Ca­val­li sel­vag­gi

A Moab, UTAH, tra ca­nyon spet­ta­co­la­ri e set a cie­lo aper­to che han­no con­qui­sta­to an­che John Way­ne e In­dia­na Jo­nes

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di FRAN­CE­SCA CIBRARIO

i so­no luo­ghi che non hai mai vi­sto, ep­pu­re li co­no­sci da sem­pre. Moab è uno di que­sti. È qui, nel cuo­re del­lo Utah, che John Way­ne ha gi­ra­to mol­ti dei suoi we­stern, che In­dia­na Jo­nes ha con­dot­to l’ul­ti­ma cro­cia­ta e Thel­ma & Loui­se han­no con­clu­so la lo­ro gran­de fu­ga (la sce­na è gi­ra­ta su uno spe­ro­ne moz­za ato chia­ma­to Dead Hor­se Point: se sie­te in zo­na non per­de­te­lo, na­tu­ral­men­te evi­tan­do di imi­tar­le). Se que­sti ca­nyon di roc­cia scar­lat­ta che il ven­to si è di­ver­ti­to a scol­pi­re co­me un ar­chi­star so­no tra i più ce­le­bri set a cie­lo aper­to de­gli Sta­ti Uni­ti, un mo­ti­vo c’è: è l’in­con­tro con la pura e ma­gni ca bel­lez­za. Per tro­var­si on the road nel­la leg­gen­da si at­ter­ra all’ae­ro­por­to di Grand Junc­tion e no­no­stan­te For­re­st Gump da que­ste par­ti non ab­bia mai smes­so di cor­re­re, l’idea mi­glio­re re­sta a tta­re un’au­to (4x4 na­tu­ral­men­te) e pren­de­re la I-70 W (100 mi­glia e cir­ca due ore). Se poi s’in­ve­ste una mezz’ora in più sul per­cor­so me­no tra ca­to e più pa­no­ra­mi­co del­la Up­per Co­lo­ra­do Sce­nic By­way U-128 W che se­gue qua­si in pa­ral­le­lo il

ume Co­lo­ra­do, il di­ver­ti­men­to è to­ta­le. Ru­pi, sen­tie­ri e ra­pi­de han­no fat­to di que­sta ter­ra il nuo­vo El­do­ra­do di escur­sio­ni­sti, aman­ti di sport estre­mi e fuo­ri­stra­da – bi­ci, mo­to o au­to che sia. Tra gi­te in mon­gol

era (ca­nyon­land­sbal­loo­ning.com), ae­ro­pla­ni­no o eli­cot­te­ro (moa­b­he­li­cop­ters.com), di­sce­se da fu­ni so­spe­se (ra­ven­srim.com), sky­di­ve (sky­di­ve­moab.com), ca­val­lo o moun­tain bi­ke (cir­cui­to top: Slic­krock Trail) sa­rà im­pos­si­bi­le re­sta­re fer­mi o con i pie­di per ter­ra. I più esper­ti di 4x4 in­ve­ce si ci­men­ta­no con l’Hells Re­ven­ge Trail, uno dei per­cor­si più emo­zio­nan­ti (e dif

col­to­si) de­gli Sta­ti Uni­ti. Ol­tre 10 km di sa­li­scen­di lun­go le Slic­krock Fin, a est di Moab, tra roc­ce a stra­piom­bo su en­tram­bi i la­ti. Tra que­sti ca­nyon si svol­ge an­che l’even­to clou per gli ap­pas­sio­na­ti di o -road, l’Ea­ster Jeep Sa­fa­ri che ca­sa Jeep (pa­ro­la di­ven­ta­ta si­no­ni­mo di fuo­ri­stra­da 75 an­ni fa: è na­ta nel lu­glio 1941) or­ga­niz­za ogni pri­ma­ve­ra. Que­st’an­no la po­po­la­zio­ne di Moab (5.000 abi­tan­ti) in quei gior­ni è tri­pli­ca­ta (c’era an­che l’edi­zio­ne spe­cia­le per tut­ti i mo­del­li – Wran­gler, Che­ro­kee, Grand Che­ro­kee e Re­ne­ga­de – in co­lo­ri «mi­me­ti­ci»). Per dor­mi­re, fer­ma­te­vi in sti­le Om­bre ros­se al Sor­rel River Ran­ch Re­sort & Spa. Quel tra­mon­to che ac­cen­de ogni pez­zo di roc­cia da qui al Co­lo­ra­do non si di­men­ti­ca più.

C

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.