Il mio viag­gio non fi­ni­sce qui

A qua­si 70 an­ni JANE BIR­KIN tor­na con la sto­ria di una don­na che ri­co­min­cia a vi­ve­re. Un po’ co­me lei

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di MA­RI­NA CAPPA

com­mo­ven­te, la sto­ria ve­ra del­la solitudine di un’an­zia­na si­gno­ra. Pos­so ca­pir­la: non ha nes­su­no e l’uni­ca co­sa che suc­ce­de nel­la gior­na­ta è il pas­sag­gio di que­sto tre­no». La ca­pi­sce per­ché pro­va an­che lei que­sto sen­ti­men­to di solitudine? «No, io non ne sof­fro, ho la for­tu­na di ave­re le mie fi­glie, i nipoti, tan­ti ami­ci». Jane Bir­kin ha 69 an­ni, ha avu­to gran­di amo­ri (uno su tut­ti: Ser­ge Gain­sbourg) e ha due fi­glie (Char­lot­te Gain­sbourg e Lou Doil­lon, men­tre la pri­mo­ge­ni­ta Ka­te Bar­ry si è uc­ci­sa nel 2013). Do­po tan­to ci­ne­ma (a par­ti­re dal topless di Blow-Up) e mol­ta mu­si­ca, ades­so il Fe­sti­val del film di Lo­car­no le de­di­ca un tri­bu­to. Il 4 ago­sto Jane ar­ri­ve­rà in Piaz­za Gran­de, e il 5 sa­rà pro­iet­ta­to, per la se­zio­ne Par­di di do­ma­ni, La fem­me et le Tgv. Il film rac­con­ta di Eli­se, che ogni gior­no si af­fac­cia sul­le ro­ta­ie do­ve pas­sa il Tgv sven­to­lan­do una ban­die­ri­na: lo fa­ce­va quan­do il fi­glio era pic­co­lo, ora è di­ven­ta­ta la sua uni­ca ra­gio­ne di vi­ta. Fin­ché dal tre­no ar­ri­va una let­te­ra, e lei im­prov­vi­sa­men­te «ri­na­sce». C’è una sce­na par­ti­co­lar­men­te com­mo­ven­te in que­sta sto­ria di mezz’ora di­ret­ta dal gio­va­ne Ti­mo von Gun­ten e am­bien­ta­ta in un pae­si­no sviz­ze­ro (ma gi­ra­ta in Fran­cia: in

È

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.