E FE­STI­VAL

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Heroes -

a per­so­na che in­con­tro si chia­ma Anoh­ni, ma per tan­to tem­po è sta­ta An­to­ny He­gar­ty, o più sem­pli­ce­men­te An­to­ny. Una stra­na crea­tu­ra, im­po­nen­te, al­ta più di un me­tro e ot­tan­ta, av­vol­ta in uno scial­le ne­ro. Con la sua vo­ce tra il ma­schi­le e il fem­mi­ni­le e le sue bal­la­te si era co­strui­ta una car­rie­ra da am­ba­scia­tri­ce del­le in­si­cu­rez­ze emo­ti­ve e ses­sua­li di tan­tis­si­mi fan. Lou Reed, il suo men­to­re, di lei dis­se: «È un an­ge­lo». Per la pri­ma vol­ta, a 44 an­ni, ha sciol­to l’am­bi­gui­tà del­la sua vi­ta: un no­me ma­schi­le da­to al­la na­sci­ta, ma una sto­ria di tran­ses­sua­le e una pre­sen­za fem­mi­ni­le. Per il suo nuo­vo al­bum e per il tour (suo­ne­rà il 12 lu­glio al Flo­wers Fe­sti­val di Col­le­gno, in pro­vin­cia di To­ri­no) ha usa­to il no­me che già ave­va adot­ta­to in pri­va­to, Anoh­ni, e ha chie­sto che sia­no usa­ti pro­no­mi fem­mi­ni­li per par­la­re di lei. Il pri­mo al­bum con cui ha scel­to di es­se­re Anoh­ni si in­ti­to­la Ho­pe­les­sness ed è uno stra­no espe­ri­men­to: le can­zo­ni so­no pez­zi dan­ce, crea­te con i pro­dut­to­ri Hud­son Mo­ha­w­ke (dj scoz­ze­se, usci­to dal­la Red Bull Aca­de­my, col­la­bo­ra­to­re di Ka­nye We­st) e il mu­si­ci­sta ame­ri­ca­no OPN. Ma i te­mi sem­bra­no usci­ti da un pam­phlet del­la si­ni­stra ra­di­ca­le: dro­ni, sor­ve­glian­za di­gi­ta­le, ri­scal­da­men­to glo­ba­le. Te­mi che era­no già ap­par­si nei suoi te­sti, mai pe­rò con tan­ta for­za. Nel vi­deo di Dro­ne Bomb Me si ve­de Nao­mi Cam­p­bell bal­la­re men­tre Anoh­ni can­ta la sto­ria di un at­tac­co dro­ne ame­ri­ca­no dal pun­to di vi­sta di una bam­bi­na. Vo­le­va por­ta­re la protesta nel­le di­sco­te­che? «È fa­ci­le de­pri­mer­si pen­san­do al fat­to che stia­mo di­strug­gen­do il no­stro pia­ne­ta: la mia idea è sta­ta av­vol­ge­re que­sta ve­ri­tà scon­vol­gen­te in una mu­si­ca ac­cat­ti­van­te. Ho usa­to uno sfon­do mu­si­ca­le qua­si eu­fo­ri­co, co­me un ca­val­lo di Tro­ia per sca­var­mi una via nel­la te­sta del­le per­so­ne». An­che Nao­mi Cam­p­bell fa par­te del ca­val­lo di Tro­ia? «Lei era per­fet­ta per l’este­ti­ca del pro­get­to. Ho in­vi­ta­to a par­te­ci­pa­re ai vi­sual del tour don­ne che per me rap­pre­sen­ta­no un ar­co col­let­ti­vo del­la fem­mi­ni­li­tà e Nao­mi è ar­ri­va­ta a com­ple­ta­re que­st’ar­co, coin­vol­ta da Ric­car­do Ti­sci

ndr), che ha an­che gi­ra­to il vi­deo di Ric­car­do è la per­so­na che mi ha in­co­rag­gia­to a rea­liz­za­re que­sto al­bum, in una fa­se del­la mia vi­ta in cui ero sul­la di­fen­si­va e nem­me­no più cer­ta che avrei fat­to al­tri di­schi». È una coin­ci­den­za che il suo al­bum più po­li­ti­co sia an­che il pri­mo che rma nal­men­te co­me Anoh­ni? «All’ini­zio pen­sa­vo di sì. Anoh­ni è un no­me che usa­vo in pri­va­to da tem­po, co­me da tem­po ave­vo chie­sto al­le per­so­ne che mi so­no ac­can­to di usa­re pro­no­mi fem­mi­ni­li per me. Mi sem­bra­va qua­si ba­na­le ri­ba­di­re: “So­no trans”, che c’è di nuo­vo? Pre­sen­tar­mi co­me An­to­ny, un no­me nel qua­le non mi ri­co­no­sce­vo più, era co­me chie­de­re al pub­bli­co il per­mes­so di es­se­re co­me so­no. Di­cen­do: “So­no Anoh­ni e non più An­to­ny”, ho smes­so di im­plo­ra­re spa­zio vi­ta­le, me lo so­no pre­so e ba­sta. Era giun­to il mo­men­to di di­re: io so­no que­sta, e se vi ri uta­te di ri­co­no­scer­lo, non smet­te­rò di esi­ste­re». Ha usa­to la sua tran­ses­sua­li­tà co­me un’ar­ma po­li­ti­ca? «Ho­pe­les­sness non è la sto­ria di Anoh­ni, è la sto­ria di una cri­si glo­ba­le. Ma c’è una ne­ga­zio­ne col­let­ti­va in at­to, e se c’è una co­sa che a noi trans non è mai con­ces­sa, è ne­ga­re. Im­ma­gi­ni me, a set­te, ot­to an­ni, che pro­vo a ne­ga­re quel­lo che so­no, men­tre il mon­do me lo ri­cor­da in con­ti­nua­zio­ne. Ec­co, noi trans sap­pia­mo co­me a ron­ta­re una ve­ri­tà im­po­po­la­re. Io uso il mio cor­po co­me esem­pio del fat­to che le co­se van­no a ron­ta­te». Sta chie­den­do al­le per­so­ne lo stes­so co­rag­gio che ha avu­to lei? «Sto di­cen­do che co­me es­se­ri uma­ni non sia­mo co­stret­ti a es­se­re vit­ti­me. Le per­so­ne tran­ses­sua­li han­no un im­pul­so bio­lo­gi­co a nuo­ta­re con­tro­cor­ren­te. Noi pos­sia­mo es­se­re uti­li al­la so­cie­tà, il no­stro com­pi­to è crea­re pon­ti con l’im­pos­si­bi­le». E lei ce l’ha un pon­te con An­to­ny? «Non ero An­to­ny già da tem­po. Ma so­no or­go­glio­sa del mio la­vo­ro e ho mol­ta com­pas­sio­ne per la per­so­na che so­no sta­ta». Non suo­ne­rà più quel­le can­zo­ni? L’al­bum Ho­pe­les­sness di Anoh­ni, 44 an­ni, ex An­to­ny He­gar­ty. Si esi­bi­sce il 12 lu­glio al Flo­wers Fe­sti­val di Col­le­gno (To­ri­no).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.