LA CU­PA

Vanity Fair (Italy) - - Vanity / Sotto Il Cappello -

Co­me si fa a sta­re con Vi­ni­cio? «Ah be’, si la­scia per­de­re… (ri­de). Nel sen­so che bi­so­gna da­re len­za. L’amo­re è la no­stra pic­co­la am­bi­zio­ne di eter­ni­tà, che pe­rò è una di­men­sio­ne che ap­par­tie­ne a Dio, non agli es­se­ri uma­ni. Pro­ba­bil­men­te l’amo­re è pos­si­bi­le so­lo a pat­to di con­ce­der­si li­ber­tà, di es­se­re di­spo­sti a per­de­re». Lei ha tro­va­to que­sta di­men­sio­ne di li­ber­tà? «Non è pe­ren­ne, si tro­va di mo­men­to in mo­men­to». Que­sto luo­go che co­sa di­ce di lei? «È ispi­ra­to al­la sto­ria di Po­li­fe­mo, che ha bi­so­gno di una grot­ta per espri­me­re la sua na­tu­ra di ci­clo­pe. E ho scel­to que­sto quar­tie­re per­ché mi ha sem­pre af­fa­sci­na­to. Quan­do mi so­no in­se­dia­to qua ho fat­to co­me Har­vey Kei­tel in Smo­ke: per un an­no in­te­ro ho fo­to­gra­fa­to tut­te le mat­ti­ne lo stes­so an­go­lo. Ve­de­vo ar­ri­va­re que­sti pull­man pie­ni di giap­po­ne­si e la not­te de­ci­ne di esi­sten­ze mu­ni­te di car­rel­li che re­sta­no im­pi­glia­te in que­sto re­ti­co­lo di strade, gen­te che cam­mi­na so­spin­ta ver­so il gran­de ma­gne­te del­la Sta­zio­ne Cen­tra­le». Che co­sa ha fat­to poi di quel­le fo­to? «As­so­lu­ta­men­te nien­te. È la con­qui­sta dell’inu­ti­le (ri­de)». Ne ha fat­te mol­te di que­ste con­qui­ste? «In real­tà so­no ab­ba­stan­za co­strut­ti­vo. Non mi ba­sta fa­re una fo­to, de­vo far­ne cen­ti­na­ia. Co­sì co­me que­sto di­sco: ci ho la­vo­ra­to per 13 an­ni». È un la­vo­ro sul­le ra­di­ci, sul­la tra­di­zio­ne po­po­la­re dell’Ir­pi­nia. «I miei ge­ni­to­ri han­no pre­so il tre­no tan­ti an­ni fa (ne­gli an­ni ’60 so­no emi­gra­ti in Ger­ma­nia, do­ve è na­to Vi­ni­cio, ndr) por­tan­do­si die­tro que­sta zol­la in­tri­sa di rac­con­ti. Ho cer­ca­to di tra­dur­re le sto­rie in can­zo­ni». Che co­sa le ha la­scia­to que­sta sto­ria di emi­gra­zio­ne? «Ci si abi­tua da su­bi­to a cer­ca­re ca­sa den­tro di sé, più che fuo­ri. C’è un con­cet­to che mi pia­ce mol­to, quel­lo di hei­mat: in te­de­sco non è, co­me si pen­sa, la pa­tria nel sen­so na­zio­na­li­sti­co; è so­lo qual­co­sa in cui ti sen­ti a ca­sa». Qual è la sua hei­mat? «Il suo­no del pia­no­for­te. E poi la lin­gua. La co­sa che mi di­strug­ge quan­do fi­ni­sce una re­la­zio­ne d’amo­re è per­de­re, ap­pun­to, que­sta lin­gua con­di­vi­sa. È quel­la la mia ca­sa». Una ca­sa di mat­to­ni in­ve­ce l’ha com­pra­ta? La co­ver di Can­zo­ni del­la Cu­pa di Vi­ni­cio Ca­pos­se­la. Il tour Pol­ve­re par­te il 28 giu­gno da Ro­ma, il 29 è a Mi­la­no. Tut­te le da­te vi­ni­cio­ca­pos­se­la.it. su

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.