CA­RA FU­TU­RA NUO­VA ME

Vanity Fair (Italy) - - #VanitySocial -

ara fu­tu­ra nuo­va com­pa­gna del mio ex, ci so­no amo­ri che non van­no co­me do­vreb­be­ro, ma io mi so­no fat­ta l’idea di es­se­re sta­ta un po’ una sme­ri­glia­tri­ce: spe­ro di aver­ti in­vo­lon­ta­ria­men­te pre­pa­ra­to un com­pa­gno smus­sa­to e le­vi­ga­to. Ca­ra fu­tu­ra nuo­va me, ti au­gu­ro di es­se­re sem­pre ascol­ta­ta. Ti au­gu­ro di sve­gliar­ti in pie­na not­te e di tro­var­ti lui a fian­co, di non do­ver­ti mai sen­ti­re in com­pe­ti­zio­ne con una bot­ti­glia di al­col, di non ri­ce­ve­re mai una ca­rez­za pe­san­te o uno spin­to­ne, di non sen­tir­ti mai di­re che sei una stu­pi­da, di non sen­tir­ti mai smi­nui­ta ma sem­pre ama­ta e por­ta­ta in pal­mo di ma­no. Ti au­gu­ro di non cor­re­re in uno stu­dio me­di­co con l’an­sia, per­ché lui ha pre­so chis­sà co­me una ma­lat­tia ve­ne­rea e po­treb­be aver­te­la at­tac­ca­ta. Di non do­ver mai ve­ni­re a sa­pe­re che ti ha tra­di­ta con una ami­ca co­mu­ne. Di non ve­ni­re mai di­men­ti­ca­ta al­la sta­zio­ne con tan­te va­li­gie pe­san­ti e un cal­do tor­ri­do. Ti au­gu­ro di non do­ver mai scap­pa­re in una cit­tà a te sco­no­sciu­ta per sen­tir­ti me­no di­spe­ra­ta. Di non cer­ca­re la so­lu­zio­ne fra le brac­cia di un al­tro uo­mo. Di non do­ver mai pen­sa­re che nel let­to non vor­re­sti tro­va­re lui, ma quell’uo­mo che vi­ve lon­ta­no e che sen­za chie­der­ti nul­la ti ha fat­ta sen­ti­re per­fet­ta per la pri­ma vol­ta. Ti au­gu­ro di vi­ve­re la fa­vo­la che avrei vo­lu­to io, in­ve­ce di usci­re da un bar la­scian­do­ti al­le spal­le un ubria­co che

C

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.