SMI­SE, MI SI SPEZ­ZÒ IL CUO­RE. MA DE­CI­SI: FA­RÒ CO­ME LUI»

Vanity Fair (Italy) - - Vanity / Toilette -

Cioè all’in­fan­zia? «Sì, la mia idea di no­stal­gia è lì». Lei è un gran­de ap­pas­sio­na­to di Di­sney­land. Qua­li so­no le sue at­tra­zio­ni pre­fe­ri­te? «Che do­man­da dif­fi­ci­le... Mi di­ca la sua, pri­ma». Pen­so che la gio­stra con le taz­ze sia im­bat­ti­bi­le. Ci ha mai por­ta­to sua fi­glia? «È an­co­ra trop­po pic­co­la». Che co­sa ha si­gni­fi­ca­to per lei di­ven­ta­re pa­dre? «La co­sa più bel­la che mi sia mai ca­pi­ta­ta. Mi fa sen­ti­re un uo­mo for­tu­na­to, e la no­stra bam­bi­na è un an­ge­lo». Lei è un ta­len­to con i bam­bi­ni. L’ho no­ta­to nel do­cu­men­ta­rio My Li­fe Di­rec­ted by NWF, del­la mo­glie di Ni­co­las Win­ding Refn. Tra una riu­nio­ne e l’al­tra la ve­dia­mo gio­ca­re con le lo­ro fi­glie, di­ver­ten­do­le mol­tis­si­mo. «Quel do­cu­men­ta­rio rac­con­ta mol­to be­ne che co­sa suc­ce­de quan­do si gi­ra un film. Ognu­no di noi – re­gi­sta, at­to­ri, tec­ni­ci – non è mai ve­ra­men­te so­lo, ha un pro­prio si­ste­ma di sup­por­to, so­prat­tut­to se si gi­ra lon­ta­no da ca­sa. E que­sto si­ste­ma di sup­por­to emo­ti­vo fa in­te­ra­men­te par­te dell’espe­rien­za del film». Il suo si­ste­ma di sup­por­to è Eva Men­des, ov­via­men­te. Pen­sa­te di spo­sar­vi? A que­sto pun­to, un’ad­det­ta stam­pa che ha ascol­ta­to tut­ta la con­ver­sa­zio­ne in si­len­zio, mi­me­tiz­za­ta con la tap­pez­ze­ria ver­de al pun­to che non mi ero ac­cor­ta del­la sua pre­sen­za, in­ter­vie­ne con una vo­ce di por­ta ci­go­lan­te: «Noi non ri­spon­dia­mo a do­man­de per­so­na­li». Ryan an­nui­sce e poi, per usci­re dall’im­ba­raz­zo, chie­de a me se so­no spo­sa­ta. Gli ri­spon­do e non in­si­sto su Eva, l’ad­det­ta stam­pa sem­bra pla­car­si. Lo­st Ri­ver, il suo pri­mo film da re­gi­sta, non ha con­vin­to i cri­ti­ci. Ri­nun­cia o ci ri­pro­va? «Sto svi­lup­pan­do di­ver­si pro­get­ti, tra cui uno su Bu­sby Ber­ke­ley (leg­gen­da­rio co­reo­gra­fo de­gli an­ni ’30-40, ndr)». Un mu­si­cal, quin­di? «Sì, mi è ri­ma­sta mol­ta vo­glia di mu­si­cal do­po aver gi­ra­to La La Land con Em­ma Sto­ne, che do­vreb­be usci­re que­st’esta­te». In­tan­to, a lu­glio ini­zia il re­ma­ke di Bla­de Run­ner. «L’idea che Rid­ley Scott e Har­ri­son Ford mi vo­glia­no a la­vo­ra­re con lo­ro mi esal­ta. Avrei ac­cet­ta­to an­che se mi aves­se­ro chie­sto di fa­re l’im­bian­chi­no sul set». Ha mai pen­sa­to di fa­re al­tro nel­la vi­ta, a par­te l’at­to­re? «Quan­do ero ra­gaz­zi­no, mio zio Per­ry si mi­se in men­te di fa­re il so­sia di El­vis Pre­sley. Non gli so­mi­glia­va: era pe­la­to, con i baf­fi e una vo­glia sul­la fac­cia. Ma quan­do en­tra­va nel per­so­nag­gio di­ven­ta­va El­vis. Ven­ne a vi­ve­re da noi e coin­vol­se me e mia so­rel­la nei suoi show, i miei zii gli fa­ce­va­no da guar­die del cor­po, le mie zie da co­ri­ste. Im­prov­vi­sa­men­te a ca­sa no­stra si re­spi­ra­va un’ener­gia nuo­va, ec­ci­tan­te. Quan­do, sei me­si do­po, lo zio Per­ry de­ci­se di smet­te­re, mi si spez­zò il cuo­re. Nien­te spettacoli da pre­pa­ra­re, nien­te ap­plau­si, e io di nuo­vo nel­la rou­ti­ne del­la scuo­la, sa­pen­do che, poi­ché tut­ta la mia fa­mi­glia la­vo­ra­va in una car­tie­ra lo­ca­le, ci sa­rei fi­ni­to an­che io. A quel pun­to, ho de­ci­so che da gran­de avrei fat­to co­me lo zio Per­ry. Non l’imi­ta­zio­ne di El­vis, ma qual­co­sa di si­mi­le, su un pal­co­sce­ni­co, per ri­tro­va­re quel­la gio­ia che lui ci ave­va por­ta­to in ca­sa». È sod­di­sfat­to di co­me so­no an­da­te le co­se? «Sin­ce­ra­men­te, an­co­ra non rie­sco a cre­de­re che mi sia an­da­ta co­sì be­ne. Non ho mai so­gna­to di ar­ri­va­re a que­sti li­vel­li. O for­se l’ho so­gna­to, ma pen­san­do che non sa­reb­be sta­to pos­si­bi­le. Ma­ga­ri c’en­tra an­che il fat­to di es­se­re cre­sciu­to in Ca­na­da. Il ci­ne­ma era una real­tà lon­ta­nis­si­ma, l’uni­co re­gi­sta ca­na­de­se di fa­ma in­ter­na­zio­na­le era Da­vid Cro­nen­berg e io non ero ab­ba­stan­za cool da co­no­sce­re i suoi film». L’in­ter­vi­sta è fi­ni­ta. Pren­do una me­la dal­la cio­to­la. An­che se fos­se lì dai tem­pi di Via col ven­to, è pur sem­pre la me­la of­fer­ta da Ryan Gosling.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.