GLI UL­TI­MI RA­GAZ­ZI DEL SE­CO­LO

Vanity Fair (Italy) - - Racconti -

spac­cò quat­tro te­ste. Era ac­ce­ca­ta dal­la ge­lo­sia per quell’uo­mo ca­ta­ne­se, un ano­ni­mo com­mer­cian­te di tes­su­ti al qua­le pia­ce­va­no le don­ne. E il lus­so del tra­di­men­to. La «Bel­va di via S. Gre­go­rio» la chia­ma­ro­no i ro­to­cal­chi. Mi ven­go­no i brividi. Co­sa si può fa­re an­co­ra? Per amo­re. Cam­mi­no an­co­ra un po­co e da una via la­te­ra­le com­pa­re l’au­to­re­vo­le ma un po­co se­rio­sa fi­gu­ra del Pi­rel­lo­ne. Lu­cia­no Bian­ciar­di, lo scrit­to­re tra­di­to, lo odia­va. Da pro­vin­cia­le ro­man­ti­co qual era, pen­sa­va che il Pi­rel­lo­ne si­gni­fi­cas­se ve­ra­men­te qual­co­sa. An­che quel­la era una for­ma di amo­re. Io mi li­mi­to a sa­pe­re che c’è, sen­za trop­pi pen­sie­ri, tan­to non rap­pre­sen­ta più nien­te. A Mi­la­no so­no sor­te mol­te al­tre vet­te e pre­sto na­sce­ran­no al­tre storie. di Ales­san­dro Bertante (Giun­ti, pagg. 224, ¤ 16) Ales­san­dro Bertante, 47 an­ni, è na­to ad Alessandria e vi­ve a Mi­la­no. Ha esor­di­to nel 2008 con Al Dia­vul (Mar­si­lio), un viag­gio ne­gli abis­si che fu­ro­no il fa­sci­smo e la guer­ra ci­vi­le spa­gno­la. Gli ul­ti­mi ra­gaz­zi del se­co­lo, ro­man­zo dal­la scrit­tu­ra po­ten­te, è am­bien­ta­to nel 1996 e, rac­con­tan­do i po­stu­mi del­la de­fla­gra­zio­ne del­la Ju­go­sla­via, met­te a nu­do la ge­ne­ra­zio­ne cre­sciu­ta ne­gli an­ni Ot­tan­ta. Bertante in­se­gna scrit­tu­ra crea­ti­va al­la Na­ba e al­la scuo­la Bel­le­vil­le di Mi­la­no. van­zo an­co­ra fin­ché il cam­mi­no s’in­ter­rom­pe di fron­te all’as­sur­da piaz­za al­la fi­ne del fiu­me di ce­men­to, quel­la do­ve con­ver­go­no tut­te le stra­de del Nord. In real­tà non è nem­me­no una ve­ra piaz­za, un cro­ce­via piut­to­sto. Un cro­ce­via di lu­ci e asfal­to, crea­to con po­chi trau­mi dal­la spe­cu­la­zio­ne edi­li­zia del do­po­guer­ra. Nel­le cit­tà si po­te­va fa­re quel­lo che si vo­le­va. Ed è sta­to fat­to. Non ho mai vi­sto un luo­go più di­sa­dor­no, ep­pu­re tut­ti lo co­no­sco­no. Piaz­za­le Lo­re­to è fa­mi­ge­ra­ta. Ci han­no ap­pe­so Mus­so­li­ni. Ma nes­su­no sa do­ve. Io cre­do di sa­per­lo, cam­mi­no lun­go ciò che re­sta del fiu­me e rag­giun­go lo slar­go. Le au­to­mo­bi­li sfrec­cia­no ve­lo­ci. At­tra­ver­so la stra­da, so­no so­lo po­chi me­tri da fa­re di cor­sa. Di fian­co a me c’è un gran­de ma­gaz­zi­no po­po­la­re. Di fron­te so­sta­no cen­ti­na­ia di stra­nie­ri: ci­ne­si, pe­ru­via­ni, fi­lip­pi­ni, ara­bi, afri­ca­ni, pu­re gli sla­vi. Og­gi è gior­no di fe­sta. Ades­so so­no nel cen­tro del­la piaz­za, lo spar­ti­traf­fi­co cir­co­la­re di ce­men­to do­ve è cre­sciu­ta una jun­gla di bam­bù al­ta tre me­tri. Una jun­gla di bam­bù a Mi­la­no. M’inol­tro fra le can­ne e rag­giun­go l’esat­to pun­to do­ve han­no ap­pe­so Mus­so­li­ni e la sua aman­te.

NAon pro­vo nes­su­na emo­zio­ne. Man­ca un simbolo. Qual­sia­si co­sa che te­sti­mo­ni la sto­ria, che ri­cor­di il ge­sto. Ri­ma­ne so­lo un pre­sen­ti­men­to oscu­ro. Po­co im­por­ta, è qua­si giun­ta l’ora. At­tra­ver­sa­ta la piaz­za, il mio viag­gio è fi­ni­to. Co­min­cia un al­tro via­le e io fi­nal­men­te so­no pron­to. A in­con­tra­re il mio amo­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.