri-pois tut­ti in­sie­me, so­gnan­do su car­ta quel­lo che sa­reb­be di­ven­ta­ta og­gi con Wait and See. Una vi­sio­na­ria del gu­sto, di ge­ne­re di­sar­cio­na­to ad ar­te, co­me si ve­ste lei e co­me ve­ste il mon­do, già im­ma­gi­na­to tra i pen­na­rel­li im­mer­si nel si­len­zio del­la stan­za. I mo­men­ti di fe­li­ci­tà so­no di­ven­ta­ti un la­vo­ro, che non fi­ni­sce mai per­ché for­se non le sem­bre­rà mai ve­ro ab­ba­stan­za. La in­con­tria­mo al­le 4 del po­me­rig­gio, in com­pa­gnia di un piat­to di gnocchi: «Si do­vreb­be man­gia­re in­tor­no al­le 13, ma se io in quel mo­men­to non ho fa­me?». Se ha un ap­pun­ta­men­to, è per­fet­ta­men­te pun­tua­le: «Ogni vol­ta è co­me pas­sa­re un esa­me o sta­re den­tro una sca­to­la». Di sca­to­le ama so­lo le sue, i con­tai­ner di pla­sti­ca ap­pog­gia­ti sul­le gi­noc­chia che con­ten­go­no il pa­sto che mol­to spes­so con­su­ma ai se­ma­fo­ri, nei tra­sfe­ri­men­ti in au­to. «An­che il truc­co si svol­ge in mac­chi­na, da­van­ti al­lo spec­chiet­to re­tro­vi­so­re». È il bio­rit­mo a di­ri­ge­re il suo jet-lag ope­ra­ti­vo, mo­ti­vo per cui mol­te e-mail e il la­vo­ro am­mi­ni­stra­ti­vo ven­go­no sbri­ga­ti fi­no a tar­da not­te, quan­do è me­glio per lei. E di gior­no? «Ci so­no gli ap­pun­ta­men­ti e il ne­go­zio». E il tem­po che in­ve­ce si but­ta via? «Non so co­sa vo­glia di­re. Su que­sto di­va­no in sa­la mi sa­rò se­du­ta 30 vol­te in die­ci an­ni». Po­treb­be suo­na­re an­go­scian­te. «È peg­gio rin­cor­re­re le co­se non fat­te, poi c’è trop­pa gen­te a cui pen­so, per cui non ho ab­ba­stan­za tem­po, la mia vi­ta è un fal­do­ne». Un «da fa­re» con­ti­nua­men­te di­vi­so in no­te, ap­pun­ti, po­st-it, agen­da, da se­gui­re al vo­lo, ogni gior­no di­ver­so dall’al­tro: «Non ho il sen­so del quo­ti­dia­no o del­la routine, po­co me­to­do». An­sia di per­de­re il con­trol­lo? «Al­la fi­ne so che ce la fac­cio, per­ché so di­stin­gue­re, tra le 20 co­se in pro­gram­ma, qua­li so­no le 15 im­pre­scin­di­bi­li». Un so­gno: «Ave­re un’ora in più per gli im­pre­vi­sti. Si ful­mi­na una lam­pa­di­na e su­bi­to in­ciam­pi nell’agen­da». Per­ché non al­zar­si un’ora pri­ma? «Per­ché ho spen­to al­le 4».

RAD­DOP­PIA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.