RI­COR­DO DI AN­TI­NO­RI

Vanity Fair (Italy) - - #VanitySocial -

Pen­so sia un pec­ca­to che un uo­mo di scienza co­me Se­ve­ri­no An­ti­no­ri si sia com­pro­mes­so co­sì. SIL­VIA Quin­di­ci an­ni fa, Se­ve­ri­no An­ti­no­ri si pre­sen­tò a Wa­shing­ton a un con­ve­gno di scien­zia­ti do­ve an­nun­ciò l’or­mai vi­ci­na (e mai fi­no­ra do­cu­men­ta­ta) na­sci­ta dei pri­mi bam­bi­ni clo­na­ti. In squa­dra con lui c’era­no il bio­lo­go ci­prio­ta Pa­nos Za­vos e la fran­ce­se Bri­git­te Bois­se­lier, pre­si­den­tes­sa di un’azien­da chia­ma­ta Clo­naid. Io Bri­git­te Bois­se­lier la co­no­sce­vo da an­ni. Era brac­cio de­stro del fon­da­to­re e gu­ru del­la set­ta dei Rae­lia­ni, un si­gno­re che so­ste­ne­va di es­se­re sa­li­to su un di­sco vo­lan­te, di ave­re in­con­tra­to es­se­ri alie­ni su­pe­rio­ri – gli Elo­him – e di aver­ne ri­ce­vu­to una ri­ve­la­zio­ne: il ge­ne­re uma­no è frut­to dei lo­ro espe­ri­men­ti di in­ge­gne­ria genetica, e può con­qui­sta­re at­tra­ver­so la clo­na­zio­ne l’im­mor­ta­li­tà. Mi li­mi­tai a rac­con­ta­re, in un ar­ti­co­lo do­cu­men­ta­to e cor­ret­to, chi era­no gli im­pro­ba­bi­li com­pa­gni di av­ven­tu­ra del no­stro ma­go del­la fer­ti­li­tà. Mi aspet­ta­vo che la co­sa non gli fa­ces­se pia­ce­re. Quel­lo che non mi aspet­ta­vo era la te­le­fo­na­ta che An­ti­no­ri mi fe­ce in re­da­zio­ne. «Ca­ro Di­ni, la vi­ta è lun­ga. Un

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.