Se lo co­no­sci non lo evi­ti

Il di­sa­gio men­ta­le di­ven­ta «me­tal». Gra­zie al­la vo­ce dei LA­CU­NA COIL, l’ita­lia­na rock più glo­ba­le

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di FER­DI­NAN­DO CO­TU­GNO

ei è Cri­sti­na Scab­bia, ma se ascol­ta­te il me­tal da qual­che an­no non avre­te avu­to bi­so­gno di di­da­sca­lie per que­sta fo­to. Cri­sti­na è la don­na ita­lia­na più fa­mo­sa in un ge­ne­re nel qua­le sia le don­ne che gli ita­lia­ni so­no una mi­no­ran­za. È la vo­ce dei La­cu­na Coil, uno dei po­chi pro­dot­ti glo­ba­li del rock ita­lia­no. Per le fan, Cri­sti­na è qua­si un’ico­na, ci so­no tu­to­rial per ve­stir­si e truc­car­si co­me lei e un blog che ana­liz­za i suoi look co­me se fos­se una fa­shion blog­ger. Buo­na for­tu­na a chi si vuo­le ci­men­ta­re con quel­lo del nuo­vo al­bum, Delirium, tra ca­mi­cie di for­za e al­tri stru­men­ti di co­stri­zio­ne. Tut­to il di­sco in­fat­ti è co­strui­to in­tor­no a una sto­ria di di­sa­gio men­ta­le: «Ab­bia­mo cu­ra­to l’aspet­to nar­ra­ti­vo e vi­si­vo, ab­bia­mo vi­si­ta­to ma­ni­co­mi ab­ban­do­na­ti e stu­dia­to re­por­ta­ge. Il di­sa­gio men­ta­le ci ha toc­ca­to an­che ne­gli af­fet­ti. Ne ab­bia­mo fat­to il te­ma di Delirium per­ché fa an­co­ra più pau­ra quan­do non lo si co­no­sce, c’è un mu­ro che noi vo­glia­mo ab­bat­te­re», rac­con­ta Cri­sti­na. «Vo­le­va­mo crea­re uno spa­zio di ac­cet­ta­zio­ne per chiun­que si sen­ta iso­la­to, in­com­pre­so, sba­glia­to». Che è quel­lo che da sem­pre fa il me­tal con gli ado­le­scen­ti in ogni an­go­lo del mon­do. E quan­do si di­ce «mon­do», con i La­cu­na Coil va in­te­so in sen­so let­te­ra­le. Le lo­ro can­zo­ni so­no in in­gle­se e que­st’an­no han­no suo­na­to an­che nel­le Fi­lip­pi­ne e in Ci­na: «Qual­che an­no fa, in Viet­nam, ci so­no ve­nu­ti a pren­de­re con due li­mou­si­ne co­lor ro­sa Bar­bie, ab­bia­mo fat­to le pro­ve da­van­ti ai ban­chi del­la cen­su­ra, con una fi­la di fun­zio­na­ri che ana­liz­za­va­no i no­stri te­sti». A spie­ga­re co­me ci sia­no riu­sci­ti, in que­sta car­rie­ra ven­ten­na­le da ot­to al­bum, ci pro­va An­drea Fer­ro, l’al­tra vo­ce del grup­po. «La no­stra pro­po­sta mu­si­ca­le era al­lo stes­so li­vel­lo di quel­la dei gruppi me­tal in­ter­na­zio­na­li. Non è un pro­ble­ma di lin­gua. Quan­ti rap­per ita­lia­ni pos­so­no di­re di es­se­re sta­ti al­la pa­ri del suo­no di Tu­pac Sha­kur? Quan­ti can­tau­to­ri pos­so­no con­fron­tar­si con Spring­steen?».

LDe­li­rium.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.