LASCIATEMI IN­DA­GA­RE CON LE CHIAPPE AL VEN­TO

Nel­la se­rie di cui è pro­ta­go­ni­sta, PAUL GIAMATTI è un pro­cu­ra­to­re se­ve­ris­si­mo che cre­de nel «gior­no del giu­di­zio». A ca­sa, pe­rò, il ca­sti­go (con fru­sta) lo la­scia a lei

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Brutto? - Di GUIA SONCINI

Nel­la pri­ma sce­na del­la pri­ma pun­ta­ta di Bil­lions, Paul Giamatti è in mu­tan­de, le­ga­to, e se­mi-im­ba­va­glia­to: può giu­sto mu­go­la­re «Sì» in ri­spo­sta al­la ti­zia da­gli sti­va­li ap­pun­ti­ti che gli chie­de «Hai bi­so­gno d’es­se­re ca­sti­ga­to, ve­ro?». La co­sa più ur­gen­te da fa­re – ca­sti­ghi a par­te – è sta­bi­li­re co­sa sia Bil­lions. Una sto­ria in cui nul­la è co­me sem­bra: quel­lo le­ga­to co­me un sa­la­me è Chuck Rhoa­des, il se­ve­ris­si­mo pro­cu­ra­to­re di­stret­tua­le del­la zo­na Sud di New York (ter­ri­to­rial­men­te pre­po­sto a ca­sti­ga­re Wall Street), e la ti­zia in sti­va­li è sua mo­glie Wen­dy, so­li­dis­si­ma psi­co­lo­ga che la­vo­ra per man­te­ne­re equi­li­bra­ti i di­pen­den­ti d’un fon­do d’in­ve­sti­men­to (pa­rec­chio) spe­cu­la­ti­vo. Una sto­ria di lot­ta di clas­se: il pro­prie­ta­rio di quell’hed­ge fund (Bob­by «Axe» Axel­rod, in­ter­pre­ta­to da Da­mian Lewis, già ve­te­ra­no di guer­ra, dop­pio­gio­chi­sta, e in ne im­pic­ca­to dai ta­le­ba­ni in Ho­me­land), fat­to­si dal nul­la con mol­ti pas­sag­gi in zo­ne oscu­re e l’eter­no ter­ro­re di tor­na­re po­ve­ro, è de­sti­na­to a non ca­pir­si mai ma pro­prio mai col pro­cu­ra­to­re na­to ric­co. Una sto­ria di ma­schi – «C’è tan­to di quel te­sto­ste­ro­ne che ri­schia­mo di in­ciam­pa­re nei no­stri pi­sel­li», di­ce Giamatti – in cui i per­so­nag­gi più com­ples­si so­no le fem­mi­ne. Una sto­ria di mo­del­li ma­tri­mo­nia­li: quel­lo di Giamatti e del­la mo­glie, pie­no di ten­sio­ni e con­ti­nua­men­te in di­scus­sio­ne («Io la­vo­ro per il be­ne pub­bli­co», trom­bo­neg­gia

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.