Ho im­pa­ra­to da Jon Snow

Che co­sa c’en­tra AN­NA­LI­SA, l’ar­ti­sta più ti­mi­da in cir­co­la­zio­ne, con il personaggio del Mol­to, co­me lui so­gna di «cam­bia­re le co­se in­tor­no a sé». Pri­mo pas­so: can­ta­re in in­gle­se

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di FER­DI­NAN­DO COTUGNO Trono di Spa­de?

i so­no sem­pre sen­ti­ta una can­tau­tri­ce, an­che quan­do fa­ce­vo l’in­ter­pre­te di pez­zi scrit­ti da al­tri, ec­co per­ché ora so­no pie­na di or­go­glio per tut­te que­ste can­zo­ni scrit­te da me». Do­po Il di­lu­vio uni­ver­sa­le e la par­te­ci­pa­zio­ne all’ul­ti­mo Fe­sti­val di San­re­mo, An­na­li­sa esce con Se aves­si un cuo­re, quin­to al­bum in stu­dio. Ne­gli uf­fi­ci del­la sua ca­sa di­sco­gra­fi­ca, An­na­li­sa lo rac­con­ta co­me il di­sco del­la ma­tu­ri­tà. Me­ri­to del nuo­vo po­te­re crea­ti­vo che si è da­ta, scri­ver­si da so­la i pez­zi, e dell’ana­gra­fe, con i trent’an­ni su­pe­ra­ti nel 2015. «Fi­nal­men­te ve­do le co­se con più leg­ge­rez­za. Quan­do ero gio­va­ne, nel de­cen­nio pre­ce­den­te, tut­to era so­lo bian­co o ne­ro. Cre­sce­re è co­glie­re an­che le mil­le sfu­ma­tu­re. Nel­la vi­ta, nel­le per­so­ne, o an­che nei ge­ne­ri mu­si­ca­li». Senza, pe­rò, smet­te­re di usa­re la mu­si­ca e le can­zo­ni an­che per na­scon­der­si, per­ché An­na­li­sa è una del­le ar­ti­ste più ri­ser­va­te del­la sce­na ita­lia­na. «Mi so­no ag­grap­pa­ta al­la mu­si­ca per­ché non riu­sci­vo a co­mu­ni­ca­re in nes­sun al­tro mo­do, ma non l’ho mai usa­ta per gua­ri­re dal­la ti­mi­dez­za, per­ché non c’è bi­so­gno di cu­rar­la: la ti­mi­dez­za è un do­no». E quan­do in­ve­ce ser­ve una gui­da, c’è sem­pre Ma­ria De Fi­lip­pi, che con Ami­ci l’ha lan­cia­ta cin­que an­ni fa: «Su di me, Ma­ria ha un po­te­re cal­man­te. Se ho un mo­men­to di stress o di agi­ta­zio­ne, scri­vo sem­pre a lei. Ab­bia­mo un rap­por­to epi­sto­la­re di mes­sag­gi­ni, ba­sta che mi di­ca: “Stai tran­quil­la” e io sto tran­quil­la». Da «Queen Ma­ry» il di­scor­so sci­vo­la al­la «Ma­dre dei Dra­ghi», per­ché An­na­li­sa è una gran­de fan del Trono di Spa­de: «Mi sen­to un po’ co­me Jon Snow, è un idea­li­sta, com­bat­te in con­tro­ten­den­za, non ha pau­ra di cam­bia­re le co­se in­tor­no a sé». Co­me Snow, che si bat­te per cam­bia­re i con­fi­ni dei Set­te Re­gni, an­che An­na­li­sa vor­reb­be espan­de­re la sua geo­gra­fia. Il pri­mo pas­so è la col­la­bo­ra­zio­ne nel nuo­vo al­bum con il gio­va­ne fe­no­me­no del pop in­gle­se Dua Li­pa per Used to You e la ver­sio­ne ita­lia­na Po­trei abi­tuar­mi. «Ma mi pia­ce­reb­be fa­re un di­sco in in­gle­se, non è sem­pli­ce, bi­so­gna con­vin­ce­re tut­ti. Ma è un obiet­ti­vo per il pros­si­mo de­cen­nio».

MAn­na­li­sa Scar­ro­ne, 30 an­ni. È da po­co usci­to il suo nuo­vo al­bum, Se aves­si un cuo­re.

CUO­RE DI RA­GAZ­ZA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.