LA LEG­GE DEL­LE MOSCHE

ETIOPIA: in cor­so la più gra­ve ca­re­stia (di­men­ti­ca­ta) de­gli ul­ti­mi 30 an­ni. Quan­to gra­ve? Lo ab­bia­mo ca­pi­to guar­dan­do i bam­bi­ni

Vanity Fair (Italy) - - Week - Te­sto e fo­to di AL­BER­TO GIU­LIA­NI

MNel­la stes­sa Etiopia che gli in­di­ci eco­no­mi­ci de­scri­vo­no co­me il Pae­se dal­la cre­sci­ta mi­ra­co­lo­sa ar­de la peg­gior ca­re­stia de­gli ul­ti­mi trent’an­ni; 15 mi­lio­ni di per­so­ne so­no sen­za ci­bo e 600 mi­la ani­ma­li – muc­che, ca­pre, cam­mel­li – so­no già mor­ti per la se­te nel­le re­gio­ni orien­ta­li. Nell’estre­mo Sud in­ve­ce, tra Wo­lay­ta e Ba­le, una al­lu­vio­ne ha uc­ci­so più di cin­quan­ta e tra­sci­na­to via in­te­ri vil­lag­gi. Col­pe­vo­le di que­sti fe­no­me­ni è il cam­bia­men­to cli­ma­ti­co, che da un la­to ro­ve­scia in un gior­no le piog­ge di un in­te­ro an­no, e dall’al­tro de­ser­ti­fi­ca le ter­re etio­pi già avi­de di ac­qua, ri­du­cen­do a una pie­tra­ia ste­ri­le l’80% del­le aree agri­co­le. Etio­pi de­nu­tri­ti in at­te­sa a un pun­to di di­stri­bu­zio­ne di Fa­mix, mi­stu­ra mul­ti­pro­tei­ca com­po­sta da gra­no, so­ia e lat­te. a voi, la fa­me e la se­te le ave­te mai guar­da­te ne­gli oc­chi? Io sì, qual­che gior­no fa, in Etiopia. E ho pen­sa­to che que­sto mon­do non è più de­gno nep­pu­re di un sor­ri­so. Se un bam­bi­no og­gi muo­re di sten­ti, la col­pa non è del­la man­can­za di ci­bo. Ma di una so­cie­tà che cer­ca la vi­ta su al­tri pia­ne­ti, e si smar­ri­sce an­co­ra nel giar­di­no del­la pro­pria esi­sten­za. «Qui non pio­ve da due an­ni», rac­con­ta Hap­ta­mu Hai­le, un ope­ra­to­re lo­ca­le di Cbm On­lus, men­tre con un me­sto­lo di le­gno ri­vol­ta una mas­sa den­sa di fa­ri­ne, che cuo­cio­no in un pen­to­lo­ne. «È il Fa­mix, un ci­bo di emer­gen­za che por­tia­mo nel­le scuo­le del­la re­gio­ne di Ama­ra, per­ché al­me­no i bam­bi­ni pos­sa­no man­gia­re una vol­ta al gior­no». A po­chi chi­lo­me­tri di di­stan­za in­tan­to, tra ca­pan­ne di la­mie­ra e fan­go, gli uo­mi­ni si ac­cal­ca­no sui sac­chi di fa­ri­na di­stri­bui­ti dal go­ver­no, e cor­ro­no lon­ta­no con quei 50 chi­li sul­la schie­na, per fug­gi­re dal ma­le. «Se non tor­na a pio­ve­re, tra un me­se que­sti sfor­zi non sa­ran­no più suf­fi­cien­ti», am­met­te Jo­han Hef­finck, di­ri­gen­te del di­par­ti­men­to per gli aiu­ti uma­ni­ta­ri del­la Co­mu­ni­tà Eu­ro­pea (Echo). «Dob­bia­mo es­se­re ot­ti­mi­sti, ma ci pre­pa­ria­mo al peg­gio». In un pae­sag­gio eva­ne­scen­te, do­ve la pol­ve­re im­pa­sta la boc­ca e asciu­ga le pa­ro­le, set­te­cen­to bam­bi­ni di una scuo­la ru­ra­le mi cir­con­da­no, con uno sguar­do du­ro che sem­bra man­giar­mi. Han­no smes­so di cer­ca­re ci­bo, ma an­co­ra aspet­ta­no ri­spo­ste a tan­ta sof­fe­ren­za. Nes­sun odo­re, non una pa­ro­la, nep­pu­re un sor­ri­so. L’apa­tia do­po i mor­si del­la fa­me ha ini­zia­to a man­gia­re i lo­ro stes­si cor­pi. Gli ha tol­to ogni de­si­de­rio, di­ven­tan­do la ma­sche­ra dei lo­ro vol­ti. Oc­chi gran­di e brac­cia sot­ti­li, co­me i ra­mi de­gli al­be­ri fuo­ri, spo­gli di fo­glie, per­ché an­che quel­le so­no sta­te man­gia­te. Se­du­ti nel si­len­zio, sul­le pan­che del­la scuo­la, ri­nun­cia­no per­si­no a scan­sar­si le mosche su­gli oc­chi. «Quel­lo è il se­gno del­la fi­ne», mi spie­ga­no da que­ste par­ti. «Quan­do non c’è più nien­te che ci dia fa­sti­dio, stia­mo già cam­mi­nan­do ver­so la mor­te». E co­sì, per pre­pa­rar­si al­le la­cri­me, sul­le te­ste ra­sa­te le ma­dri la­scia­no ai fi­gli un ciuf­fo di ca­pel­li, per­ché l’Ar­can­ge­lo Gabriele pos­sa af­fer­rar­li e por­tar­li tra le gra­zie del cie­lo. «La no­stra vi­ta di­pen­de dai fiu­mi», rac­con­ta Sha­biya, uno dei 200 mi­la pa­sto­ri di que­sta zo­na. «Ne­gli an­ni i tor­ren­ti han­no per­so in­ten­si­tà, ma ora è co­me se non fos­se­ro mai esi­sti­ti». Con i suoi ani­ma­li sie­de nel­la na­tu­ra im­mo­bi­le, all’om­bra di un al­be­ro che fi­no a qual­che me­se fa af­fon­da­va le sue ra­di­ci nel fan­go, e ora le so­spen­de nel vuo­to. Sha­biya, as­sie­me al suo po­po­lo, at­ten­de che la na­tu­ra met­ta fi­ne a que­sta ago­nia, e che l’es­se­re uma­no si di­mo­stri de­gno di que­sto no­me, da­van­ti a un fi­glio che an­co­ra og­gi muo­re di fa­me.

IN FI­LA PER MAN­GIA­RE

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.