IL QUIN­TO ELE­MEN­TO

Vanity Fair (Italy) - - Beauty -

In­dos­sar­lo è co­me in­tra­pren­de­re un viag­gio che at­tra­ver­sa cam­pi ori­ti, pas­sa per un bo­sco fre­sco di piog­gia e ter­mi­na in at­mo­sfe­re orientali. Ro­sa da­ma­sce­na, ber­ga­mot­to, ma­gno­lia, pat­chou­li, le­gno di oud: la nuo­va Eau Par­fu­mée au Thé Noir di Bul­ga­ri non è uno di quei pro­fu­mi che si pos­so­no met­te­re sen­za pen­sa­re, per­ché espri­me una per­so­na­li­tà im­por­tan­te. Quin­to di una col­le­zio­ne ispi­ra­ta ai tè, ini­zia­ta vent’an­ni fa con Thé Vert, Thé Noir è sta­to crea­to da Jac­ques Ca­val­lier, lo stes­so na­so che nel 2002 fir­mò il Thé Rou­ge, il più de­li­ca­to di tut­ti, pas­san­do co­sì da un estre­mo all’al­tro, co­me dall’aria al­la ter­ra. «Quan­do Bul­ga­ri mi ha chie­sto di in­ven­ta­re un pro­fu­mo al tè ne­ro», spie­ga Ca­val­lier, «la pri­ma com­po­nen­te a cui ho pen­sa­to è sta­ta il le­gno di oud, una del­le es­sen­ze più ra­re e pre­zio­se estrat­ta dal­la re­si­na del le­gno di agar, che in na­tu­ra ri­chie­de dai 10 ai 100 an­ni per for­mar­si. Sic­co­me in pro­fu­me­ria non si può usa­re il ve­ro tè, bi­so­gna­va mi­sce­la­re de­gli in­gre­dien­ti che lo ri­chia­mas­se­ro». Già, ma a qua­le tè ne­ro ispi­rar­si? A quel­li for­ti e cor­po­si di Cey­lon o a quel­li de­li­ca­ti e aro­ma­ti­ci ne­pa­le­si? All’As­sam dal sa­po­re mal­ta­to o all’Earl Grey ci­ne­se leg­ger­men­te af­fu­mi­ca­to? «Do­po aver­ne as­sag­gia­ti mol­ti», di­ce Ca­val­lier, «ho scel­to quel­lo ci­ne­se del­lo Yun­nan, il Pue­rh, che ha un sa­po­re ter­ro­so e mu­schia­to». Col­ti­va­to a 2.000 me­tri di al­ti­tu­di­ne, cre­sce in una ter­ra ric­ca di ac­qua che ospi­ta ol­tre la me­tà del­le 18 mi­la pian­te del­la Ci­na (so­pra, a si­ni­stra). Il tè ne­ro ha un sa­po­re spe­cia­le che la gen­te del po­sto de­fi­ni­sce «ter­ra ba­gna­ta da piog­gia re­cen­te». Per ot­te­ner­lo si sot­to­pon­go­no le fo­glie a un lun­go pro­ces­so d’in­vec­chia­men­to (es­sic­ca­tu­ra, os­si­da­zio­ne, fer­men­ta­zio­ne) che può du­ra­re an­ni. Ec­co per­ché le qua­li­tà più pre­gia­te in­di­ca­no la da­ta di pre­pa­ra­zio­ne. «Per me era fon­da­men­ta­le che ci fos­se un ri­chia­mo al­la ter­ra: è ras­si­cu­ran­te e cre­do che og­gi ci sia bi­so­gno di ri­tro­va­re un sen­so pro­fon­do che ri­por­ta al­le ori­gi­ni». Sen­to­ri di ter­ra umi­da, ma an­che cuo­io, le­gno ce­ra­to, ta­bac­co ar­ro­to­la­to e ber­ga­mot­to. «Sem­bra un pa­ra­dos­so, ma que­sta com­ples­si­tà era ciò che cer­ca­vo, per­ché nien­te è più ter­ri­bi­le di un pro­fu­mo ba­na­le. È la dif­fe­ren­za fra il lus­so e il re­sto». Ul­ti­mo na­to del­le Eau Par­fu­mée di Bul­ga­ri le­ga­te ai va­ri ti­pi di tè, au Thé Noir è una co­lo­nia uni­sex ispi­ra­ta al­la mi­sce­la Pu-erh, con no­te le­gno­se e flo­rea­li (da ¤ 79).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.