Sot­to una buo­na stel­la

Vanity Fair (Italy) - - Eureka - C’è chi sce­glie la da­ta di na­sci­ta dei pro­pri igli per se­gui­re il cie­lo mi­glio­re: l’astro­lo­gia non può cam­bia­re il de­sti­no. Ma può aiu­ta­re ad ave­re le car­te giu­ste da gio­ca­re di Ste­fa­no Vi­ghi DI CHE SE­GNO SEI?

vvio ma non trop­po. Na­sce­re sot­to la buo­na stel­la non è so­lo un mo­do di di­re, ma può an­che es­se­re una scel­ta pre­ci­sa che pos­sia­mo fa­re con l’aiu­to di chi co­no­sce (be­ne) il cie­lo. Eleg­ge­re de­ri­va dal la­ti­no eli­ge­re, nel si­gni ca­to pro­prio di «sce­glie­re fra mol­ti», ri­fe­ren­do­si al­la pre­ci­sio­ne del­la scel­ta. Elet­ti­va è quel­la bran­ca dell’astro­lo­gia che ci aiu­ta a sce­glie­re – tra le mol­te­pli­ci pos­si­bi­li­tà – un pre­ci­so mo­men­to per fa­re qual­co­sa, per ini­zia­re, per da­re vi­ta. An­che a una per­so­na. Il con­cet­to è mol­to sem­pli­ce: se pos­so giu­di­ca­re la qua­li­tà di un cer­to istan­te, al­lo­ra pos­so as­su­me­re un ruo­lo at­ti­vo sce­glien­do, per esem­pio, il tem­po più adat­to a nché qual­co­sa pos­sa ac­ca­de­re, pos­sa ve­de­re la lu­ce. Per­ché un astro­lo­go po­trà con­si­glia­re il tem­po più pro­pi­zio per ini­zia­re il pro­prio cam­mi­no di vi­ta, per au­men­ta­re le pro­ba­bi­li­tà che il na­sci­tu­ro pos­seg­ga quel­le qua­li­tà e quel­le ca­rat­te­ri­sti­che che sia­no all’al­tez­za del­le aspet­ta­ti­ve di pa­pà e mam­ma. Bill Ga­tes, per esem­pio, con o sen­za l’aiu­to di un astro­lo­go, è na­to in un mo­men­to in cui le stel­le pro­met­te­va­no for­tu­na, l’ac­cu­mu­la­zio­ne di no­te­vo­li ric­chez­ze gra­zie al­la pro­pria ca­pa­ci­tà di emer­ge­re (Gio­ve nel­la ca­sa del de­na­ro e una Lu­na ge­nia­le che rap­pre­sen­ta Bill Ga­tes). Op­pu­re la re­gi­na Eli­sa­bet­ta d’In­ghil­ter­ra, un cie­lo in cui la per­so­na­li­tà e il ruo­lo di so­vra­na si spo­sa­no al­la per­fe­zio­ne gra­zie all’in­te­sa spe­cia­le tra Mar­te e Sa­tur­no. Me­no fa­ci­li le stel­le del pro­ni­po­te, il pic­co­lo Geor­ge di Cam­brid­ge, che rac­con­ta­no in­ve­ce di un uo­mo non ab­ba­stan­za for­te per ri­co­pri­re il ruo­lo di mo­nar­ca. Dal 1997 la fa­mi­glia rea­le in­gle­se non ha più un astro­lo­go di cor­te, e per chi cre­de nell’astro­lo­gia gli e et­ti si ve­do­no. Per al­tri si apre pe­rò una que­stio­ne mo­ra­le: al­cu­ni obiet­te­ran­no, in­fat­ti, che nes­su­no deb­ba po­ter­si so­sti­tui­re al vo­le­re uni­ver­sa­le, con­di­zio­nan­do o al­te­ran­do – a suo pia­ce­re – mo­di e qua­li­tà di es­se­re di una per­so­na. In real­tà, se­con­do il cre­do lo­so co di chi pra­ti­ca l’ar­te del­le stel­le, nes­su­no – nem­me­no un astro­lo­go – può ve­ra­men­te cam­bia­re gli even­ti. Sem­pli­ce­men­te si in­di­ca un cie­lo in cui, chi na­sce, pos­sa tro­va­re for­za e se­re­ni­tà, op­pu­re la ca­pa­ci­tà di sop­por­ta­re al­cu­ni de­sti­ni, al­cu­ne real­tà par­ti­co­lar­men­te im­por­tan­ti. Ri­cor­dan­do­ci che tut­to è pro­ba­bil­men­te già scrit­to. E non è un ca­so che sia­no so­prat­tut­to i ge­ni­to­ri ap­par­te­nen­ti al­le classi sociali più ele­va­te a chie­de­re con­si­glio all’astro­lo­go. E non tan­to per il co­sto del ser­vi­zio, quan­to per­ché è so­prat­tut­to chi sa di do­ver tra­smet­te­re gran­di re­spon­sa­bi­li­tà o pa­tri­mo­ni al­la pro­le che, più di tut­ti, si pre­oc­cu­pe­rà di ave­re un ere­de con le stel­le all’al­tez­za del­la si­tua­zio­ne. Politici e gran­di in­du­stria­li so­no cer­ta­men­te tra le per­so­ne che chie­do­no con­si­glio agli astri per sce­glie­re il gior­no, an­zi l’ora, mi­glio­re per una na­sci­ta. Pro­se­guen­do in­con­sa­pe­vol­men­te una tra­di­zio­ne che giun­ge dai re­gnan­ti e dai gran­di no­bi­li del pas­sa­to, i qua­li ten­ta­va­no, con me­to­di na­tu­ra­li e pre­ci­si com­por­ta­men­ti, di an­ti­ci­pa­re o po­sti­ci­pa­re il mo­men­to del tra­va­glio. Lo stes­so par­to ce­sa­reo è una pra­ti­ca an­ti­ca ri­sa­len­te all’età ro­ma­na: il no­me «ce­sa­reo» de­ri­va in­fat­ti da una cre­den­za che vo­le­va Giu­lio Ce­sa­re es­se­re na­to con un par­to in­dot­to. L’astro­lo­go giu­di­che­rà co­sì non so­lo il gior­no, ma an­che l’ora di na­sci­ta mi­glio­re gra­zie all’ascen­den­te: at­ten­zio­ne, per­ché tal­vol­ta ba­sta­no po­chi mi­nu­ti per mu­ta­re, an­che in mo­do ra­di­ca­le, qua­li­tà e de­sti­ni di chi fa la sua com­par­sa sul pia­ne­ta. Sen­za di­men­ti­ca­re, pe­rò, che la vi­ta as­so­mi­glia a una par­ti­ta a car­te: quel­le che ci ven­go­no ser­vi­te rap­pre­sen­ta­no il de­sti­no, il mo­do in cui le gio­che­re­mo è in­ve­ce il no­stro li­be­ro ar­bi­trio, la no­stra ca­pa­ci­tà di pren­de­re e di usa­re so­lo il me­glio di ciò che sia­mo. Pos­si­bil­men­te con le stel­le a fa­vo­re. La rap­pre­sen­ta­zio­ne del­lo Zo­dia­co sul sof­fit­to del­la Stan­za del­le Geo­gra­fi­che di Pa­laz­zo Farnese a Ca­pra­ro­la (Vt).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.