MIA FI­GLIA NON È ALIENA

Vanity Fair (Italy) - - #vanitysocial -

ara mam­ma, an­che io l’ho sen­ti­ta muo­ve­re nel­la pan­cia. An­che io im­ma­gi­na­vo di man­dar­la al ci­ne­ma con le ami­che, e di aspet­ta­re sve­glia il ri­tor­no dal­la di­sco­te­ca. An­che io l’ho te­nu­ta per le ma­ni­ne nei pri­mi pas­si, so­lo ho do­vu­to ave­re mol­ta più pa­zien­za. An­che io le ho com­pra­to il tri­ci­clo, so­lo ho do­vu­to mo­di car­ne l’al­tez­za nel cor­so de­gli an­ni. An­che io ho pas­sa­to not­ti in­son­ni a cu­rar­le la feb­bre, so­lo ho do­vu­to im­pa­ra­re a es­se­re pron­ta quan­do il suo cor­pi­ci­no si agi­ta­va. So­no di­ven­ta­ta in­fer­mie­ra, psi­co­lo­ga, sio­te­ra­pi­sta. Non ho po­tu­to rin­cor­rer­la sul­la sab­bia, ave­re un di­bat­ti­to con lei, dar­le i sol­di per usci­re il sa­ba­to. Pe­rò ho ri­so con lei no a pian­ge­re fa­cen­do par­la­re un cal­zi­no puz­zo­len­te, mi so­no fat­ta fre­ga­re a car­te per­ché vuo­le a tut­ti i co­sti vin­ce­re, l’ho por­ta­ta do­po ore di sup­pli­ca a sor­seg­gia­re cioc­co­la­ta cal­da a mez­za­not­te nell’ul­ti­mo bar aper­to, l’ho guar­da­ta emo­zio­nar­si e ar­ros­si­re, ho ascol­ta­to il suo bu o lin­guag­gio, or­go­glio­sa di es­se­re tra i po­chi a com­pren­der­lo, e ho am­mi­ra­to i suoi so­gni sem­pli­ci, la sua gio­ia di vi­ve­re. Amo tut­to di lei, co­me tu ami tut­to del­la tua bambina: non sia­mo poi co­sì di­ver­se. E mi fa ma­le quan­do ci ssa­te al par­co gio­chi men­tre mia fi­glia non più in te­ne­ra età cer­ca di sa­li­re sull’al­ta­le­na. Mi pia­ce­reb­be che non aves­si pau­ra di noi, che in­se­gnas­si al­la tua bambina la pa­ro­la di­sa­bi­li­tà: in es­sa non vi è buio,

Cma tan­ta lu­ce. Che le spie­gas­si che mia glia non è con­ta­gio­sa, non è ma­la­ta, non è un’aliena: è una bambina co­me lei, che ma­ga­ri non fa la col­le­zio­ne del­le gu­ri­ne ma con­ser­va tut­ti i tap­pi del­le bir­re per ap­pen­der­le e sen­tir­ne il ru­mo­re nel ven­to, che ma­ga­ri non sa con­ta­re fi­no a die­ci ma è bra­vis­si­ma a scon gge­re il mo­stro sul com­pu­ter, che il co­stu­me di car­ne­va­le lo usa ogni gior­no per im­prov­vi­sar­si prin­ci­pes­sa, che non so­gna il con­cer­to del can­tan­te pre­fe­ri­to ma un gi­ro in am­bu­lan­za con le si­re­ne ac­ce­se. È una ra­gaz­za spe­cia­le, se­du­ta su una car­roz­zi­na per­ché le gam­be so­no un po’ pi­gre, lo sguar­do per­so nel cie­lo e, se ti spec­chi, lo ve­drai an­che tu. Vor­rei che tua glia im­pa­ras­se a co­no­sce­re la mia, e aves­se la pos­si­bi­li­tà di sce­glie­re se es­ser­le ami­ca. Sia­mo di­ver­si, ma non ve­nia­mo da un al­tro pia­ne­ta. LAU­RA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.