MA C’È IL GIO­CO-APE­RI­TI­VO?

Vanity Fair (Italy) - - Week -

Mai e poi mai mi so­no in­te­res­sa­to di hockey su pra­to, ju­do e pen­ta­thlon mo­der­no. Ades­so che ci so­no le Olim­pia­di di Rio, pe­rò, qua­si si­cu­ra­men­te fi­ni­rò a se­gui­re in Tv an­che que­ste ga­re. So­no fat­to co­sì. Ma non è di sport «mar­zia­ni» che vo­glio par­la­re. Quel­lo che mi in­cu­rio­si­sce que­st’an­no so­no di­cias­set­te let­te­re che com­pon­go­no due pa­ro­le tan­to sem­pli­ci quan­to ma­gi­che: Vil­lag­gio Olim­pi­co. Sì, im­paz­zi­sco – vab­bè, im­paz­zi­sco ma­ga­ri è un po’ trop­po – dal­la vo­glia di sa­pe­re tut­to di que­sto po­sto. Pa­ghe­rei per ve­de­re la par­te più im­por­tan­te e na­sco­sta dei Gio­chi, quel­la che po­chi rac­con­ta­no. Mi pia­ce­reb­be spia­re i mo­men­ti di sva­go e caz­zeg­gio, sa­pe­re se c’è bul­li­smo tra squa­dre, co­no­sce­re la top ten dei pet­te­go­lez­zi di cui tut­ti par­la­no, guar­da­re in fac­cia il cam­pio­ne dei tor­nei di po­ker o sca­la quaranta, o la me­da­glia d’oro nel­la ca­te­go­ria ri­mor­chio. Già, gli atle­ti du­ran­te i Gio­chi fan­no ses­so in­di­vi­dua­le, di cop­pia o a squa­dre? Van­no tut­ti in bian­co? Non si in­na­mo­ra­no? E la vi­ta so­cia­le? Tan­ta o po­ca? I su­per cam­pio­ni da me­da­glia, al­la Bolt, me li im­ma­gi­no in ri­ti­ro, con­cen­tra­tis­si­mi, chiu­si in una ca­me­ra iper­ba­ri­ca con de­ci­ne di elet­tro­di at­tac­ca­ti al pet­to sti­le Ivan Dra­go. E va be­ne co­sì, ci sta. Ma tut­ti gli al­tri che vi­ta fan­no? So­no ra­gaz­zi e ra­gaz­ze che per un me­se si tro­va­no nel­lo stes­so luo­go, a dar vi­ta al­la più al­ta con­cen­tra­zio­ne di or­mo­ni e te­sto­ste­ro­ne del glo­bo. Un mi­sto di ri­ti­ro spor­ti­vo, vil­lag­gio va­can­ze e To­ga Par­ty in sal­sa Era­smus. «Ben­ve­nu­ti al Vil­lag­gio Olim­pi­co di Rio! Do­po le ga­re del gior­no ci ve­dia­mo in piaz­zet­ta per il gio­co-ape­ri­ti­vo. E que­sta se­ra la de­le­ga­zio­ne bul­ga­ra ci ospi­te­rà per una ce­na a ba­se di Sar­mi. Al­le 22 ga­ra sen­za esclu­sio­ni di col­pi di ka­rao­ke. Fa­vo­ri­ti i giap­po­ne­si che so­no sta­ti tra l’al­tro pro­mo­to­ri del­la se­ra­ta. Chiu­de­re­mo la se­ra­ta con il Dj Set dell’ita­lia­no Gian­mar­co Tam­be­ri che no­no­stan­te l’in­for­tu­nio (for­za e co­rag­gio!) ave­va vo­glia di es­ser­ci». Vor­rei ve­de­re il fi­go del vil­lag­gio, la più bel­la che se la ti­ra, il cam­pio­ne di PlayS­ta­tion, il ti­ra­to­re di scher­ma egi­zia­no che par­la con un ju­do­ka bra­si­lia­no. Che si di­co­no? Co­me? Ul­ti­mo o pri­mo in clas­si­fi­ca, que­sti ra­gaz­zi por­te­ran­no a ca­sa ri­cor­di in­di­men­ti­ca­bi­li. Go­de­te­ve­la tut­ta. Sì, vor­rei es­se­re lì. Un po’ ro­si­co.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.