IL MIO STI­LE LI­BE­RO SEI TU

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Copertina -

Mi ave­va­no det­to: è nel­la va­sca ester­na, va­da. E io so­no an­da­ta, ma non la ve­de­vo. Ve­de­vo il suo fi­dan­za­to Fi­lip­po Ma­gni­ni emer­ge­re dal­le ac­que, per­fet­to co­me cer­te sta­tue di cer­te fon­ta­ne, ma lei no, guar­da­vo ma mi pa­re­va non ci fos­se. Poi ho ca­pi­to che c’era, ma era co­me di­ven­ta­ta li­qui­da an­che lei, e sta­va sott’ac­qua per me­tà del­la lun­ghez­za del­la va­sca e an­che quan­do usci­va le sue brac­cia­te era­no so­lo in­cre­spa­tu­re del­la su­per­fi­cie, una se­rie rit­mi­ca di pic­co­le on­de che la spin­ge­va­no in avan­ti. È tor­na­ta so­li­da quan­do mi si è pa­ra­ta da­van­ti: la tu­ta, i ca­pel­li ba­gna­ti – no non si pre­oc­cu­pi, non li asciu­go mai – gli oc­chi lim­pi­di che non ri­cor­da­vo. Ma l’ul­ti­ma vol­ta che l’ho vi­sta ave­va 19 an­ni, «gli or­mo­ni im­paz­zi­ti, non era un bel mo­men­to», si scu­sa ades­so. Le ho ri­cor­da­to che men­tre la in­ter­vi­sta­vo lei pra­ti­ca­men­te non mi ave­va mai guar­da­ta in fac­cia: scri­ve­va al cel­lu­la­re. Que­sta vol­ta il cel­lu­la­re lo guar­da so­lo una vol­ta, ed è per spe­gner­lo. Pas­sa Fi­lip­po: «Ciao, ci ve­dia­mo a ca­sa quan­do fi­ni­sco l’in­ter­vi­sta. Tu co­sa fai?». E lui: «La ri­so­nan­za». Co­me due ra­gaz­zi nor­ma­li che fan­no del­le vi­te stra­ne. Al­le Olim­pia­di di Rio man­ca­no me­no di 100 gior­ni, Fe­de­ri­ca Pel­le­gri­ni è sta­ta no­mi­na­ta por­ta­ban­die­ra del­la na­zio­na­le, ha un ap­pun­ta­men­to im­por­tan­te fin dal pri­mo gior­no. «Il mio no­me gi­ra­va da tem­po, ma io con­ti­nua­vo a scac­cia­re il pen­sie­ro: mi co­no­sco, se poi non aves­se­ro scel­to me ci sa­rei ri­ma­sta ma­lis­si­mo». Che co­sa si­gni­fi­ca per lei por­ta­re la ban­die­ra? «È for­se il ri­co­no­sci­men­to più al­to del mio la­vo­ro. I sa­cri­fi­ci li fan­no tut­ti gli atle­ti, ma il nuoto è uno de­gli sport più fa­ti­co­si in ter­mi­ni di pre­pa­ra­zio­ne. Me­si e me­si di al­le­na­men­ti per una so­la ga­ra ve­ra­men­te im­por­tan­te all’an­no. Una ga­ra che, nel mio caso, du­ra un mi­nu­to e cin­quan­ta se­con­di». Non c’è qual­co­sa di pa­ra­dos­sa­le in que­sto? «Im­ma­gi­no che, vi­sto da fuo­ri, ci sia. Per me no. Al­tri­men­ti non mi al­le­ne­rei sei gior­ni la set­ti­ma­na». Com’è ri­po­sar­si la do­me­ni­ca? «Stra­no, bel­lo. Poi il lu­ne­dì lo sen­ti che sei più len­to. Non le di­co quan­do ci fer­mia­mo per tut­to il me­se di ago­sto. Quan­do rien­tro in ac­qua a set­tem­bre mi sem­bra di nuo­ta­re a ca­gno­li­no». Non si an­no­ia mai di que­sta vi­ta a mol­lo? «I me­si in­ver­na­li so­no un po’ più du­ri: en­tri in va­sca la mat­ti­na che è an­co­ra buio e, quan­do fi­ni­sci l’al­le­na­men­to del po­me­rig­gio, è buio di nuo­vo. E fred­do. D’esta­te, Fe­de­ri­ca Pel­le­gri­ni con il com­pa­gno Fi­lip­po Ma­gni­ni, 34 an­ni, 2 vol­te cam­pio­ne del mon­do nei 100 sti­le li­be­ro e an­che lui in ga­ra a Rio; ad apri­le a Ric­cio­ne, nei 200 sti­le li­be­ro de­gli As­so­lu­ti, vin­ti con un ot­ti­mo tem­po. all’aper­to, è un al­tro sport. Ma a me pia­ce al­le­nar­mi, qua­si quan­to fa­re la ga­ra. So­no com­pe­ti­ti­va an­che ne­gli al­le­na­men­ti». Com­pe­ti­ti­vi si na­sce o si di­ven­ta con la pra­ti­ca? «Io ci so­no na­ta. Non è che io vo­glia pro­prio vin­ce­re, è che non vo­glio per­de­re, per­ché non mi pia­ce per nien­te. Im­ma­gi­no che, al­la fi­ne, sia la stes­sa co­sa». Com­pe­ti­ti­va lo è an­che fuo­ri dal­la va­sca? «Tut­te le don­ne lo so­no, ma con gli an­ni ho cer­ca­to di dar­mi una cal­ma­ta: mi sfo­go già in pi­sci­na». Il fat­to che la sua vi­ta ab­bia pre­so un an­da­men­to piut­to­sto sta­bi­le i suc­ces­si, Fi­lip­po aiu­ta, no? «Ten­do co­mun­que a vi­ve­re sem­pre al­la gior­na­ta per­ché ho vi­sto che tut­to può cam­bia­re da un mo­men­to all’al­tro». Tan­te co­se so­no cam­bia­te an­che per sue de­ci­sio­ni. «So­no mol­te di più le co­se che non ho de­ci­so: è sta­to il de­sti­no a ob­bli­gar­mi nel­le scel­te». Com’è la con­vi­ven­za con Fi­lip­po? «Ro­da­ta: vi­via­mo in­sie­me dal 2012. Io ho im­pa­ra­to a ca­var­me­la da so­la da ra­gaz­zi­na, quin­di so per­fet­ta­men­te ge­sti­re la ca­sa. Mi pia­ce fa­re tut­to tran­ne sti­ra­re». Sti­ra lui? «Me­glio di no. So­no pre­ci­sa e pun­ti­glio­sa sul­la ge­stio­ne do­me­sti­ca, all’ini­zio il fat­to che Fi­lip­po non lo fos­se per nien­te è sta­to un pro­ble­ma, ma poi ha ca­pi­to, e si è ade­gua­to». Per che co­sa li­ti­ga­te? «Per nien­te. Non li­ti­ghia­mo mai, nem­me­no se ab­bia­mo punti di vi­sta di­ver­si sul­le co­se: riu­scia­mo a ri­spet­tar­ci. Le vol­te che ab­bia­mo li­ti­ga­to ci sia­mo la­scia­ti». I vo­stri ti­ra e mol­la so­no sta­ti mol­to se­gui­ti dal­la stam­pa. «Que­sto è sta­to un gua­io. Se va tut­to be­ne e ci fo­to­gra­fa­no fuo­ri a ce­na non c’è nes­sun pro­ble­ma. Ma nei mo­men­ti dif­fi­ci­li cer­te fo­to, cer­te in­si­nua­zio­ni, cer­ti ser­vi­zi mon­ta­ti ad ar­te per far cre­de­re che io fos­si la per­so­na che non so­no mi han­no da­to mol­to di­spia­ce­re». Che co­sa suc­ce­de­rà do­po le Olim­pia­di di Rio? «Mi aspet­ta una scel­ta im­por­tan­tis­si­ma: quel­la di ri­ti­rar­mi op­pu­re no. L’ho pen­sa­to al­tre vol­te pri­ma di ap­pun­ta­men­ti im­por­tan­ti, ma que­sta vol­ta è di­ver­so. Quan­do ero pic­co­la im­ma­gi­na­vo che mi sa­rei

– –

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.