Se le pa­ro­le cro­cia­te e

Vanity Fair (Italy) - - Week -

Ho sem­pre ama­to le pa­ro­le cro­cia­te. Nel mio eter­no dub­bio di non sa­pe­re nul­la, riu­sci­re a ter­mi­na­re an­che so­lo un «an­go­let­to» del Bar­tez­za­ghi mi era di enor­me con­so­la­zio­ne: «Vab­bè, al­me­no so che la ca­pi­ta­le del Bur­ki­na Fa­so è Oua­ga­dou­gou». Se le fa­ce­vo da so­lo, era un allenamento per ar­ri­va­re pron­ti a quan­do le si com­pi­la­va in com­pa­gnia, per­ché il bel­lo era quel­lo: con mio pa­dre sot­to l’om­brel­lo­ne, con gli ami­ci in tre­no, con mia mam­ma nel­le sa­le d’aspet­to. Poi mi ap­pas­sio­nai al su­do­ku, che pe­rò in com­pa­gnia non re­ga­la le stes­se sod­di­sfa­zio­ni: quan­do di­ci «per me in que­sta ca­sel­la va il 7» non si in­ne­sca la stes­sa di­scus­sio­ne che na­sce dal ri­spon­de­re «Sal­vi­ni» al po­sto di «Ul­ri­ch An­ders» al­la de­fi­ni­zio­ne «L’uo­mo sen­za qua­li­tà». Poi ven­ne­ro gli smart­pho­ne e di­ven­tai di­pen­den­te da Can­dy Cru­sh. Ci ho de­di­ca­to cen­ti­na­ia di ore: sul tram, in tre­no, an­che

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.