C’È UN TINDER AL­LA PANCETTA

Per gli aman­ti del­la bar­ba, del mé­na­ge à trois o del ba­con: il ses­so con­ti­nua a do­mi­na­re il mer­ca­to del­le APP. Da Jui­ce­box, che ri­sol­ve i dub­bi «tec­ni­ci», ai nuo­vi mo­di di in­con­trar­si. Mol­to spe­ci­fi­ci

Vanity Fair (Italy) - - Week - Di AL­BA SOLARO

La pri­ma co­sa che Jui­ce­box ti chie­de quan­do ti re­gi­stri è: «Se­con­do te quan­ti dei no­stri iscrit­ti so­no ver­gi­ni?». Non scri­via­mo la ri­spo­sta per non sve­la­re trop­po, ma an­che per­ché la per­cen­tua­le cam­bia. Sap­pia­te che non era al­tis­si­ma, al­me­no al mo­men­to in cui ab­bia­mo te­sta­to que­sta app ame­ri­ca­na ap­pe­na na­ta e già pre­mia­ta dal suc­ces­so per l’ap­proc­cio sem­pli­ce a un te­ma mol­to cal­do: l’edu­ca­zio­ne ses­sua­le. Il pun­to for­te è che non as­so­mi­glia al me­sto opu­sco­lo del­le scuo­le; e nep­pu­re al­le app tra­di­zio­na­li. Fi­glia del­la ge­ne­ra­zio­ne Sna­p­chat, è co­lo­ra­ta e fa­ci­le, con ci­lie­gie e ba­na­ne, i «li­ke» a for­ma di pre­ser­va­ti­vi, e due ma­cro­se­zio­ni: Snoop, do­ve fa­re le pro­prie do­man­de (ri­spon­de una bat­te­ria di esper­ti cer­ti­fi­ca­ti), e Spill, do­ve con­di­vi­de­re le pro­prie sto­rie. E sic­co­me su Jui­ce­box (che è gra­tis) tut­to è ano­ni­ma, nes­su­no ri­de­rà di te per quan­to ri­di­co­la pos­sa es­se­re la do­man­da che hai po­sta­to. «C’è chi chie­de se può in­fi­la­re il con­dom al fi­dan­za­to usan­do la boc­ca, o se è nor­ma­le che a un ete­ro piac­cia guar­da­re i por­no gay. Quan­do sei mol­to gio­va­ne hai tan­ti dub­bi su che co­sa è nor­ma­le, e la mag­gior par­te del no­stro pub­bli­co è sot­to i 30 an­ni, più fem­mi­ne che ma­schi», ci spie­ga Brian­na Ra­der, l’idea­tri­ce, che ha 24 an­ni e che, per svi­lup­pa­re Jui­ce­box, ha gi­ra­to i mall e indagato lin­guag­gi e cu­rio­si­tà dei ra­gaz­zi, non­ché pro­mos­so un ci­clo di Sex week nei col­le­ge. Vie­ne dal Ten­nes­see, do­ve l’uni­ca edu­ca­zio­ne ses­sua­le am­mes­sa è, per dir­la tut­ta, l’in­vi­to all’asti­nen­za, e da un Pae­se, gli Sta­ti Uni­ti, che tra quel­li in­du­stria­liz­za­ti ha il più al­to tas­so di gra­vi­dan­ze mi­no­ri­li. Dif­fi­ci­le im­ma­gi­na­re un ap­proc­cio più po­si­ti­vo al­la ma­te­ria: «Di­ver­ti­re, pri­ma che edu­ca­re». E an­che le nuo­ve app di in­con­tri in­vi­ta­no a non pren­der­si trop­po sul se­rio: di­men­ti­ca­te Tinder, ora il «ri­mor­chio» è su­per-per­so­na­liz­za­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.