VER­GI­NE

IL PE­SO DEI MIEI 20 AN­NI

Vanity Fair (Italy) - - Il Postino -

for­se il col­po di te­sta in tuf­fo con cui Pao­li­no Pu­li­ci con­se­gnò al To­ro lo scu­det­to del 1976. Ma lì ave­vo 15 an­ni e si trat­ta­va di un even­to obiet­ti­va­men­te ec­ce­zio­na­le, più an­co­ra del­lo sbar­co sul­la Lu­na o di un cas­so­net­to pu­li­to a Ro­ma. La tua si­tua­zio­ne, ca­ra Lea, mi sem­bra me­no straor­di­na­ria. Nel cor­so dei mil­len­ni al­cu­ni mi­liar­di di per­so­ne han­no af­fron­ta­to la pro­va che ti at­ten­de e l’han­no ri­sol­ta in qual­che mo­do. Suc­ce­de­rà an­che a te. Quan­do e con chi vor­rai tu, na­tu­ral­men­te. Se pro­prio mi chie­di un con­si­glio, guar­da­ti dal­la fret­ta e dal­la pau­ra: so­no en­tram­be cat­ti­ve con­si­glie­re. Le co­se suc­ce­do­no al mo­men­to giu­sto. Se an­co­ra non hai fat­to ses­so, si­gni­fi­ca che il mo­men­to non è an­co­ra ar­ri­va­to. Quan­do sa­rai pron­ta per sbloc­car­ti, si ma­te­ria­liz­ze­rà il ti­po adat­to. A oc­chio e cro­ce qual­cu­no con un li­vel­lo di sen­si­bi­li­tà più ele­va­to di quel car­cio­fo ir­ri­sol­to che se l’è da­ta a gam­be ap­pe­na gli hai espo­sto il car­tel­lo di di­vie­to di ac­ces­so, an­zi­ché ac­com­pa­gnar­ti con ener­gia e de­li­ca­tez­za ver­so il tra­guar­do. Un uo­mo, in­som­ma. Pa­re ne esi­sta­no an­co­ra, an­che se ul­ti­ma­men­te han­no im­pa­ra­to a mi­me­tiz­zar­si piut­to­sto be­ne. Tu, ca­ro E., ti can­di­di a fa­re par­te del­la ca­te­go­ria, ma ti sei im­bat­tu­to in un ne­mi­co su­pe­rio­re al­le tue for­ze. Lun­gi da me l’in­ten­zio­ne di man­ca­re di ri­spet­to ai cre­den­ti, pe­rò sa­rei cu­rio­so di sa­pe­re co­sa ne pen­se­reb­be uno spi­ri­to li­be­ro e aper­to al­la vi­ta co­me Ge­sù del­le tan­te gab­bie mo­ra­li al­le­sti­te in suo no­me dal­le or­ga­niz­za­zio­ni re­li­gio­se, com­pre­sa quel­la che a lui si ispi­ra. Il ses­so è un’espe­rien­za sa­cra, per­ché quan­do è fat­to con pas­sio­ne e to­ta­le ab­ban­do­no con­sen­te agli aman­ti di en­tra­re in con­tat­to con di­men­sio­ni al­tri­men­ti in­son­da­bi­li. Fa­re l’amo­re, far­lo be­ne, è un’espe­rien­za che ha a che fa­re con la di­vi­ni­tà. Sa­rà per que­sto che le re­li­gio­ni le han­no mes­so in­tor­no un fi­lo spi­na­to di di­vie­ti? Ciò det­to, la scel­ta del­la ra­gaz­za va ri­spet­ta­ta. An­che la tua, pe­rò, di non scam­bia­re il suo ri­fiu­to per una sen­ten­za di con­dan­na emes­sa dall’in­te­ro ge­ne­re fem­mi­ni­le. Il mon­do è pie­no di gio­va­ni don­ne co­me Lea, che han­no pau­ra e vo­glia di var­ca­re dol­ce­men­te la so­glia ol­tre la qua­le in­co­min­cia la vi­ta ve­ra. AN­DRÉ DA LOBA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.