GRA­ZIE, IRENE

Vanity Fair (Italy) - - #VanitySocial -

Ho ap­pe­na ap­pre­so che Irene Ber­nar­di­ni, la no­stra amata «psi­co­lo­ga di car­ta», co­me ama­va scher­zo­sa­men­te de­fi­nir­si lei, ci ha la­scia­to. Ne ho ama­to il sor­ri­so, le ri­spo­ste di­ret­te (lei di­ce­va che non le man­da­va a di­re), la schiettezza e so­prat­tut­to l’iro­nia. Nes­sun com­pa­ti­men­to, so­lo for­za… e an­che tan­to co­rag­gio. Do­po aver­la co­no­sciu­ta at­tra­ver­so le pa­gi­ne di Va­ni­ty Fair, io ho avu­to la for­tu­na di co­no­scer­la di per­so­na. Ma in fon­do tut­ti noi l’ab­bia­mo co­no­sciu­ta, per­ché par­la­va mol­to di sé ed era sem­pre se stes­sa. Leg­ge­vo le sue ri­spo­ste ai let­to­ri e mi sem­bra­va di ve­der­la se­du­ta sul­la sua co­mo­da pol­tro­na. Sul­la sua pa­gi­net­ta mi ha an­che de­di­ca­to po­che ri­ghe, una vol­ta, de­fi­nen­do­mi la sua pi­ra­tes­sa (la pri­ma vol­ta che ci sia­mo vi­ste por­ta­vo un fou­lard al po­sto dei ca­pel­li di­strut­ti dal­la che­mio). Vo­glio de­di­ca­re a lei tut­to il bel­lo e tut­ta la for­za che so­no ve­nu­ti dall’aver­la co­no­sciu­ta, le vo­glio de­di­ca­re tut­te le vol­te in cui, pri­ma di agi­re, mi so­no det­ta: co­sa ne pen­se­reb­be la mia Dot­to­res­sa? Mi man­che­rà mol­tis­si­mo, e so che man­che­rà a tut­ti i let­to­ri di Va­ni­ty Fair. Gra­zie, Irene. LIA e la tua mor­te sem­bra­va co­sa cer­ta. In am­bu­lan­za tua ma­dre ha chie­sto che ve­nis­si bat­tez­za­to Va­le­rio, co­lui che va­le, poi­ché è for­te e in sa­lu­te. Poi, pe­rò, sei sopravvissuto. Hai det­to a tut­ti: «Guardate che io re­sto». Dei tre no­mi che por­ti, il se­con­do è quel­lo del me­di­co che ti ha sal­va­to. Il ter­zo, quel­lo del gior­no in cui ti han­no di­chia­ra­to fuo­ri pe­ri­co­lo: 13 giu­gno, Sant’An­to­nio. Io non cre­do, tu nep­pu­re, ma mi pia­ce pen­sa­re che esista qual­co­sa di mi­sti­co in que­sta stra­na coin­ci­den­za che ti ha vo­lu­to vi­vo e ve­ge­to nel gior­no dell’an­no che por­ta il mio no­me. For­se, men­tre gli al­tri so­gna­no una sto­ria d’amo­re, noi vi­via­mo una sto­ria di no­mi. Una sto­ria che cammina, cor­re, a vol­te zop­pi­ca. In que­sti due an­ni ab­bia­mo fat­to l’amo­re, ab­bia­mo fat­to la guer­ra, ci sia­mo fat­ti del be­ne e del ma­le, ci sia­mo fat­ti il be­ne che vie­ne do­po il ma­le. Ed è un be­ne di­ver­so, co­me un pan­no fred­do sul­la fron­te quan­do ar­de. Sei que­sto, tu: il pan­no fred­do sul­la mia fron­te ar­sa. Se ci sei, io non scot­to più. AN­TO­NIA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.