YA­MA­TO E IL BO­SCO

Vanity Fair (Italy) - - Week -

ome in una aba dei fra­tel­li Grimm, il bam­bi­no ab­ban­do­na­to al­la ne è riu­sci­to a tor­na­re a ca­sa. Nel­le fa­vo­le – che si trat­ti di Han­sel e Gre­tel, Pol­li­ci­no, Bian­ca­ne­ve o Cap­puc­cet­to Ros­so – nel bo­sco, tra lu­pi e stre­ghe cat­ti­ve, si ri­schia gros­so, ma chi so­prav­vi­ve poi ne esce più for­te di pri­ma. Sa­rà co­sì an­che per Ya­ma­to Ta­noo­ka, il bimbo di set­te an­ni che ha te­nu­to mez­zo mon­do in an­sia per una set­ti­ma­na?

Cua­le ge­ni­to­re non ha pen­sa­to a che in­fer­no stes­se­ro vi­ven­do i ge­ni­to­ri di Ya­ma­to e non si è au­gu­ra­to che una si­mi­le di­sgra­zia non ac­ca­da mai a lui? Qua­le in­cu­bo mag­gio­re, per un pa­dre o una ma­dre, che per­der­si da qual­che par­te un glio, in più per col­pa pro­pria? «È sta­to ri­tro­va­to un bam­bi­no te­de­sco di no­me Pe­ter, in­dos­sa un co­stu­mi­no ros­so», scan­di­va con ac­cen­to ro­ma­gno­lo il ba­gni­no del­la spiag­gia do­ve pas­sa­va­mo le va­can­ze quan­do era­va­mo pic­co­li. E mia ma­dre mi chia­ma­va vi­ci­no an­che se gio­ca­vo so­lo a due me­tri dal suo om­brel­lo­ne. Nel suo sguar­do si leg­ge­va che «a una ma­dre ita­lia­na non sa­reb­be mai po­tu­to ac­ca­de­re».

Qge­ni­to­ri di Ya­ma­to ave­va­no or­ga­niz­za­to, di sa­ba­to, una gi­ta in au­to in un bo­sco nei pres­si di Na­nae. Quan­do il glio si era com­por­ta­to ma­le, lan­cian­do pie­tre con­tro le au­to­mo­bi­li, l’ave­va­no fat­to scen­de­re dall’au­to: vo­le­va­no spa­ven­tar­lo. «Ti la­scia­mo qui da so­lo se non la pian­ti», l’avran­no mi­nac­cia­to. E sic­co­me so­no giap­po­ne­si, gen­te tut­ta d’un pez­zo, l’han­no fat­to dav­ve­ro, an­che se so­lo per po­chi mi­nu­ti. Su­bi­to do­po il pa­dre era tor­na­to a pren­der­lo, ma Ya­ma­to era scom­par­so. L’han­no cer­ca­to in due­cen­to per una set­ti­ma­na, men­tre i ge­ni­to­ri di mez­zo mon­do rab­bri­vi­di­va­no im­ma­gi­nan­do che co­sa stes­se­ro pro­van­do quel pa­dre e quel­la ma­dre. Io, che so­no

Ipes­si­mi­sta, già me lo gu­ra­vo di­vo­ra­to da un or­so, mor­to di fred­do o ca­du­to in un cre­pac­cio. In­ve­ce do­po set­te gior­ni, quan­do già lo da­va­no per di­sper­so tra­gi­ca­men­te, un mi­li­ta­re l’ha ri­tro­va­to in buo­ne con­di­zio­ni den­tro un ca­pan­no, a cin­que chi­lo­me­tri da do­ve era sta­to la­scia­to. Pa­re che non fos­se spa­ven­ta­to, e che ab­bia su­bi­to det­to il suo no­me e di ave­re mol­ta fa­me. Ac­qua ne ave­va, usci­va da un ru­bi­net­to die­tro il ca­pan­no. In­som­ma, Ya­ma­to Ta­noo­ka se l’è ca­va­ta. Il pa­dre, Ta­kayu­ki Ta­noo­ka, ha poi rac­con­ta­to che la pri­ma co­sa che ha fat­to quan­do l’ha vi­sto «è sta­ta scu­sar­mi con lui per aver­gli cau­sa­to un ri­cor­do co­sì or­ri­bi­le, gli ho det­to che mi di­spia­ce­va e lui ha an­nui­to e ha det­to “ok”». Poi Ta­kayu­ki si è in­chi­na­to pro­fon­da­men­te da­van­ti al­le te­le­ca­me­re, e si è scu­sa­to an­che con tut­to il Giap­po­ne , di­cen­do: «Mi pen­to mol­to. Pen­sa­vo di fa­re la co­sa giu­sta per il suo be­ne, ma mi ren­do con­to di es­se­re an­da­to ol­tre». el­le abe, i bim­bi ab­ban­do­na­ti nel bo­sco quan­do tor­na­no dai ge­ni­to­ri (nor­mal­men­te il ve­ro pa­dre e una ma­tri­gna, per­ché la mam­ma ve­ra non ti ab­ban­do­na mai) re­ca­no sol­di e do­ni, coi qua­li far­si riac­cet­ta­re, e tut­to ni­sce be­ne. Da Ya­ma­to, che nel­le fo­to fa il se­gno di vit­to­ria con due di­ta e sor­ri­de con aria da di­sco­lo in­cal­li­to, ci aspet­tia­mo qua­lun­que co­sa: ri­par­lia­mo­ne quan­do sa­rà ado­le­scen­te.

N

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.