Io ven­go da Go­mor­ra

Dal­la Tv al­la vi­ta ve­ra: il rap­per LUCHÈ rac­con­ta la sua Na­po­li

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di FER­DI­NAN­DO COTUGNO

uchè è un rap­per, vie­ne da Ma­ria­nel­la, quar­tie­re di Na­po­li nord, una Scam­pìa me­no no­ta. La sua sto­ria si in­trec­cia a Go­mor­ra: del suo ex duo rap, i Co’Sang, era gran­de fan Ro­ber­to Sa­via­no, il suo nuo­vo al­bum so­li­sta si in­ti­to­la Ma­lam­mo­re, co­me il cat­ti­vo di Go­mor­ra ap­pun­to, e nel­la co­lon­na so­no­ra del­la se­rie c’è una sua can­zo­ne, O’ prim­mo am­mo­re. Par­tia­mo dal ti­to­lo. «“Ma­lam­mo­re” è sta­to il mio pri­mo ta­tuag­gio: a 17 an­ni, pen­sa­vo di aver in­ven­ta­to io la pa­ro­la. Poi ho sco­per­to che era il ti­to­lo di can­zo­ni na­po­le­ta­ne

Lold school, poi è ar­ri­va­to il per­so­nag­gio di Go­mor­ra». Co­me ve­de Na­po­li da Lon­dra? «La mia cit­tà è stru­men­ta­liz­za­ta, og­gi più che mai. Io so­no cre­sciu­to vi­ci­no a Scam­pìa, mi fa ma­le ve­de­re gen­te che scri­ve le fra­si di Go­mor­ra su Fa­ce­book sen­za ca­pi­re che lì c’è so eren­za ve­ra, che tan­te per­so­ne non han­no nean­che l’ac­qua cor­ren­te». È un at­tac­co al­la se­rie? «Go­mor­ra è ne­ces­sa­ria, rea­li­sti­ca nei dia­lo­ghi, nel­le fac­ce, nel­le sto­rie. Ma in Tv è so­lo il mar­te­dì se­ra, le pe­ri­fe­rie di Na­po­li so­no quel­la co­sa lì tut­ti i gior­ni. A che ser­ve rac­con­ta­re la ve­ri­tà, se nien­te cam­bia?».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.