Per bat­te­re gli zom­bie ci vuo­le fe­li­ci­tà

NIZ­ZA: la guer­ra è qui, e ci scon­vol­ge. Ma il ter­ro­re è la re­go­la nel re­sto del mon­do, e lo è sta­ta per i no­stri an­te­na­ti. Pri­ma ar­ma per non soc­com­be­re: smet­ter­la di spu­ta­re sul­la no­stra for­tu­na

Vanity Fair (Italy) - - #VanitySocial - di MI­CHE­LE SERRA

Niz­za, per mol­ti ita­lia­ni, è casa. Per me è qual­co­sa di più, ci è na­ta mia ma­dre, quan­do ero pic­co­lo mi por­ta­va a Ro­ba­ca­peo, che in niz­zar­do vuol di­re ru­ba cap­pel­lo, è un po­sto in fac­cia al ma­re do­ve la lu­ce è ac­ce­can­te e il ve­nto si pren­de gio­co de­gli uma­ni. Nel­la mia fa­mi­glia «fra­tel­li fran­ce­si» non è una fra­se re­to­ri­ca ma un vin­co­lo di san­gue. Quan­do suo­na la Mar­si­glie­se, so­prat­tut­to dal­la stra­ge di Char­lie in poi, por­to una ma­no al cuo­re. La guer­ra è qui, or­mai, e que­sto lo sa­pe­va­mo già. Ma è co­me se que­sta fra­se – la guer­ra è qui, in casa, in mez­zo a noi – fos­se co­sì in­cre­di­bi­le che ne­ces­si­ta an­co­ra di qual­che mas­sa­cro, di qual­che di­stru­zio­ne, di qual­che con­cer­to di ur­la e di am­bu­lan­ze per es­se­re mes­sa be­ne a fuo­co. Non è del tut­to col­pa no­stra, se fa­ti­chia­mo a sen­tir­ci in guer­ra. Per al­me­no due ra­gio­ni.

La pri­ma ra­gio­ne è che è una guer­ra sco­no­sciu­ta, a suo mo­do in­cre­di­bi­le, nel­la qua­le ogni abi­tan­te del­la Ter­ra, mu­sul­ma­ni com­pre­si, è l’og­get­to po­ten­zia­le di un sa­cri­fi­cio uma­no, un omi­ci­dio-sui­ci­dio ri­tua­le of­fer­to a dio. È co­me se la cro­sta del­la mo­der­ni­tà, che noi cre­de­va­mo ro­bu­sta e spes­sa, or­mai in­fran­gi­bi­le, fos­se sta­ta spez­za­ta da qual­co­sa che rie­mer­ge dal­le pro­fon­di­tà. Non ri­cor­do su qua­le blog ho let­to che l’im­ma­gi­ne più cal­zan­te al ji­ha­di­sta omi­ci­da/sui­ci­da è quel­la del­lo zom­bie, il mor­to che cam­mi­na. Dob­bia­mo ri­cor­re­re al­la fic­tion, non al­la real­tà, per da­re de­fi­ni­zio­ne a que­sto ine­di­to, im­pla­ca­bi­le spet­ta­co­lo di mor­te e di ster­mi­nio, a que­sti mo­stri po­st-uma­ni che fal­cia­no bam­bi­ni, moz­za­no te­ste, sgoz­za­no chi non co­no­sce il Co­ra­no. Fa­ti­chia­mo a pren­de­re at­to che quan­to sta ac­ca­den­do non è un film dell’or­ro­re: è la real­tà. Ac­ca­de ve­ra­men­te, e ac­ca­de nei po­sti che co­no­scia­mo, nei qua­li vi­via­mo, pas­seg­gia­mo, man­gia­mo, can­tia­mo, guar­dia­mo i fuo­chi d’ar­ti­fi­cio.

La se­con­da ra­gio­ne del­la no­stra te­na­ce re­ni­ten­za al­la guer­ra – all’idea stes­sa di guer­ra – è sto­ri­ca e ge­ne­ra­zio­na­le. Noi oc­ci­den­ta­li na­ti dal 1950 in poi, gli eu­ro­pei in par­ti­co­la­re, sia­mo la Ge­ne­ra­zio­ne In­co­lu­me. La pri­ma le­va uma­na na­ta e cre­sciu­ta, in pra­ti­ca nel­la sua in­te­rez­za, al ri­pa­ro dal­la guer­ra; dal­la fa­me; dal­la bru­ta­li­tà del­la Sto­ria. Per mil­len­ni non è esi­sti­ta tri­bù o so­cie­tà che non con­si­de­ras­se la guer­ra o la mor­te vio­len­ta co­me com­po­nen­ti ine­vi­ta­bi­li, di­rei na­tu­ra­li, del­la vi­ta uma­na. L’abi­tu­di­ne all’in­co­lu­mi­tà, co­sì co­me il di­rit­to al­la li­ber­tà di mo­vi­men­to, di fe­de, di scel­ta ses­sua­le, è uno dei frut­ti (mi­ra­co­lo­si) del­la mo­der­ni­tà e del­la de­mo­cra­zia. Noi oc­ci­den­ta­li ne ab­bia­mo fat­to in­di­ge­stio­ne, co­me di tan­te al­tre co­se, al pun­to di es­ser­ci as­sue­fat­ti al­la no­stra for­tu­na. In­ve­ce do­vrem­mo sve­gliar­ci ogni mat­ti­na, fa­re memoria del­la spa­ven­to­sa ca­te­na di ter­ro­re, di in­di­gen­za e di schia­vi­tù che ci ha pre­ce­du­ti, apri­re la fi­ne­stra e rin­gra­zia­re cia­scu­no i suoi nu­mi di ri­fe­ri­men­to (io per esem­pio le nu­vo­le, che co­me di­vi­ni­tà mi ba­sta­no e mi avan­za­no). Do­vrem­mo va­lu­ta­re i be­ni che ma­neg­gia­mo con ec­ces­si­va fa­mi­lia­ri­tà da quan­do sia­mo na­ti – la li­ber­tà, la pa­ce, il be­nes­se­re – per quel­lo che val­go­no, per il te­so­ro che so­no, non co­me spic­cio­li da di­men­ti­ca­re in un cas­set­to, cer­tez­ze do­me­sti­che, qui­squi­lie tra­scu­ra­bi­li.

Il ter­ro­re non era, per i no­stri avi, una mi­nac­cia a tra­di­men­to. Ci con­vi­ve­va­no, con il ter­ro­re, e spes­so nel ter­ro­re mo­ri­va­no. Par­ti­va­no per la guer­ra e in mol­ti non tor­na­va­no, fug­gi­va­no sot­to i bom­bar­da­men­ti, mo­ri­va­no di fa­me ne­gli as­se­di lun­ghi me­si e an­ni, scru­ta­va­no il ma­re dal­le tor­ri d’av­vi­sta­men­to per con­trol­la­re l’ar­ri­vo di pi­ra­ti as­sas­si­ni e pre­da­to­ri, sen­ti­va­no il ga­lop­po dei ca­val­li e ca­pi­va­no che sta­va ar­ri­van­do l’or­da, i pre­do­ni, gli sban­da­ti. Lo stu­pro e la ra­pi­na era­no die­tro ogni an­go­lo. Non c’era il ter­ro­ri­smo, nei se­co­li pas­sa­ti, per­ché qua­si tut­to era ter­ro­riz­zan­te, a par­ti­re dal­le au­to­ri­tà ci­vi­li e re­li­gio­se, dai po­te­ri ini­qui e pre­va­ri­ca­to­ri che reg­ge­va­no le sor­ti del mon­do. Ora che toc­ca an­che a noi, adul­ti oc­ci­den­ta­li, e ai no­stri fi­gli e ni­po­ti, guar­dar­ci in­tor­no con dif­fi­den­za, con il ti­mo­re che la mor­te vio­len­ta si ma­te­ria­liz­zi quan­do me­no ce l’aspet­tia­mo, non dob­bia­mo sen­tir­ci in­giu­sta­men­te chia­ma­ti in cau­sa da un de­sti­no cru­de­le. Non dob­bia­mo sor­pren­der­ci più di tan­to. Sia­mo sem­pli­ce­men­te rien­tra­ti nel­la fe­ri­ni­tà del­la Sto­ria do­po es­ser­ne sta­ti ri­spar­mia­ti mi­ra­co­lo­sa­men­te per la vi­ta in­te­ra (la no­stra vi­ta, da que­sto pun­to di vi­sta, è sta­ta una spe­cie di lun­ga va­can­za dal­la Sto­ria). In­con­tro ami­ci di va­rie le­ve (i Cin­quan­ta, i Ses­san­ta, i Set­tan­ta) con i qua­li sem­pre, ne­gli ul­ti­mi tem­pi, ri­pe­tia­mo la stes­sa fra­se: sia­mo sta­ti for­tu­na­ti. In­cre­di­bil­men­te for­tu­na­ti. E lo sia­mo sta­ti ve­ra­men­te, con tu­te­le so­cia­li, sco­per­te me­di­co-sa­ni­ta­rie e si­ste­mi po­li­ti­ci (la me­ra­vi­glio­sa de­mo­cra­zia og­gi stu­pi­da­men­te vi­tu­pe­ra­ta) che nes­su­no pri­ma di noi ave­va mai avu­to.

La for­tu­na, ov­via­men­te, non è una col­pa. Non dob­bia­mo sen­tir­ci in col­pa nem­me­no per un se­con­do. Quel­lo che ab­bia­mo avu­to è sta­to con­qui­sta­to a du­ro prez­zo da chi ci ha pre­ce­du­to, e con­so­li­da­to dal­la no­stra fa­ti­ca. Ma do­vrem­mo ri­tro­va­re il va­glio di quel­lo che ab­bia­mo avu­to, che è sta­to tan­to, an­zi tan­tis­si­mo. E di que­sto tan­tis­si­mo ave­re mag­gio­re co­scien­za per di­fen­der­lo me­glio, per cu­sto­dir­lo con lu­ci­di­tà, per con­trap­por­lo al ni­chi­li­smo de­gli zom­bie. Fos­si­mo più fe­li­ci di noi stes­si e del­la no­stra con­di­zio­ne po­trem­mo com­bat­te­re me­glio que­sta guer­ra, e vin­cer­la.

Do­vrem­mo va­lu­ta­re i be­ni che dia­mo per scon­ta­ti – LI­BER­TÀ, PA­CE, BE­NES­SE­RE – per il te­so­ro che so­no, non co­me spic­cio­li in un cas­set­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.