C’È UNA BE­STIA

CHE MI SOFFOCA LA VI­TA

Vanity Fair (Italy) - - IL Postino -

Il no­stro mot­to è: «La si­tua­zio­ne è gra­ve, ma non se­ria» e lo par­to­rì il ge­nio di En­nio Fla­ia­no. Non a ca­so un ma­schio. A Mar­gue­ri­te Your­ce­nar, per di­re, non sa­reb­be mai ve­nu­to in men­te. Ep­pu­re è pro­prio nel­le sue Me­mo­rie di Adria­no che ho tro­va­to il mio an­ti­do­to de ni­ti­vo con­tro l’an­sia: l’ac­cet­ta­zio­ne. Pri­ma di leg­ge­re la Your­ce­nar, con­fon­de­vo l’ac­cet­ta­zio­ne con la ras­se­gna­zio­ne. E pro­prio per non ras­se­gnar­mi, ni­vo per agi­tar­mi. Non ca­pi­vo che la pre­mes­sa per cam­bia­re una real­tà che mi pro­cu­ra­va ten­sio­ne con­si­ste­va nell’ac­cet­tar­la. Nel riu­sci­re a dir­mi, an­che quan­do den­tro mon­ta­va il pa­ni­co, «tut­to è giu­sto e per­fet­to», pa­ni­co com­pre­so. Ti ri­co­pio le pa­ro­le dell’Im­pe­ra­to­re che han­no un po’ cam­bia­to il mio mo­do di guar­da­re la vi­ta: «La con­qui­sta nel­la qua­le ho im­pe­gna­to tut­to me stes­so – la più ar­dua – è sta­ta quel­la del­la li­ber­tà di as­sen­ti­re. Io vo­le­vo lo sta­to in cui ero… Per­si­no im­mer­so nel­la scia­gu­ra più tre­men­da, ho per­ce­pi­to l’istan­te in cui lo s ni­men­to le sot­trae­va un po­co del suo or­ro­re, in cui la fa­ce­vo mia ac­cet­tan­do di ac­cet­tar­la…». Ac­cet­ta­re di ac­cet­ta­re la real­tà. Se­con­do la Your­ce­nar è que­sto che di­stin­gue un uo­mo li­be­ro da uno schia­vo, che la real­tà la giu­di­ca di con­ti­nuo e la su­bi­sce, im­pre­can­do e la­men­tan­do­se­ne, ma co­sì non fa nul­la per cam­biar­la. Esi­sto­no va­ri si­ste­mi per ten­ta­re di de­bel­la­re l’an­sia: da lau­rea­ta in Psi­co­lo­gia li co­no­sce­rai tut­ti. Il pro­ble­ma è met­ter­li in pra­ti­ca. C’è chi, quan­do la sen­te sa­li­re, ri­pe­te men­tal­men­te il man­tra «Fu­ti­li mo­ti­vi» per ri­cor­da­re al suo cer­vel­lo che tut­to ciò che lo sta agi­tan­do – si trat­ti di una bol­let­ta da pa­ga­re o di un col­lo­quio di la­vo­ro – è qual­co­sa di pas­seg­ge­ro: è giu­sto che uno se ne oc­cu­pi, ma non che se ne pre­oc­cu­pi. Per le an­sie spic­cio­le, io con­ti­nuo a ri­cor­re­re all’iro­nia: ap­pe­na sal­go sul pal­co di una con­fe­ren­za, im­ma­gi­no che gli spet­ta­to­ri del­la pri­ma la sia­no in mu­tan­de e non hai idea di quan­to que­sto pen­sie­ro bu o mi ri­las­si. Ma per le an­sie esi­sten­zia­li, più in­de­ter­mi­na­te e pro­fon­de, ri­ten­go che la ri­cet­ta del­la Your­ce­nar ri­man­ga, se non l’uni­ca, si­cu­ra­men­te la più e ca­ce. AN­DRÉ DA LOBA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.