LE CO­SE SEM­PLI­CI

Vanity Fair (Italy) - - Racconti -

ordinare tre ko­se: pa­ne, me­la, pol­pet­ta. E ko­min­cia cio­ka­re, met­te pa­ne so­pra pol­pet­ta e pol­pet­ta so­pra me­la, poi kam­bia­re e met­te pa­ne so­pra me­la, poi pren­de me­la e met­te so­pra pol­pet­ta, e ko­sì tre o quat­tro fol­te, e tut­ti ope­ra­to­ri ci­ne­ma ke ri­pren­de et fo­to­kra­fi che fa clic clic, e al­la fi­ne di cio­co lui che fa? Man­gia tut­to, ca­pi­sci? Dis­si che non ca­pi­vo. Ma ko­me non ka­pi­re? Lui fa stes­sa ko­sa Mi­la­no, Ro­ma, Na­po­li! Io ka­pi­sce Mi­la­no e Ro­ma, ma a Na­po­li es­se­re cen­te ke ha fa­me, e quel suo pic­co­lo gio­co stron­zo è co­me in­sul­to, aaaahhhhhh!

In­tan­to, il tre­no era giun­to a Ve­ro­na e io do­ve­vo scen­de­re: lui pro­se­gui­va per il Bren­ne­ro. Ci sa­lu­tam­mo cor­dial­men­te. Mi pro­po­se di get­ta­re dal fi­ne­stri­no il li­bro di Io­ne­sco, dis­si che ci avrei pen­sa­to. Il con­ge­do mi fe­ce pia­ce­re. Il gior­no do­po, a ca­sa, aprii il gior­na­le. Sul­la pa­gi­na cul­tu­ra­le c’era un ar­ti­co­lo de­di­ca­to a Beuys in Ita­lia, con una fo­to­gra­fia dell’ar­ti­sta. Vi lascio in­do­vi­na­re chi vi­di in quel­la fo­to­gra­fia. Sì, ave­te in­do­vi­na­to. Ol­tre­tut­to, la giac­ca e il cap­pel­lo era­no gli stes­si. Ave­vo di­cias­set­te an­ni, e sen­za sa­pe­re chi fos­se ave­vo chiac­chie­ra­to per un’ora con uno dei più gran­di ar­ti­sti del mon­do. Quel­la me­mo­ra­bi­le per­for­man­ce eb­be luo­go so­lo per me. va­li­get­ta in ma­no. Lo vi­di sa­li­re sul­la mia car­roz­za, poi sen­tii chie­der per­mes­so al­le mie spal­le. Quan­do tor­nai a leg­ge­re il mio li­bro, l’uo­mo in giac­ca e cra­vat­ta si tro­va­va se­du­to pro­prio da­van­ti a me. L’uo­mo ap­pog­giò la va­li­get­ta sul se­di­le ac­can­to e la aprì. In quel mo­men­to, non so per­ché, get­tai l’oc­chio sul­la pa­gi­na dell’Uo­mo sen­za qua­li­tà a cui ero ar­ri­va­to: pa­gi­na tre­cen­to­set­tan­ta­no­ve. di Lu­ca Doninelli (Bom­pia­ni, pagg. 840, ¤ 23) Lu­ca Doninelli, 60 an­ni, scrit­to­re e gior­na­li­sta, na­sce a Le­no, in pro­vin­cia di Bre­scia, ed esor­di­sce nel 1981 con il saggio In­tor­no a una let­te­ra di San­ta Ca­te­ri­na, ispi­ra­to­gli da Gio­van­ni Te­sto­ri. Le co­se sem­pli­ci è la sto­ria in­ten­sa di due gio­va­ni in­na­mo­ra­ti che ven­go­no se­pa­ra­ti, ognu­no su una spon­da dell’Atlan­ti­co, dall’av­ven­to di un’epo­ca di guer­re e car­ne­fi­ci­ne, do­ve ogni re­go­la è ban­di­ta. Quan­do si rin­con­tre­ran­no, che co­sa sa­rà ri­ma­sto dell’amo­re che li ave­va uni­ti? n quell’oc­ca­sio­ne il con­ta­bi­le che si na­scon­de (mol­to be­ne) in me ri­le­vò due even­ti straor­di­na­ri: il pri­mo fu la coin­ci­den­za che si era ap­pe­na ve­ri­fi­ca­ta, co­me se il De­sti­no aves­se vo­lu­to mo­strar­mi di co­se era ca­pa­ce. Ma il se­con­do evento fu an­co­ra più stupefacente. Mi ri­fe­ri­sco al­la so­vra­na in­dif­fe­ren­za di quell’uo­mo in giac­ca e cra­vat­ta, per il qua­le una si­mi­le coin­ci­den­za ap­par­te­ne­va al mon­do del­le co­se quo­ti­dia­ne e quin­di non de­gne di no­ta. Co­me po­te­va un in­di­vi­duo non es­se­re sor­pre­so da quel­la stra­na in­cre­spa­tu­ra del De­sti­no?

ALeg­gen­do non mi era mai ca­pi­ta­to, né mi sa­reb­be ca­pi­ta­to in se­gui­to, di guar­da­re a che pa­gi­na ero ar­ri­va­to, e dav­ve­ro non sep­pi spie­gar­mi per­ché in­ve­ce quel­la vol­ta aves­si guar­da­to. For­se si era trat­ta­to di un pre­sen­ti­men­to im­prov­vi­so, per­ché è un fat­to che, un istan­te do­po aver let­to il nu­me­ro 379, vi­di il mio com­pa­gno di viag­gio estrar­re dal­la va­li­get­ta una co­pia dell’Uo­mo sen­za qua­li­tà ugua­le al­la mia e, sen­za de­gnar­mi di un’oc­chia­ta, aprir­la a pa­gi­na tre­cen­to­set­tan­ta­no­ve e met­ter­si a leg­ger­la. Fu ta­le la mia sor­pre­sa che non po­tei fa­re a me­no di far­glie­lo no­ta­re. Mi per­do­ni, si­gno­re, dis­si. Vo­glio far­le os­ser­va­re che su que­sto tre­no sia­mo so­lo in due e tut­ti e due stia­mo leg­gen­do L’uo­mo sen­za qua­li­tà, per di più a pa­gi­na tre­cen­to­set­tan­ta­no­ve. Lui al­zò la te­sta, mi guar­dò, sor­ri­se di­strat­ta­men­te cre­do per dar­mi un mi­ni­mo di sod­di­sfa­zio­ne e si ri­mi­se a leg­ge­re co­me se nien­te fos­se. E sic­co­me leg­ge­va più in fret­ta di me, do­po die­ci mi­nu­ti ci tro­va­va­mo su pa­gi­ne di­ver­se.

Ime­no che, cer­to, non fos­se lui stes­so il De­sti­no in per­so­na, pre­sen­ta­to­si a me in uno dei suoi mi­glio­ri tra­ve­sti­men­ti al so­lo sco­po, cre­do, di de­sta­bi­liz­za­re la mia va­ni­tà di gio­va­ne in­tel­let­tua­le bo­rio­so.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.