FIN­CHÉ I 50 NON VI SEPARINO

Vi sie­te spo­sa­ti pri­ma dei 26 an­ni, ave­te mol­la­to gli stu­di e sie­te pre­ca­ri: pre­pa­ra­te­vi al di­vor­zio. E gli al­tri pos­so­no sta­re tran­quil­li? Ni: la rot­tu­ra si ri­schia so­prat­tut­to ad «an­ta» inol­tra­ti

Vanity Fair (Italy) - - Week - Di LU­CA VEN­TU­RA

una di quel­le co­se di cui ab­bia­mo più pau­ra. Fac­cia­mo di tut­to per evi­tar­la. Ep­pu­re ci ca­schia­mo lo stes­so: spo­sia­mo la per­so­na sba­glia­ta». Lo scri­ve il fi­lo­so­fo an­glo-sviz­ze­ro Alain de Bot­ton in un ar­ti­co­lo per il New York Ti­mes che ha su­sci­ta­to ap­pas­sio­na­te rea­zio­ni tra i let­to­ri. Il pro­ble­ma, spie­ga de Bot­ton, è che ogni­qual­vol­ta del­le re­la­zio­ni oc­ca­sio­na­li mi­nac­cia­no di por­ta­re a gal­la i no­stri di­fet­ti bia­si­mia­mo l’al­tra per­so­na e la chiu­dia­mo lì: «Uno dei pri­vi­le­gi del­lo star­ce­ne per con­to no­stro è quel­lo di ave­re la sin­ce­ra im­pres­sio­ne che sia dav­ve­ro fa­ci­le vi­ve­re con noi». C’è pe­rò un ri­svol­to me­no ne­ga­ti­vo del­la me­da­glia: po­co im­por­ta se ab­bia­mo scel­to la per­so­na sba­glia­ta, per­ché l’ani­ma ge­mel­la non esi­ste. «Ogni es­se­re uma­no ci fru­stre­rà, fa­rà ar­rab­bia­re, in­fa­sti­di­rà», di­ce de Bot­ton, «per­ché la per­so­na più adat­ta a noi non è quel­la che con­di­vi­de tut­ti i no­stri gu­sti, ma quel­la che sa ne­go­zia­re le dif­fe­ren­ze con gu­sto». Co­me si tro­va? Se­con­do gli esper­ti, il pri­mo er­ro­re da evi­ta­re è pren­de­re de­ci­sio­ni af­fret­ta­te: la tem­pe­sta or­mo­na­le che si sca­te­na quan­do ci in­na­mo­ria­mo può far­ci igno­ra­re cer­ti cam­pa­nel­li d’al­lar­me. Non gua­sta nean­che ave­re un ap­proc­cio scien­ti­fi­co: se­con­do un re­port del set­ti­ma­na­le Ti­me, chi non si spo­sa pri­ma dei 26 an­ni, ha al­me­no un ti­to­lo di stu­dio su­pe­rio­re e un la­vo­ro sta­bi­le, ten­de a re­sta­re in­sie­me. Inol­tre, se sie­te an­co­ra gio­va­ni e vi ac­cin­ge­te a spo­sar­vi per la pri­ma vol­ta, i nu­me­ri so­no dal­la vo­stra: i tas­si di di­vor­zio tra i ven­ten­ni e i tren­ten­ni so­no in ca­lo

Èo­vun­que fin da­gli an­ni ’80. No­te do­len­ti, in­ve­ce, per gli over 50 e 60, per i qua­li le per­cen­tua­li so­no in­ve­ce rad­dop­pia­te. Co­me mai? Se­con­do Karl Pil­le­mer, pro­fes­so­re di Svi­lup­po uma­no al­la Cor­nell Uni­ver­si­ty e au­to­re di uno stu­dio che ha coin­vol­to 700 cop­pie an­zia­ne, le cop­pie che du­ra­no più a lun­go so­no quel­le per cui il di­vor­zio non è un’op­zio­ne: da que­sto pun­to di vi­sta, il ma­tri­mo­nio è più si­mi­le a una le­zio­ne di gui­da che all’ac­qui­sto di una nuo­va au­to. Tra le bu­che da schi­va­re, non «di­men­ti­car­si» del part­ner quan­do na­sco­no i fi­gli, ed evi­ta­re a ogni co­sto di espri­me­re sprez­zo nei con­fron­ti del co­niu­ge con com­men­ti re­la­ti­vi al­la sua de­si­de­ra­bi­li­tà e po­te­re eco­no­mi­co, o ma­ni­fe­stan­do in­dif­fe­ren­za. Cru­cia­le an­che il ses­so: se­con­do uno stu­dio ca­na­de­se, una vol­ta al­la set­ti­ma­na è suf­fi­cien­te a mas­si­miz­za­re il gra­do di sod­di­sfa­zio­ne co­niu­ga­le. Chi gua­da­gna tra i 15 e i 25 mi­la dol­la­ri ma ar­ri­va un po’ più stan­co al la­vo­ro è più fe­li­ce di chi ne per­ce­pi­sce tra i 50 e i 70 mi­la dol­la­ri ma non lo fa mai. Quel­li che rag­giun­go­no il tra­guar­do, e con­di­vi­do­no fe­li­ce­men­te la pro­pria esi­sten­za con un’al­tra per­so­na, so­no me­no espo­sti al ri­schio di sof­fri­re di pres­sio­ne al­ta, ma­lat­tie car­dia­che e stress. E di quel­le 700 cop­pie in­ter­vi­sta­te dal pro­fes­sor Pil­le­mer, tut­te («il 100%») han­no det­to che il ma­tri­mo­nio è sta­ta la co­sa mi­glio­re del­la lo­ro vi­ta. La co­per­ti­na di Ti­me di ini­zio giu­gno si chie­de: «Co­me re­sta­re spo­sa­ti?». Per gli esper­ti la chia­ve è «al­li­near­si» su fi­gli, sol­di e ses­so pri­ma del­le noz­ze.

DI­LEM­MI

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.