E IO CORRO PER RO­MA

Vanity Fair (Italy) - - Week -

on rie­sce più a cor­re­re un’ora e mez­za al gior­no, con in cuf­fia i Pink Floyd. «Ades­so mi sve­glio al­le 6.30, corro tren­ta mi­nu­ti a Vil­la Pam­phi­li, poi ini­zio a or­ga­niz­za­re la mia gior­na­ta». Ro­ber­to Gia­chet­ti, 55 an­ni, di­vor­zia­to (e sin­gle), pa­dre di Giu­lia e Ste­fa­no, espo­nen­te del Pd e ri­va­le di Vir­gi­nia Rag­gi al bal­lot­tag­gio ro­ma­no, ci ri­spon­de dal suo stu­dio. Sul­la scri­va­nia, ac­can­to al com­pu­ter, c’è sem­pre La pro­vin­cia dell’uo­mo di Elias Ca­net­ti, «la mia co­per­ta di Li­nus». Pri­ma di ac­cet­ta­re la sfi­da del­le Pri­ma­rie, poi vin­te, era usci­to a ce­na con i due fi­gli, e ha de­ci­so as­sie­me a lo­ro. «Era­no ti­tu­ban­ti, ma so­prat­tut­to si pre­oc­cu­pa­va­no per lo stress che avrei vis­su­to». Co­me han­no vis­su­to que­sto pe­rio­do? «All’ini­zio te­me­va­no che la lo­ro vi­ta po­tes­se cam­bia­re trop­po, so­prat­tut­to Giu­lia, che ha 23 an­ni ed è la più gran­de. Quan­do tor­na da Firenze, do­ve stu­dia, le rac­con­to co­me va. Ste­fa­no in­ve­ce si è più ap­pas­sio­na­to, du­ran­te le Pri­ma­rie ha se­gui­to con me al­cu­ne ini­zia­ti­ve». Sie­te com­pli­ci? «Sì, ci sia­mo sem­pre di­ver­ti­ti mol­to. Co­me quan­do la Ro­ma ha vin­to lo scu­det­to e ab­bia­mo gi­ra­to tut­ta la not­te per Ro­ma in mo­to­ri­no». E con Giu­lia? «Una vol­ta ab­bia­mo fat­to una co­sa mol­to ro­man­ti­ca in­sie­me. Lei mi ave­va re­ga­la­to il li­bro Nuo­ve Iso­le. Gui­da va­ga­bon­da di Ro­ma, scrit­to

Nda Mar­co Lo­do­li. Non c’era­no im­ma­gi­ni dei luo­ghi con­si­glia­ti, co­sì ab­bia­mo de­ci­so di an­da­re a fo­to­gra­far­li tut­ti in­sie­me. Sem­pre in mo­to­ri­no, ov­via­men­te». In che rap­por­ti è con la sua ex mo­glie? «All’ini­zio, co­me spes­so ac­ca­de quan­do ci si la­scia, ci so­no sta­ti un po’ di pro­ble­mi, ades­so ab­bia­mo rag­giun­to una buo­na sin­to­nia. Lei la­vo­ra co­me gior­na­li­sta a Ra­dio Ra­di­ca­le, ci in­con­tria­mo spes­so al­la Ca­me­ra. Dal­la mia can­di­da­tu­ra ha ini­zia­to a fa­re il ti­fo per me». A che co­sa non ri­nun­ce­reb­be mai, se vin­ces­se? «Al­la cu­ci­na, mi di­sten­de. Io cu­ci­na­vo per i miei fi­gli an­che quan­do ero in scio­pe­ro del­la fa­me. Il mio piat­to è la car­bo­na­ra, che ri­vi­si­to per­so­nal­men­te con un’ag­giun­ti­na di gro­vie­ra a cru­do». Por­te­reb­be a ce­na la sua ri­va­le, Vir­gi­nia Rag­gi? «Non si av­vi­ci­na a me nean­che per dar­mi la ma­no! Ma sa­reb­be di­ver­ten­te an­da­re a man­gia­re il pe­sce a Ostia, do­ve lei pren­de un sac­co di vo­ti e io un po’ me­no». Co­me mai? «Ostia è un mu­ni­ci­pio com­pli­ca­to, io ho scel­to di pun­ta­re al suo ri­lan­cio e ho evi­ta­to di chie­de­re vo­ti in al­cu­ne zo­ne do­ve è ri­sa­pu­to che vi­ge la cri­mi­na­li­tà, a dif­fe­ren­za del M5S». Il 19 giu­gno con chi aspet­te­rà i ri­sul­ta­ti del bal­lot­tag­gio? «Con i miei fi­gli e tut­to lo staff che mi so­stie­ne da me­si».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.