CON O SENZA MA­TRI­MO­NIO»

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Oscar -

luo­ghi del­lo scrit­to­re, in­ter­ven­ti di per­so­nag­gi co­me Da­vid Bo­wie e Go­re Vi­dal sul mi­to Wil­de e sul­la vi­cen­da del suo pro­ces­so. Ma an­che, in pa­ral­le­lo, rac­con­to sul­la rea­liz­za­zio­ne del­lo spet­ta­co­lo trat­to da Sa­lo­mè, con la Cha­stain nel­la par­te del ti­to­lo e nei po­chi pan­ni ri­chie­sti dal­la dan­za dei set­te ve­li. Ci so­no mo­men­ti di gran­de hu­mour co­me l’in­com­pren­sio­ne lin­gui­sti­ca tra Pa­ci­no e il co­stu­mi­sta fran­ce­se sul­le pa­ro­le de­sert (de­ser­to) e des­sert (dol­ce), ed è ben do­cu­men­ta­to an­che l’ama­ro pro­ces­so di ac­cet­ta­zio­ne del Pa­ci­no re­gi­sta di fron­te al­le stron­ca­tu­re bru­ta­li dei cri­ti­ci, a se­gui­to del­la pri­ma tea­tra­le. Per non far­si man­ca­re nien­te, l’in­ver­no scor­so Al Pa­ci­no è an­da­to in sce­na a New York con Chi­na Doll, te­sto scrit­to per lui da Da­vid Ma­met. Qua­si due ore di mo­no­lo­go. Una per­for­man­ce da ma­ra­to­ne­ta del­la pa­ro­la, e po­co im­por­ta se an­che in que­sto caso la cri­ti­ca ha pic­chia­to du­ro. So­no an­da­ta a sa­lu­ta­re Pa­ci­no a fi­ne spet­ta­co­lo, sem­bra­va un pu­gi­le ap­pe­na sce­so dal ring, con tan­to di asciu­ga­ma­no bian­co al col­lo. Il gior­no do­po, una do­me­ni­ca, avreb­be fat­to ad­di­rit­tu­ra due re­ci­te. Men­tre gli fa­ce­va­mo i com­pli­men­ti, il suo sguar­do sod­di­sfat­to ha da­to per me un nuo­vo si­gni­fi­ca­to all’espres­sio­ne «stan­co ma fe­li­ce». Inol­tre, in que­sti an­ni, do­po Wil­de Sa­lo­mè, ci so­no sta­ti al­tri tre film – Man­gle­horn, The Hum­bling, La can­zo­ne del­la vi­ta - Dan­ny Col­lins – e nes­su­no di que­sti è sta­to un suc­ces­so com­mer­cia­le. I pri­mi due fu­ro­no pre­sen­ta­ti al­la Mostra di Ve­ne­zia nel 2014 e ad al­tri fe­sti­val, ma se non ne ave­te sen­ti­to par­la­re non è per­ché vi­ve­te in una bol­la mar­zia­na: nem­me­no lo­ro han­no tro­va­to un di­stri­bu­to­re. Che i film va­da­no be­ne o ma­le, lei mostra sem­pre una gran­de ener­gia: l’ho vi­sta tan­te vol­te sui tap­pe­ti ros­si, sem­bra che l’ab­brac­cio del­la fol­la le piac­cia mol­tis­si­mo. Sor­ri­de sem­pre. «Che co­sa do­vrei fa­re? Met­te­re il mu­so? C’è sem­pre tan­ta gen­te che mi ri­co­no­sce e mi sa­lu­ta, e per me è sem­pre bel­lis­si­mo pen­sa­re che esi­ste un pub­bli­co. Ma io non pen­so mai che gli spet­ta­to­ri esi­sta­no per ama­re me, esi­sto­no per­ché so­no par­te di una co­sa che si fa tut­ti in­sie­me, pub­bli­co e at­to­ri. Gli spet­ta­co­li, i film so­no un’espe­rien­za con­di­vi­sa tra chi fa e chi as­si­ste». Un at­to­re co­me lei, con la sua car­rie­ra, al­la fi­ne è mol­to co­no­sciu­to at­tra­ver­so i per­so­nag­gi che ha in­ter­pre­ta­to. È dif­fi­ci­le di­re chi sia Al Pa­ci­no, se to­glia­mo Mi­chael Cor­leo­ne, Ser­pi­co, Car­li­to Bri­gan­te… «Non so­no d’ac­cor­do. Le scel­te di una car­rie­ra so­no mol­to più sin­ce­re del­le di­chia­ra­zio­ni di un’in­ter­vi­sta. Se lei ana­liz­za le mie, o an­che quel­le di al­tri, può ca­pi­re co­me la pen­so, co­me vi­vo, che per­so­na so­no e per­si­no per che co­sa vo­to». È per que­sto che per mol­ti an­ni non ha ri­la­scia­to in­ter­vi­ste? Per­ché a par­la­re fos­se il suo la­vo­ro? «Sì, ma og­gi in­ter­vi­ste e pro­mo­zio­ne tea­tro fa sem­pre be­ne. Af­fi­ni la tec­ni­ca e so­prat­tut­to sei co­stret­to a co­no­sce­re la buo­na let­te­ra­tu­ra. Che tu di­ven­ti bra­vo o no, fa­mo­so o no, cer­ti gran­di te­sti re­sta­no: ti for­ma­no, ti nu­tro­no, ti ispi­ra­no». In­vec­chia­re la preoc­cu­pa? «Sto be­ne, so­no in sa­lu­te, a vol­te ho la sen­sa­zio­ne che la mia ener­gia di­mi­nui­sca ma poi tor­na, quin­di non so­no preoc­cu­pa­to. La co­sa più brut­ta, quel­la che sof­fro di più ri­spet­to agli an­ni che pas­sa­no, è che co­min­ci a fa­re il con­to del­le per­so­ne che per­di, de­gli ami­ci che se ne van­no». Pen­sa mai che ci sia­no co­se che avreb­be po­tu­to o do­vu­to fa­re, e che in­ve­ce non ha fat­to? «No. Piut­to­sto, ogni tan­to mi pen­to di co­se, mol­te co­se, che ho fat­to e che sa­reb­be sta­to me­glio non fa­re. Ma sto fa­cen­do pa­ce an­che con que­sto ti­po di pen­sie­ri. È an­da­ta co­me è an­da­ta, e l’ana­li­si è sta­ta di gran­dis­si­mo aiu­to. Ne ho fat­ta per an­ni e su quel let­ti­no non ho mai men­ti­to». Lei ha tre fi­gli da due don­ne di­ver­se, Jan Tar­rant e Be­ver­ly D’An­ge­lo, ha avu­to mol­te re­la­zio­ni ma non si è mai spo­sa­to. Lo sa che in un film con Jen­ni­fer Ani­ston c’è una bat­tu­ta che fa ri­fe­ri­men­to a que­sto? «Ne ho sen­ti­to par­la­re». La bat­tu­ta di­ce: «Per­ché do­vrei spo­sar­mi? Guar­da­te Al Pa­ci­no. Mai spo­sa­to, fe­li­ce co­me una Pa­squa». Ec­co: lo è? Fe­li­ce co­me una Pa­squa, in­ten­do. «In ef­fet­ti, si po­treb­be pen­sa­re che io ab­bia qual­co­sa con­tro il ma­tri­mo­nio per prin­ci­pio, ma non è co­sì. Tro­vo sem­pli­ce­men­te tut­ta quel­la par­te ri­tua­le una gran rot­tu­ra di pal­le, scu­si l’espres­sio­ne. Cre­do all’im­pe­gno re­ci­pro­co e al le­ga­me crea­to dai fi­gli, un le­ga­me che du­ra tut­ta la vi­ta, con o senza ma­tri­mo­nio». Se le di­co che i 70 so­no i nuo­vi 40? «Ri­do! Spe­ro che sia ve­ro, fin­go di cre­der­ci o al­me­no fin­go che ci cre­da lei. I 70 so­no l’età in cui de­vi con­ti­nua­re a cor­re­re per­ché chi si fer­ma è per­du­to». Pa­ci­no nei pan­ni di Ero­de con Jes­si­ca Cha­stain, 39 an­ni, che nel film in­ter­pre­ta Sa­lo­mè. non si pos­so­no evi­ta­re. Cer­ti film che ho gi­ra­to, co­me i due che por­tai a Ve­ne­zia due an­ni fa, han­no bi­so­gno di que­sto sup­por­to. Ne­gli an­ni Set­tan­ta gli stu­dios era­no mac­chi­ne che fun­zio­na­va­no an­che su un ci­ne­ma me­no com­mer­cia­le. Og­gi, il ci­ne­ma di qua­li­tà di­pen­de dal­la gen­ti­lez­za de­gli estra­nei, per ci­ta­re Ten­nes­see Wil­liams (il ri­fe­ri­men­to è a I ha­ve al­ways de­pen­ded on the kind­ness of stran­gers, bat­tu­ta di Un tram chia­ma­to de­si­de­rio, ndr)». Che co­sa di­ce agli aspi­ran­ti at­to­ri che le chie­do­no con­si­gli? «Mol­to po­co. Sto at­ten­tis­si­mo a co­me par­lo per­ché io non ho la mi­ni­ma idea di che co­sa sia dav­ve­ro uti­le per il mon­do di og­gi. Quin­di, mi li­mi­to a in­co­rag­giar­li a fa­re tea­tro. Il

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.