IN AN­TE­PRI­MA MON­DIA­LE

Vanity Fair (Italy) - - Week -

Per con­so­la­re chi a quel­le do­man­de non ri­nun­cia, co­me un ra­gaz­zi­no che non vuo­le fa­re il suo Bar Mi­tz­vah, e che, a par­te spe­ra­re, non vuo­le fa­re nien­te, in ge­ne­ra­le, per­ché il mon­do non è del­la sua ta­glia. Per con­so­la­re chi cre­de di es­se­re sta­to di­men­ti­ca­to, che sia un bi­snon­no de­pres­so o un ca­ne fe­de­le, chi avreb­be bi­so­gno di un’al­tra vi­ta do­ve tra­slo­ca­re per sop­por­ta­re la sua, chi va in guer­ra, ma so­lo per­ché spe­ra che qual­cu­no gli di­ca non an­da­re, chi è stan­co di es­se­re stan­co, chi è sta­to tra­di­to, chi non vo­le­va tra­di­re, ep­pu­re. Per­ché, fon­da­men­tal­men­te, Sa­fran Foer ha tro­va­to le pa­ro­le e il mo­do per con­so­la­re noi, ec­co­ci. Noi che amia­mo, non amia­mo più, ame­re­mo sem­pre, noi che sa­pe­va­mo tut­to, ep­pu­re a un cer­to pun­to non ab­bia­mo ca­pi­to nien­te. Noi che at­tra­ver­sia­mo mo­men­ti di de­bo­lez­za per­ché sia­mo es­se­ri di de­bo­lez­za. Per no con quell’uni­ca per­so­na, con quel­le due, sei a cui ci vie­ne na­tu­ra­le ga­ran­ti­re: «Ec­co­mi». So­prat­tut­to con lo­ro, ma­le­di­zio­ne. So­prat­tut­to con lo­ro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.