LA CO­SCIEN­ZA

DE­GLI AL­TRI

Vanity Fair (Italy) - - Week -

Leg­go, nel gi­ro di due ore, la no­ti­zia di un di­se­gno di leg­ge per l’obie­zio­ne di co­scien­za dei far­ma­ci­sti che dia lo­ro la pos­si­bi­li­tà di ri utar­si di ven­de­re me­di­ci­ne abor­ti­ve, an­che se pre­scrit­te da un me­di­co; e poi la let­te­ra di ProVi­ta che ga­ran­ti­sce pie­no so­ste­gno giu­ri­di­co ai sin­da­ci che han­no, in­va­no, chie­sto al Par­la­men­to l’obie­zio­ne di co­scien­za per la leg­ge sul­le unio­ni omo­ses­sua­li.

Even­go as­sa­li­to dal pri­mo dub­bio: è la gior­na­ta mon­dia­le dell’obie­zio­ne di co­scien­za o il 1° apri­le? Ma fa trop­po cal­do per es­se­re apri­le, e trop­po po­co per dar la col­pa al so­le di que­ste usci­te bal­za­ne. Ora, lun­gi da me in­da­ga­re la co­scien­za di al­cu­no, mi ba­sta la mia; pe­rò mi chie­do: da quan­do l’obie­zio­ne di co­scien­za è di­ven­ta­ta uno stru­men­to per im­por­re il pro­prio cre­do a di­sca­pi­to e dan­neg­gia­men­to de­gli al­tri, i qua­li al­tri si com­por­ta­no se­con­do la leg­ge?

Se que­ste fos­se­ro po­si­zio­ni estem­po­ra­nee, ri­spon­de­rei: oc­chio ad avan­za­re pro­po­ste di obie­zio­ne per­ché, in que­sti tem­pi di per­di­ta del­la fe­de, nuo­vi ido­li so­no in ag­gua­to e non sai mai di che re­li­gio­ne so­no le per­so­ne che in­con­tri. Da «mi ri uto di spo­sa­re due uo­mi­ni» è un at­ti­mo pas­sa­re a «Ah no, se lei ha un Mac io la bra non glie­la in­stal­lo. Io so­no Pc dal­la na­sci­ta: il mou­se con un so­lo ta­sto è con­tro­na­tu­ra», op­pu­re «Se lei è ju­ven­ti­no sul mio ta­xi non sa­le. Pren­da una Fiat», no ad ar­ri­va­re al­la com­mes­sa ve­ga­na che avrà tut­to il di­rit­to di ri utar­si di a et­ta­re due et­ti di cru­do:

FV«Ho mes­so un chi­lo di pi­no­li, la­scio?». Ma pur­trop­po si trat­ta di tutt’al­tro: que­sta è una stra­te­gia di sa­bo­tag­gio, nel­la spe­ran­za di far de­si­ste­re dall’in­ter­ru­zio­ne di gra­vi­dan­za chi, ma­ga­ri fa­ti­co­sa­men­te, ha de­ci­so che quel­la sia la scel­ta mi­glio­re, o cre­den­do co­sì di mi­na­re la fe­li­ci­tà de­gli omo­ses­sua­li. or­se la co­scien­za del sin­go­lo si de­ve fer­ma­re do­ve co­min­cia la co­scien­za dell’al­tro, che, se è dal­la par­te del­la leg­ge tan­to quan­to te, ha di­rit­to non so­lo di vi­ve­re, ma an­che di non do­ver su­bi­re il tuo giu­di­zio non ri­chie­sto e lo spac­cio di una mo­ra­le sog­get­ti­va. oglio ri­cor­da­re che l’obie­zio­ne di co­scien­za è una co­sa se­ria. I pri­mi che la at­tua­ro­no era­no co­sì pro­fon­da­men­te con­vin­ti, che fu­ro­no di­spo­sti ad an­da­re in ga­le­ra per di­fen­de­re le pro­prie idee, e mol­ti ci ni­ro­no. Ora, io non mi au­gu­ro che i far­ma­ci­sti ni­sca­no die­tro le sbar­re, ma se dav­ve­ro tu che sei di­spo­sto a ven­de­re qua­lun­que me­di­ci­na­le a qua­lun­que prez­zo non rie­sci a dor­mi­re la not­te nel ter­ro­re che una don­na ti chie­da la pil­lo­la del gior­no do­po, be’, gra­di­rei che va­lu­tas­si al­me­no l’idea di cam­bia­re la­vo­ro, che mi pa­re ac­cet­ta­bi­le co­me con­tro­par­ti­ta di una bat­ta­glia di co­scien­za che so­li­ta­men­te pre­ve­de il car­ce­re. An­che per­ché mi sem­bra trop­po fa­ci­le fa­re i co­scien­zio­si con la vi­ta de­gli al­tri.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.