TI EMOZIONA

«QUAN­DO TOR­NI A ES­SE­RE PA­PÀ DO­PO TAN­TI AN­NI NON TI RI­COR­DI UN SAC­CO DI CO­SE. MA OGNI FI­GLIO CO­ME FOS­SE LA PRI­MA VOL­TA»

Vanity Fair (Italy) - - Vanity E La Chiamano Estate -

«Tut­ti noi. Vi­via­mo un mon­do che non ci dà le istru­zio­ni per sta­re in equi­li­brio, ci co­strin­ge a fa­re i fu­nam­bo­li. Per­ché ora tut­to si esau­ri­sce nel pre­sen­te: dal­la tec­no­lo­gia in cui tut­to è frui­zio­ne im­me­dia­ta al­le isti­tu­zio­ni do­ve man­ca­no i di­scor­si di gran­de re­spi­ro. Ognu­no di noi ha smes­so di ra­gio­na­re sul fu­tu­ro, di sen­tir­si par­te di un pro­get­to. E se non ti senti par­te di un pro­get­to sei me­no di­spo­sto a fa­re sa­cri­fi­ci per la col­let­ti­vi­tà». Ha no­stal­gia del pas­sa­to? «Sto in­vec­chian­do, è nor­ma­le. Mi sem­bra che ci sia sta­to un tem­po in cui esi­ste­va un’idea di so­cie­tà, buo­na o cat­ti­va che fos­se». An­che ai tem­pi di Ber­lu­sco­ni? Lei, a un con­cer­to­ne del Pri­mo Mag­gio, can­tò Il mio ne­mi­co mo­stran­do una ma­gliet­ta con la sua fac­cia. «Sì, e poi me ne so­no di­spia­ciu­to, per­ché quel­lo non era un mio con­cer­to, «Pre­mes­so che han­no avu­to i lo­ro no­mi so­lo do­po es­se­re na­ti, per­ché bi­so­gna­va ve­de­re se gli sta­va­no be­ne, no, non è col­pa mia, so­no tut­te un po’ coin­ci­den­ze. Oli­ver si chia­ma­va Mat­tia di pri­mo no­me, un no­me nor­ma­le, ma è ri­ma­sto Mat­tia so­lo per una set­ti­ma­na». Che mon­do si au­gu­ra per lo­ro? «Mi ven­go­no in men­te so­lo co­se del tem­po che ho vis­su­to io, sa­rà suc­ces­so an­che a mio pa­dre, e al pa­dre di mio pa­dre. Ma l’au­gu­rio che gli fac­cio è di vi­ve­re es­sen­do ca­pa­ci dell’one­stà. One­stà è una pa­ro­la gros­sis­si­ma in cui ci sta den­tro tut­to: i rap­por­ti, co­me la­vo­ri, il tuo im­pe­gno per gli al­tri. Più in­vec­chio e il pre­sen­te di­ven­ta per me po­co in­ter­pre­ta­bi­le, più mi ren­do con­to che quel­lo che pos­so fa­re, an­che co­me ar­ti­sta, è di ri­cor­da­re il pas­sa­to e im­ma­gi­na­re il fu­tu­ro. Met­ten­do­ci un po’ di poesia den­tro». Com’è sta­to tor­na­re a es­se­re pa­pà do­po tan­ti an­ni? «Non ti ri­cor­di di un sac­co di co­se, ma le os­sa te le sei già fat­te. Ogni fi­glio ti emoziona co­me se fos­se la pri­ma vol­ta».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.