MI­STER MA­GLIET­TA BA­GNA­TA

Vanity Fair (Italy) - - #VanitySocial -

CAN­NA aro di­ret­to­re, io non ca­pi­sco. Dav­ve­ro. Avre­ste mai mes­so in co­per­ti­na miss ma­gliet­ta ba­gna­ta? O una splen­di­da Ja­ne con ma­gliet­ta at­til­la­ta e ba­gna­ta che fa am­mic­ca­re al­le sot­to­stan­ti for­me vo­lut­tuo­se? Io cre­do di no. Per­ché in­ve­ce lo fa­te con Tar­zan, alias Ale­xan­der Skar­sgård? Eman­ci­pa­zio­ne dai vie­ti ste­reo­ti­pi si­gni­fi­ca se­con­do me non usar­li, con­sa­pe­vol­men­te, in­ve­ce di usar­li su quel­lo che una vol­ta era il «ses­so for­te». BAR­BA­RA Scu­si Bar­ba­ra ma è Tar­zan, mi­ca Bep­pe Sa­la. del­le sue co­se che era­no un po’ an­che mie. Ma non pian­ge­vo, io che ho sem­pre pian­to per un vec­chio film o un nuo­vo li­bro. So­no pas­sa­ti gior­ni, set­ti­ma­ne, me­si. Fin­ché una mat­ti­na li ho vi­sti. Era­no fe­li­ci, chiac­chie­ra­va­no, lui al­to e for­te, lei con i co­di­ni bion­di e uno zai­net­to ro­sa. Ri­de­va­no di chis­sà qua­le sto­ria, di chis­sà qua­le scher­zo. E si è rot­to qual­co­sa. Giu­ro di aver sen­ti­to il ru­mo­re. Co­me una cre­pa che si apre, una di­ga che ce­de. Ho fer­ma­to l’au­to e ho pen­sa­to di mo­ri­re. Un do­lo­re che to­glie il fia­to, e che fi­nal­men­te tro­va la via di usci­ta. Ho sin­ghioz­za­to per mol­ti mi­nu­ti, non riu­sci­vo a smet­te­re, qual­cu­no si è fer­ma­to per chie­der­mi se an­da­va tut­to be­ne, se ave­vo bi­so­gno di qual­co­sa. Sì, ave­vo bi­so­gno di qual­co­sa: ave­vo bi­so­gno del mio pa­pà. Ave­vo bi­so­gno che mi ac­com­pa­gnas­se. A scuo­la, co­me quel­la bam­bi­na dai co­di­ni bion­di. Nel­la vi­ta, co­me ha fat­to egre­gia­men­te. LINDA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.