ERO PRON­TA: QUEL­LA NON ERA UNA CONTROFIGURA,

I SENI ERA­NO I MIEI, E LO STES­SO IL SE­DE­RE

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Copertina -

mio fra­tel­lo co­me se il fem­mi­ni­smo non fos­se im­por­tan­te, ma han­no di­mo­stra­to che lo è pra­ti­can­do­lo ogni gior­no». Mi fa un esem­pio? «Mia ma­dre è sem­pre sta­ta quel­la che gua­da­gna di più per­ché pa­pà ave­va que­sto la­vo­ro crea­ti­vo e spes­so sal­tua­rio. Ci ha an­che in­se­gna­to che si può es­se­re la mam­ma più amorevole e coccolona, e un at­ti­mo do­po ri­spon­de­re al te­le­fo­no tra­sfor­man­do­si nel­la più aggressiva del­le ma­na­ger. C’era la ver­sio­ne la­vo­ro e la ver­sio­ne casa, e io la Poi è ar­ri­va­to Il tro­no di spa­de, e lei è pra­ti­ca­men­te cre­sciu­ta sul set: com’è sta­to? «Co­me es­se­re sul­le mon­ta­gne rus­se. Un gior­no sen­ti­vo di ave­re la for­za di es­se­re Kha­lee­si, un gior­no la per­de­vo. Il fat­to è che da ven­ten­ne a ron­ti un per­cor­so che è qua­si sem­pre cir­co­la­re. Par­ti da chi sei dav­ve­ro ma poi ci so­no tal­men­te tan­te co­se da pro­va­re che fai una gran­de di­ver­sio­ne, ti con­fon­di, e so­lo al­la ne di que­sto per­cor­so tor­ni al prin­ci­pio. Ma con una no­te­vo­le di eren­za: nal­men­te ti pia­ci». mal­trat­ta­ti e quel­li che mal­trat­ta­no. È l’in­te­ro spet­tro del ge­ne­re uma­no, con tut­te le sue in­giu­sti­zie». Lei di re­cen­te ha fat­to una sce­na di nu­do in­te­gra­le che ha pro­vo­ca­to pa­rec­chio scan­da­lo. «For­se tra il pub­bli­co, di si­cu­ro mi ha fat­to pro­va­re una gran­de for­za. Era una sce­na che ave­va sen­so dal pun­to di vi­sta del­la sto­ria per­ché Kha­lee­si ave­va por­ta­to se stes­sa ol­tre ogni li­mi­te, e lo stes­so per­cor­so ave­vo fat­to io. Fi­nal­men­te ero pron­ta: quel­la non era una con­tro

gu­ra, i seni era­no i miei, e lo stes­so il se­de­re». So che con­si­de­ra in­giu­sto che sul set si spo­gli­no so­lo le don­ne, e che ha lan­cia­to una cam­pa­gna per la li­be­ra­zio­ne del pe­ne… «È ve­ro! Scher­zi a par­te, nel lun­go pe­rio­do mi pia­ce­reb­be che le con­qui­ste di gen­der ci por­tas­se­ro al pun­to in cui non ha più mol­ta im­por­tan­za che ge­ni­ta­li ab­bia­mo, per­ché sia­mo tut­ti es­se­ri uma­ni». Pri­ma par­la­va­mo del­le sue so­mi­glian­ze con Loui­sa: an­che lei ha la ten­den­za a in­na­mo­rar­si per­du­ta­men­te? «Sì, in un mo­do o nell’al­tro ten­do a but­tar­mi to­tal­men­te nel­le sto­rie d’amo­re». Vor­reb­be un gior­no di­ven­ta­re ma­dre? «As­so­lu­ta­men­te, ma ci vor­rà tem­po per­ché so­no con­vin­ta che ogni espe­rien­za deb­ba ve­ni­re al mo­men­to giu­sto». Quan­do ac­ca­drà, che ti­po di ma­dre sa­rà? «Da una par­te mol­to amorevole, dall’al­tra una soc­cer mom sfre­na­ta: tan­te at­ti­vi­tà, mai sta­re fer­mi. Avrò an­ch’io una dop­pia vi­ta, da gio­co­lie­ra. Co­me mia ma­dre».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.