«L’ODIO APPARTIENE AGLI STRONZI»

Vanity Fair (Italy) - - N.21 - Di CLEMENTE JACKY MIMUN

gni tan­to mi in­caz­zo per il tem­po che cor­re ine­so­ra­bi­le e per i ma­lan­ni che mi so­no piom­ba­ti ad­dos­so. Poi pen­so che, nei miei 62 an­ni, ho avu­to la for­tu­na di vi­ve­re mo­men­ti in­di­men­ti­ca­bi­li, e di co­no­sce­re be­ne per­so­ne straor­di­na­rie. Co­me Mar­co Pannella. L’ho co­no­sciu­to be­ne. Ma la pri­ma vol­ta lo in­con­trai sen­za sa­per­lo, ne­gli an­ni 50: ero un bam­bi­no. Mia non­na, a Ro­ma, per por­ta­re a ca­sa qual­che spic­cio­lo in più da­va in pen­sio­ne due ca­me­re. Una era oc­cu­pa­ta da un ra­gaz­zo­ne che, qua­si ogni se­ra, ve­ni­va a fre­ga­re una me­la dal­la ghiac­cia­ia, e mi sa­lu­ta­va. Mol­ti an­ni do­po chie­si al­la non­na il no­me di quel ra­gaz­zo­ne dei miei ri­cor­di. Lei ri­spo­se: Mar­co Pannella. Per la mia ge­ne­ra­zio­ne è sta­to un fa­ro di li­ber­tà e di tra­sgres­sio­ne, un leo­ne che ha con­qui­sta­to per tut­ti di­rit­ti ci­vi­li. Di­vor­zio, abor­to, ma non so­lo. Bat­ta­glie che han­no poi per­mes­so al­la so­cie­tà ita­lia­na di ar­ri­va­re, an­che se per ul­ti­ma, al­le unio­ni ci­vi­li. Mar­co è cre­sciu­to, ha vis­su­to, se n’è an­da­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.