SES­SUA­LI­TÀ. DI­VER­SA, SA­CRA

Vanity Fair (Italy) - - Vanity -

di quel­li sui set, che non so­no man­ca­ti: in Die­ta me­di­ter­ra­nea il mé­na­ge à trois era tra due uo­mi­ni e una don­na». Ha vi­sto 50 sfu­ma­tu­re di gri­gio? «L’op­po­sto di que­ste 50 lu­ci di Pa­co. Lì il ses­so è sta­ti­co, mor­bo­so, por­no­gra co, oscu­ro. Qui in­ve­ce è hip­py, lin­guag­gio dell’amo­re li­be­ro, il mi­glior mo­do di far­lo. Co­me fos­si­mo pic­co­li ani­ma­li a cui pia­ce an­nu­sar­si, de­si­de­rar­si, lec­car­si, suc­chiar­si, ac­ca­rez­zar­si». Esi­ste l’amo­re sen­za ses­so? «Di so­li­to è quel­lo con la A ma­iu­sco­la per la ma­dre, o quel­lo pla­to­ni­co in cui non ac­ca­de nien­te di si­co. Ed esi­ste an­che il ses­so sen­za amo­re. Ma è quan­do s’in­con­tra­no che è una me­ra­vi­glia». Ki­ki na­sce co­me un re­ma­ke dell’au­stra­lia­no The Lit­tle Dea­th di Jo­sh La­w­son: glie­lo com­mis­sio­nò la ca­sa di pro­du­zio­ne Vér­ti­go. «Ac­cet­tai per­ché ho po­tu­to stra­vol­ger­lo, te­ne­re una li­nea ne, mai vol­ga­re: il ses­so da pro­ble­ma a so­lu­zio­ne, l’or­ga­smo non un ac­cen­no di mor­te ma un ki­ki a cui ognu­no ar­ri­va co­me vuo­le, sen­za pre­giu­di­zi; una pa­ro­la col­lo­quia­le, che re­sti­tui­sce un at­to ra­pi­do, di­ver­ten­te, gio­io­so, pie­no di pia­ce­re, qua­si in­fan­ti­le nel suo­no dol­ce che ha. In Fran­cia si­gni ca pi­sel­li­no, in in­gle­se vie­ne da quic­kly, gli Scis­sor Si­sters can­ta­no: “Let’s ha­ve a ki­ki”, “fac­cia­mo una fe­sta”». È giu­sto se­con­do lei par­la­re co­sì tan­to di ses­so tra part­ner? I suoi pro­ta­go­ni­sti si di­co­no le co­se an­che quan­do spa­ven­ta­no. «È sa­no. I ses­suo­lo­gi rac­co­man­da­no Ki­ki ai pa­zien­ti. Di­co­no che ha con­tri­bui­to a eli­mi­na­re la sen­sa­zio­ne di pa­to­lo­gia le­ga­ta a que­sti de­si­de­ri, che usci­ti dal ci­ne­ma si pen­sa: “An­che io ades­so pos­so di­re co­sa vo­glio, co­sa mi pia­ce, chi so­no”». Lei, per esem­pio, chie­de di non es­se­re de

ni­to bi­ses­sua­le: «Dos me pa­re­cen po­co». Che co­sa in­ten­de? «Non amo le eti­chet­te. Ho avu­to dan­za­ti uo­mi­ni e don­ne, e qual­cu­no può aver pen­sa­to al­lo­ra che que­sto è ugua­le a es­se­re bi­ses­sua­le. Fa ru­mo­re, ma il no­do è che ci so­no in ni­ti sta­di di mez­zo, e ognu­no ha una pro­pria ses­sua­li­tà di­ver­sa, sa­cra, in­de

ni­bi­le per­ché la de ni­zio­ne in sé è ri­schio­sa: usia­mo il 10 per cen­to del no­stro cer­vel­lo, del­le sue ca­pa­ci­tà in­tel­let­ti­ve, e quin­di pra­ti­chia­mo an­che una stret­tis­si­ma par­te del­le no­stre po­ten­zia­li­tà amo­ro­se». La pri­ma vol­ta che in­con­trò An­na, il suo 10 per cen­to co­me rea­gì? non è im­por­tan­te, se non per que­stio­ni le­ga­li, e per di­ver­tir­ci dan­do una fe­sta». Po­treb­be mai ria­ma­re un uo­mo? «Ri­pe­to: tut­to è pos­si­bi­le». È sta­to di ci­le, quan­do sta­va con un ra­gaz­zo, con­fes­sar­lo ai suoi ge­ni­to­ri? «Si con­fes­sa­no i pec­ca­ti, e io non ne ave­vo com­mes­si. Mia ma­dre è da sem­pre mol­to den­tro la mia vi­ta, in­sie­me ab­bia­mo fat­to due lm per­so­na­li, Car­mi­na o re­vien­ta nel 2012, e Car­mi­na y amén nel 2014, e ab­bia­mo un ca­na­le su You­tu­be, Car­mi­naTu­be, do­ve po­stia­mo un vi­deo-rac­con­to su di lei ogni gio­ve­dì da ini­zio an­no: è una gran­de don­na». Di­ce che l’uni­ca re­li­gio­ne che pra­ti­ca è quel­la del dub­bio, e le uni­che co­se in cui cre­de so­no la ma­te­ria e che un gior­no do­vre­mo an­dar­ce­ne di qui. «Per­ché sta­re in con­tat­to con la mor­te ti con­net­te di più al­la vi­ta». Le pe­sa la ce­le­bri­tà? «A meno che non sia a New York o a Pa­ri­gi, do­ve mi con­fon­do, le per­so­ne qui mi guar­da­no e io non pos­so guar­dar­le. Quel­lo è il brut­to». Quan­do ha rag­giun­to un mi­lio­ne di fol­lo­wer su Twit­ter ha pub­bli­ca­to una fo­to che è di­ven­ta­ta un ca­so mon­dia­le: lei in un nu­do fron­ta­le sul­la bat­ti­gia, nes­su­na cen­su­ra al ven­to. «È sta­to per gio­co, co­me un in­no al­la li­ber­tà. Ades­so qui in Spa­gna è di­ven­ta­to an­che un mo­do di di­re, ti­po sel e: “Dai, fac­cia­mo­ci un Pa­co León”». Che co­sa fa­rà di spu­do­ra­to, qua­lo­ra Ki­ki nis­se in te­sta an­che ai bot­te­ghi­ni ita­lia­ni? «Mi vol­te­rò, mo­stre­rò l’al­tro la­to». Ri­de. «Suv­via, si può tra­sgre­di­re, non suc­ce­de nul­la. È che a vol­te “si ha co­sì tan­ta pau­ra per co­sì po­co pe­ri­co­lo”… Lo scri­ve una mia ami­ca poe­tes­sa. E ha co­sì ra­gio­ne». In al­to e a si­ni­stra, due fo­to da In­sta­gram. So­pra, quel­la po­sta­ta su Twit­ter, con il com­men­to: «Me l’ave­te chie­sto, l’ho pro­mes­so, ec­co­lo qui». «Non fu un col­po di ful­mi­ne: era­va­mo con­cen­tra­ti, sta­va­mo la­vo­ran­do. Pe­rò una sen­si­ti­va una vol­ta dis­se che la po­ten­za che og­gi ci le­ga è da­ta dall’es­ser­ci ri­co­no­sciu­ti do­po che ci sta­va­mo cer­can­do da al­me­no tre/quat­tro vi­te. Fe­ce e et­to an­che a uno co­me me, che non cre­de al pa­ra­nor­ma­le». Pen­sa­va che sa­reb­be di­ven­ta­to pa­dre, pri­ma di co­no­scer­la? «For­se sì, ma non ero al­la ri­cer­ca del­la ma­dre di mio glio, la vo­glia è ve­nu­ta pro­prio con lei». Vi spo­se­re­te? «Sen­to che in­vec­chie­re­mo in­sie­me, il re­sto

Bot­te­ga Ve­ne­ta. Po­mel­la­to. Ari­sto­cra­zy. Cal­ze­do­nia. Pra­da. Etro. El Gan­so. Po­mel­la­to. Bot­te­ga Ve­ne­ta. Cos. Ca­ra­me­lo.

Pagg. 70-71: abi­to, pi­gia­ma, Anel­li, Cal­zi­ni di lu­rex, Ca­mi­cia e ca­sac­ca, Scar­pe,

Mir­to.

Ca­mi­cia del Brac­cia­le, Pag. 73: giac­ca, Pan­ta­lo­ni, Anel­li, Cal­zi­ni, Faz­zo­let­to, Ha col­la­bo­ra­to Bea­triz Ma­cha­do. Groo­ming Da­vid Bel­lo for Cha­nel e Ké­ra­sta­se. Pro­du­zio­ne Luis Mi­guel Ben­to.

FRON­TE PA­CO

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.