SEI VEC­CHIA!

Vanity Fair (Italy) - - Il Postino -

ali­men­tar­lo, chia­man­do «cre­sci­ta» il sui­ci­dio as­si­sti­to del­la sua ani­ma. Vi­ta­le non si­gni ca ne­ces­sa­ria­men­te più fe­li­ce. An­zi, al­len­ta­re le di­fe­se por­ta qua­si sem­pre a gal­la i pro­pri fan­ta­smi. Nel tuo ca­so, die­tro l’av­ven­tu­ra ac­ci­den­ta­le con l’ami­co-co­per­ta di Li­nus, sem­bra di co­glie­re una que­stio­ne in so­spe­so con la ma­ter­ni­tà che va per­si­no ol­tre la sen­sa­zio­ne del­la ne di qual­co­sa che ac­com­pa­gna l’in­ce­de­re del­la me­no­pau­sa. La ma­lat­tia, per for­tu­na de­bel­la­ta, ti ha im­pe­di­to di rea­liz­za­re il tuo pro­get­to di fa­mi­glio­na e og­gi ti sen­ti im­prov­vi­sa­men­te vuo­ta, sen­za uno sco­po. Non è co­sì, non è mai co­sì, per­ché hai ri­sor­se in ni­te e in ni­te ca­pa­ci­tà di por­ti nuo­vi tra­guar­di che dia­no un sen­so al­la rou­ti­ne dei ge­sti quo­ti­dia­ni. Per con­ti­nua­re con la tua me­ta­fo­ra, al prez­zo di pas­sa­re per un poe­ta da stra­paz­zo, non si trat­ta di spe­gne­re il fuo­co ma di in­di­riz­zar­lo ver­so le re­gio­ni più fred­de e ine­splo­ra­te del­la tua ani­ma. Po­tre­sti fa­re sco­per­te in­te­res­san­ti, co­me il de­si­de­rio di pren­der­ti co­mun­que cu­ra dei bam­bi­ni. Ma­ga­ri di quel­li de­gli al­tri. I mo­di per far­lo cer­to non man­ca­no, dall’a do al­le tan­te as­so­cia­zio­ni de­di­ca­te all’in­fan­zia sem­pre a ama­te di vo­lon­ta­ri. Fos­si in te, non met­te­rei con ni all’in­da­gi­ne sui tuoi bi­so­gni più pro­fon­di e ne­ga­ti. For­se è il tuo ma­tri­mo­nio che ha esau­ri­to la spin­ta pro­pul­si­va e fa­ti­ca ad ada­giar­si su una di­men­sio­ne di so­stan­zia­le an­cor­ché a et­tuo­sa ste­ri­li­tà. Op­pu­re è il tuo la­vo­ro che ha bi­so­gno di es­se­re tem­pra­to e ri­vi­ta­liz­za­to da una nuo­va s da. L’elen­co de­gli obiettivi è lun­go al­me­no quan­to quel­lo del­le in­sod­di­sfa­zio­ni e lo co­no­sci sol­tan­to tu. An­zi, nem­me­no tu, e que­sta cri­si è ar­ri­va­ta pro­prio per con­sen­tir­ti di sti­lar­lo. L’im­por­tan­te è che non ti li­mi­ti a bol­lar­la co­me un ca­pric­cio o un lus­so di cui ver­go­gnar­ti e da ri­muo­ve­re al più pre­sto. Il pro­ble­ma si ri­pre­sen­te­reb­be, fa­cen­do­ti spro­fon­da­re nel­la de­pres­sio­ne. Men­tre for­se la vi­ta ti sta di­cen­do sem­pli­ce­men­te que­sto: vuo­le che tu la ri­pren­da in ma­no, dan­do un col­po di vo­lan­te ver­so una nuo­va di­re­zio­ne. Buon viag­gio. AN­DRÉ DA LOBA

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.