Per for­tu­na sem­bro più vec­chio

È il più gio­va­ne pro­dut­to­re ita­lia­no. E ora, al Li­do, AN­DREA IERVOLINO pre­sen­ta due ilm con star in­ter­na­zio­na­li

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - Di MA­RI­NA CAPPA

al­la (qua­si) scuo­la di eren­zia­le al­la pro­du­zio­ne in­ter­na­zio­na­le. An­drea Iervolino, a 28 an­ni il più gio­va­ne pro­dut­to­re ita­lia­no, pre­sen­ta al­la Mo­stra di Ve­ne­zia In Du­bious Bat­tle, di­ret­to e in­ter­pre­ta­to da Ja­mes Fran­co con Se­le­na Go­mez, e The Blee­der, con la cop­pia (an­che nel­la vi­ta) Nao­mi Watts e Liev Schrei­ber, che tor­na a la­vo­ra­re in­sie­me die­ci an­ni do­po Il ve­lo di­pin­to. Non sem­pre pe­rò ad An­drea è an­da­ta co­sì be­ne. «A 6 an­ni bal­bet­ta­vo e la mae­stra non mi vo­le­va nel­la clas­se “nor­ma­le”. Mia ma­dre per for­tu­na si è op­po­sta, e io ho fat­to di tut­to per far­mi ac­cet­ta­re da­gli al­tri bam­bi­ni. Il pro­ble­ma è che in ca­sa, a Cas­si­no, non c’era­no sol­di, i miei com­pa­gni a me­ren­da spen­de­va­no 1.500 li­re per pa­ni­no e Co­caCo­la, e io per po­ter­me­li per­met­te­re ri­ven­de­vo le brio­che che mam­ma ave­va com­pra­to scon­ta­te, di­cen­do che ve­ni­va­no dal Ca­na­da, suo Pae­se d’ori­gi­ne». La sto­ria sa­reb­be strap­pa­cuo­re, se non

Dfos­se per il col­po di sce­na ci­ne­ma­to­gra co. A 15 an­ni, scap­pa­to di ca­sa e do­po un pas­sag­gio dai vil­lag­gi do­ve im­pa­ra a met­te­re su uno spet­ta­co­lo, si im­prov­vi­sa pro­dut­to­re, rac­co­glie sol­di dai ne­go­zian­ti di pae­se, but­ta giù una sto­ria d’am­bien­ta­zio­ne me­die­va­le, si pre­sen­ta all’aba­te di Mon­te­cas­si­no co­me «il dot­tor Iervolino», e ro­cam­bo­le­sca­men­te gi­ra il lm. Ri­sol­ve an­che il pro­ble­ma di­stri­bu­zio­ne: nei ci­ne­ma non lo vo­glio­no? Lui lo ri­ven­de al­le scuo­le. A quel pun­to, la car­rie­ra de­col­la. Co­me l’ae­reo che lo por­ta a vi­ve­re fra Los An­ge­les e To­ron­to. «Og­gi fac­cio una doz­zi­na di lm l’an­no, ma non in Ita­lia. Ho gi­ra­to, fra gli al­tri, The Hum­bling con Al Pa­ci­no, e ades­so con An­to­nio Ban­de­ras The Black But­ter y, che usci­rà a ne an­no». E la pren­do­no tut­ti sul se­rio, no­no­stan­te l’età? «Ho un van­tag­gio: gli an­ni me li por­to ma­le». D’al­tra par­te, ne­gli Sta­ti Uni­ti es­se­re gio­va­ni non è mai un han­di­cap. Co­sì, «la­vo­ran­do so­lo con quel­li in cui cre­do», An­drea è ar­ri­va­to al­la ter­za espe­rien­za con «il gran­dis­si­mo e in­stan­ca­bi­le» Ja­mes Fran­co, nel lm trat­to dal­la Bat­ta­glia di John Stein­beck sul di­sa­stro­so sciopero de­gli agri­col­to­ri in Ca­li­for­nia ne­gli an­ni ’30, che sa­rà pre­sen­ta­to a Ve­ne­zia il 3 set­tem­bre. Men­tre il gior­no pri­ma, fuo­ri con­cor­so, toc­che­rà a The Blee­der, «che è la sto­ria del ve­ro Roc­ky». Ma lei che pro­du­ce gran­di lm in­ter­na­zio­na­li co­me ge­sti­sce i com­pen­si: pa­ga più gli at­to­ri del­le at­tri­ci? «Io so­no per l’as­so­lu­ta equi­tà, spes­so pe­rò a de­ci­de­re so­no il ca­sting di­rec­tor e gli agen­ti, e in ge­ne­re è ve­ro che a pa­ri­tà di li­vel­lo, l’uo­mo co­sta di più. Per for­tu­na, il gap si sta su­pe­ran­do e le don­ne so­no sem­pre più pro­ta­go­ni­ste».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.